cbd-cancro della pelle
15 min.

Il cancro è una delle malattie più terribili che affliggono gli esseri umani e gli animali. Fortunatamente al giorno d’oggi esistono varie cure e trattamenti che possono aiutare a contrastare questa patologia. Secondo molti studi, il CBD è una delle sostanze più di spicco  su cui contare per alleviare i sintomi (senza incorrere in effetti collaterali spiacevoli).

Ma non confondete il CBD (Cannabidiolo) con il semplice olio di canapa, perchè quest’ultimo non è una cura anticancro.

CBD – un aiuto contro il cancro

Un estratto dalle piante di canapa, il cannabidiolo (CBD), è stato dimostrato essere fondamentale per la buona riuscita nella lotta contro i tumori. La pianta di cannabis dalla quale viene estratta questa sostanza, è stata utilizzata per secoli da diverse popolazioni. Dalla medicina tradizionale cinese fino alla Grecia, ed all’India ayurvedica ed in molte altre culture ancora, questa pianta ha dominato il mondo della medicina. L’olio di CBD continua ad essere di fondamentale importanza in oncologia. In particolar modo, questa sostanza è fondamentale per la sua interazione con il nostro sistema endocannabinoide che aiuta a mantenere in equilibrio le funzioni corporee ed è di vitale importanza nel trattare svariati disturbi e malattie.

Interazione del CBD con i recettori degli endocannabinoidi

Questo sistema è composto da due principali recettori, il recettore CB1 ed il recettore CB2. Secondo gli studi, i recettori CB1 si trovano per la maggior parte nel cervello e nel sistema nervoso. I recettori CB2, invece, si trovano nella milza, nel sistema immunitario ed altre strutture simili1.

Questi recettori reagiscono in maniera diversa a seconda del cannabinoide che entra in contatto con loro. Per esempio il THC ha una grande affinità con i recettori CB1 ma è in realtà un cannabinoide molto potente che si lega e attiva entrambi i tipi di recettori.

Il CBD invece agisce indirettamente contro il THC, ed invece di legarsi ad esso, blocca l’ingresso ai recettori a lui ed agli altri agenti chimici.

Una qualità essenziale del CBD è la sua capacità di interagire con svariati altri recettori del nostro organismo, inclusi i recettori 5-HT1A che sono collegati ai recettori vanilloidi TRPV1 ed alla serotonina2. Questi recettori entrano in azione come un canale ionico. Infatti il CBD aiuta con diverse funzioni, a partire dall’omeostasi del corpo fino a funzioni ambientali.

Cosa dice la ricerca sull’uso del CBD in oncologia?

Sono stati condotti svariati studi e ricerche sull’olio di CBD per la cura dei tumori. Nel 1975, i ricercatori hanno iniziato a puntare alla cannabis come cura ideale per il cancro. Nonostante le restrizioni legali, l’industria medica ha potuto ottenere prove entusiasmanti per quanto riguarda gli effetti di questa pianta sui pazienti oncologici. Uno degli aspetti positivi del cannabidiolo è che non provoca alcun effetto stupefacente nel consumatore, e ciò lo contraddistingue da molti altri cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis.

Secondo delle ricerche preliminari, il CBD come trattamento per il cancro può essere efficace in diversi stadi della malattia. Uno degli aspetti che i ricercatori hanno voluto da subito mettere in evidenza è la capacità del cannabidiolo di innescare la morte dei nuclei tumorali ed impedire il formarsi di metastasi3. Inoltre possiede proprietà anti-angiogeniche, che regolano la formazione di nuove cellule e vasi sanguigni. Per tutti questi motivi, il CBD ha la facoltà di rallentare o persino fermare il progredire della malattia, e soprattutto limitare l’invasività.

Trattamento oncologico specifico

Una terapia a base di CBD è stata dimostrata efficace nella cura in particolare del cancro ai polmoni, leucemia, carcinoma, ed altri tipi di tumore. Il CBD può risultare fondamentale nel limitare l’espandersi della malattia e ridurre gli effetti collaterali derivati dalla chemioterapia.

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics4 il CBD aiuta nella battaglia contro il tumore al seno. Ciò è possibile proprio grazie all’efficienza antitumorale offerta dai cannabinoidi ed in particolare dal cannabidiolo. Questo infatti  coordina la comunicazione tra apoptosi e autofagia, riuscendo così a programmare la morte delle parti tumorali della mammella. Un altro studio conferma che il CBD della pianta di canapa aiuta a ridurre ed in alcuni casi addirittura eliminare il cancro al seno.5.

Gli studi hanno anche dimostrato l’efficacia del CBD contro il cancro alla vescica. L’attivazione del recettore TRPV22, ad esempio, innesca la morte cellulare apoptotica nelle cellule T24 del cancro alla vescica negli esseri umani.6. Inoltre è stato assodato che il CBD ha il potenziale per trattare malattie linfoblastiche, inclusi i linfomi e la leucemia7. È stato osservato come il CBD incoraggia il suicidio delle cellule cancerogene nei linfomi e, relazionandosi con i recettori CB2, diminuisce la formazione di nuove tumori8.  

Esami scientifici dimostrano l’efficacia del CBD nella prevenzione del cancro al colon. Seppure gli esami siano tuttora preliminari, questa pista merita uno sguardo attento. Uno studio ha evidenziato infatti come il CBD riduca lo sviluppo dei tratti a carattere cancerogeno tipici dei pazienti affetti da cancro al colon, come  ghiandole anormali nel retto e nel colon stesso. Questo studio inoltre sostiene che questo cannabinoide possa ridurre anche i polipi esistenti.9

Il CBD ha un grosso potenziale nella trattamento del cancro al cervello. Uno studio del Journal Pharmacology and Experimental Therapeutics 10 ha evidenziato che il CBD ha un potente l’effetto antitumorale, previene efficacemente la migrazione delle cellule di glioma grazie ad un meccanismo indipendente dal recettore dei cannabinoidi.

Nel febbraio 2019, un caso studio in cui un paziente ha trattato un adenocarcinoma del polmone con CBD, ha attirato l’attenzione per i sorprendenti risultati ottenuti11 Il tumore nel polmone è diminuito significativamente. Uno studio precedente fornisce indicazioni su come si verifica questo effetto. Il ruolo dei recettori COX-2 e PPAR-γ nell’apoptosi indotta dal CBD (“programma di suicidio” delle cellule biologiche) delle cellule tumorali del polmone è stato studiato in modo più dettagliato, in parole povere il CBD induce i nuclei tumorali a eliminarsi.12

Uso del CBD durante la chemioterapia

Nausea e vomito causati da chemioterapia (CINV) sono tra i più comuni effetti collaterali. Ciò può influire molto sulla qualità della vita dei pazienti (QoL). Uno dei vantaggi maggiori del CBD visti per ora, è la sua capacità di minimizzare questi terribili effetti, quali nausea, vomito e dolore cronico. La maggior parte dei cannabinoidi sintetici prodotti ed approvati dalla FDA si sono dimostrati efficaci.

L’uso del CBD nel trattamento contro il cancro è per ora molto utilizzato come terapia supplementare13

Un articolo pubblicato nel 2013 sulla rivista Carcinogenesis14 descrive che il CBD rende il glioblastoma, il tumore cerebrale maligno più comune negli adulti, più suscettibile alla chemioterapia. Il CBD aumenta l’attività del TRPV2, che a sua volta migliora la capacità delle cellule del glioma di assorbire gli agenti chemioterapici. Allo stesso tempo, non vi è stato alcun effetto sui normali astrociti del corpo.

Un anno dopo, un altro studio pubblicato sul British Journal of Pharmacology ha concluso che il CBD contrasta il dolore neuropatico senza influenzare negativamente la funzione del sistema nervoso o l’efficacia della farmacologia classica15.

In generale, i cannabinoidi sintetici somministrati per via orale come il dronabinol16 e nabilone17  hanno mostrato una dominanza sugli antagonisti del recettore della dopamina. Questo li rende indispensabili nella prevenzione della nausea e vomito indotti dalla chemio.

Trattamento CBD per cani ed altri animali domestici affetti da tumore

La ricerca dimostra che il utilizzare olio di CBD contro questo male funziona non solo negli esseri umani ma anche per gli animali domestici18.  I cani possono soffrire di diversi tipi di patologie relative a carcinoma, come quello della pelle, che è abbastanza comune nei cani. Altri tipi di patologie comuni nei cani includono il tumore alla ghiandola mammaria per le femmine, così come il quello alla testa e al collo. Alcuni cani inoltre sono vittime di carcinomi della bocca, che necessitano di un rapido intervento.

Gli animali soffrono la chemioterapia tanto quanto gli esseri umani. Il CBD ha largamente dimostrato di essere in grado di arginare i problemi gastrointestinali come la nausea ed il vomito causati dalla chemioterapia. Inoltre può stimolare l’appetito19 e ridurre infiammazione e dolore comunemente presenti nei pazienti oncologici20.

Gli studi citati anche in questo articolo suggeriscono che il CBD e altri componenti della cannabis o canapa, possono anche avere il potenziale per combattere questo male terribile e i suoi sintomi, sia negli animali da allevamento che negli animali domestici.

Articolo correlato: CBD per gli animali.

Conclusioni

Ci sono numerosi studi sulla cannabis terapeutica e del CBD per il questa brutta patologia. Già nel 1975 i ricercatori hanno studiato la cannabis come possibile farmaco per il trattamento di questa patologia. Nonostante le restrizioni legali, la scienza ha scoperto interessanti prove dell’effetto positivo della pianta nei pazienti affetti da tumore. Un altro aspetto importante del CBD è che non può indurre effetti psicoattivi nei pazienti. Questo la distingue dagli altri cannabinoidi della pianta di canapa.

Secondo i risultati della ricerca citata, il CBD potrebbe essere di supporto in diverse aree del trattamento dei diversi tipi di tumore. Gli studi hanno dimostrato, tra le altre cose, che il CBD innesca la morte cellulare (apoptosi)in quelle affette da tumore, ma non colpisce le cellule sane. Mostra anche il potenziale di prevenire la migrazione delle cellule tumorali. Si sospettano anche proprietà antiangiogenetiche3. Questo potrebbe prevenire la formazione di nuovi vasi sanguigni che andrebbero a alimentare ulteriormente e quindi peggiorare il tumore. Così invece le si potrebbero ridurre le probabilità che si verifichino metastasi.

I cannabinoidi come il tetraidrocannabinolo, gli endocannabinoidi e gli agonisti sintetici, così come il trasporto degli endocannabinoidi hanno mostrato effetti antitumorali21. Ci sono prove che i cannabinoidi sono pro-apoptotici (l’apoptosi è il processo di morte cellulare che si verifica negli organismi multicellulari). Secondo gli studi, i componenti della cannabis hanno anche un effetto anti-proliferativo, il che significa che rallentano anche la crescita e la diffusione delle cellule tumorali. Questi effetti combattono la migrazione delle cellule, l’invasione e l’adesione. Secondo un rapporto del National Cancer Institute sugli effetti antitumorali, questi composti della canapa possono aiutare a inibire la crescita delle cellule tumorali.22.

La CBD potrebbe essere benefica nel cancro della pelle, di quello al seno, alla vescica, nella leucemia, nel linfoma e in molti altri casi sia gli esseri umani e sia per gli animali. Ci sono ancora molte cose che i ricercatori devono scoprire riguardo alla cannabis sativa e all’olio di CBD per il trattamento del di questa malattia. Molti sono molto ottimisti sul fatto che la medicina a base di canapa sarà usata più spesso contro questo terribile male.

Riferimenti

  1. Bisogno, Tiziana, and Vincenzo Di Marzo. „Cannabinoid receptors and endocannabinoids: role in neuroinflammatory and neurodegenerative disorders.“ CNS & Neurological Disorders-Drug Targets (Formerly Current Drug Targets-CNS & Neurological Disorders) 9.5 (2010): 564-573. []
  2. Linge, Raquel, et al. „Cannabidiol induces rapid-acting antidepressant-like effects and enhances cortical 5-HT/glutamate neurotransmission: role of 5-HT1A receptors.“ Neuropharmacology 103 (2016): 16-26. []
  3. Sulé-Suso, Josep, et al. „Striking lung cancer response to self-administration of cannabidiol: A case report and literature review.“ SAGE open medical case reports 7 (2019): 2050313X19832160. [] []
  4. Ligresti, A., Moriello, A., Starowicz, K., Matias, I., Pisanti, S., De Petrocellis, L., Laezza, C., Portella, G., Bifulco, M. and Di Marzo, V. (2006). Antitumor Activity of Plant Cannabinoids with Emphasis on the Effect of Cannabidiol on Human Breast Carcinoma. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, 318(3), pp.1375-1387. []
  5. Shrivastava, Ashutosh, et al. „Cannabidiol induces programmed cell death in breast cancer cells by coordinating the cross-talk between apoptosis and autophagy.“ Molecular cancer therapeutics 10.7 (2011): 1161-1172 []
  6. Yamada, Takahiro, et al. „TRPV2 activation induces apoptotic cell death in human T24 bladder cancer cells: a potential therapeutic target for bladder cancer.“ Urology 76.2 (2010): 509-e1. []
  7. Massi, Paola, et al. „Cannabidiol as potential anticancer drug.“ British journal of clinical pharmacology 75.2 (2013): 303-312. []
  8. McKallip, Robert J., et al. „Cannabidiol-induced apoptosis in human leukemia cells: a novel role of cannabidiol in the regulation of p22phox and Nox4 expression.“ Molecular Pharmacology 70.3 (2006): 897-908. []
  9. Aviello, Gabriella, et al. „Chemopreventive effect of the non-psychotropic phytocannabinoid cannabidiol on experimental colon cancer.“ Journal of molecular medicine 90.8 (2012): 925-934. []
  10. Massi, Paola, et al. „Antitumor effects of cannabidiol, a nonpsychoactive cannabinoid, on human glioma cell lines.“ Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics 308.3 (2004): 838-845 []
  11. ulé-Suso, Josep, et al. „Striking lung cancer response to self-administration of cannabidiol: A case report and literature review.“ SAGE open medical case reports 7 (2019): 2050313X19832160. []
  12. Ramer, Robert, et al. „COX-2 and PPAR-γ confer cannabidiol-induced apoptosis of human lung cancer cells.“ Molecular Cancer Therapeutics 12.1 (2013): 69-82 []
  13. Airc.it. (2019). La marijuana può essere utile nella cura del cancro?. [online] Available at: https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/corretta-informazione/marijuana-cura-cancro []
  14. Nabissi, Massimo, et al. „Triggering of the TRPV2 channel by cannabidiol sensitizes glioblastoma cells to cytotoxic chemotherapeutic agents.“ Carcinogenesis 34.1 (2012): 48-57. []
  15. Ward, Sara Jane, et al. „Cannabidiol inhibits paclitaxel‐induced neuropathic pain through 5‐HT1A receptors without diminishing nervous system function or chemotherapy efficacy.“ British journal of pharmacology 171.3 (2014): 636-645 []
  16. Meiri, Eyal, et al. „Efficacy of dronabinol alone and in combination with ondansetron versus ondansetron alone for delayed chemotherapy-induced nausea and vomiting.“ Current medical research and opinion 23.3 (2007): 533-543. []
  17. Ware, Mark A., Paul Daeninck, and Vincent Maida. „A review of nabilone in the treatment of chemotherapy-induced nausea and vomiting.“ Therapeutics and clinical risk management 4.1 (2008): 99. []
  18. Samara, E. M. I. L., M. E. I. R. Bialer, and R. A. P. H. A. E. L. Mechoulam. „Pharmacokinetics of cannabidiol in dogs.“ Drug metabolism and disposition 16.3 (1988): 469-472. []
  19. Fride, Ester, Tatyana Bregman, and Tim C. Kirkham. „Endocannabinoids and food intake: newborn suckling and appetite regulation in adulthood.“ Experimental Biology and Medicine 230.4 (2005): 225-234 []
  20. Nagarkatti, Prakash, et al. „Cannabinoids as novel anti-inflammatory drugs.“ Future medicinal chemistry 1.7 (2009): 1333-1349 []
  21. Hermanson, Daniel J., and Lawrence J. Marnett. „Cannabinoids, endocannabinoids, and cancer.“ Cancer and metastasis reviews30.3-4 (2011): 599-612. []
  22. Shrivastava, Ashutosh, et al. „Cannabidiol induces programmed cell death in breast cancer cells by coordinating the cross-talk between apoptosis and autophagy.“ Molecular cancer therapeutics 10.7 (2011): 1161-1172. []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *