9 min.

✓ Evidence Based


Rate post

CBD aiuta con l’HIV?

  • I ricercatori credono di ritengono che CBD e THC influenzano la salute di una persona attraverso diversi modi di interfacciarsi con i sistemi endocannabinoidi (ECS). Il consumo di cannabis medica colpisce anche il sistema immunitario in modo diretto (1 ) .
  • La ricerca ha dimostrato che il CBD può aiutare ad aumentare l’immunità e offrire sollievo da alcuni sintomi dell’HIV, tra cui il gonfiore, SCUSSO < /a> e ansia che sono caratterizzati da eccessive preoccupazioni e agitazione, irrequieto. come stanchezza (2 ) .
  • Poiché il processo di trattamento dell’HIV può essere stressante che gli integratori CBD possono alleviare lo stress del trattamento e aiutare a migliorare il sonno (3 < sup>) . Secondo uno studio del 2013 che è stato pubblicato all’interno del Journal of the Acquisid Immune Deficit Syndromes, i farmaci antiretrovirali sono più efficaci quando l’utente dorme e non è stressato (4 ) .
  • studi di ricerca hanno dimostrato che coloro che hanno usato TCH e CBD in un rapporto one-to-one o in un rapporto di 1: 9 e i farmaci antiretrovirali hanno notato un aumento del loro numero di cellule T CD4+ (5 ) . La cellula T CD4+è una cellula ematica bianca che aiuta a combattere le infezioni.
  • Ma è stato anche dimostrato che il CBD interagisce con diversi farmaci e influisce sul modo in cui il corpo elabora determinati farmaci in uno studio del 2017. Studio trovato (6 ) . Parla con un medico che ha familiarità con la cannabis prima di iniziare il regime CBD o mescolarlo con farmaci da prescrizione attualmente in uso.

>
Come scegliere il CBD giusto per l’HIV

La ricerca che è stata menzionata in precedenza mostra che il CBD non è l’unico cannabinoide nella cannabis che può aiutare a curare l’HIV e le sue manifestazioni. Pertanto, quando si seleziona il miglior prodotto CBD, scegli uno che ha lo spettro completo di olio CBD.

L’olio di CBD a spettro completo è una fonte completa di fitonutrienti presenti nella canapa, come piccole quantità di THC e terpeni, flavonoidi e oli essenziali. Queste sostanze si combinano per migliorare gli effetti terapeutici di ciascun cannabinoide, che si traduce in un “effetto entourage”.

Le persone che sono allergiche al THC potrebbero voler considerare l’olio di CBD con ampio spettro, che è simile al CBD a spettro completo, ma senza il THC che fa sì che gli utenti si alzino.

Ma indipendentemente dal tipo di prodotto CBD si sceglie un approccio attento quando si seleziona l’olio CBD più efficace che può aiutare il sistema immunitario, nonché dolore, infiammazione e ansia.

I seguenti elementi sono fondamentali per garantire la sicurezza dei prodotti CBD acquistati: prodotti CBD acquistati:

  1. Studia i requisiti legali che richiedono CBD nella regione in cui viene acquistato e utilizzato.
  2. Acquista solo prodotti CBD di alta qualità da marchi affidabili e affidabili. La maggior parte delle aziende che producono prodotti petroliferi CBD di alta qualità coltivano la loro canapa nelle proprie fattorie o lo acquistano una canapa dai produttori di canapa certificati.
  3. Leggi le recensioni dei prodotti prima di acquistare da un rivenditore online. Se acquisti in un negozio fisico o in un dispensario, assicurati che il negozio sia autorizzato dall’offerta del governo federale CBD.
  4. La cosa più importante da cercare quando si acquista il prodotto CBD è il codice di certificazione. Alcuni enti di certificazione accettano alcuni prodotti CBD solo dopo un test di screening approfondito.
  5. Confronta le affermazioni delle aziende sull’efficacia dei loro prodotti rispetto ai test di laboratorio di terze parti. Trova una certificazione di analisi per ogni acquisto.
  6. Una consultazione con un professionista medico rispettabile che ha esperienza nell’uso del CBD è una buona idea prima di acquistare la sua bottiglia iniziale di CBD.

Dosaggio di CBD per l’HIV

Non esiste un dosaggio di CBD consigliato specificamente per combattere il fungo o per qualsiasi altra malattia fungina.

Secondo un articolo pubblicato da Peter Grinspoon, MD, su Harvard Health nell’agosto 2019 gli esperti non sono a conoscenza del dosaggio terapeutico più efficace del CBD per una particolare condizione di salute medica (35 ) < /sup>.

In assenza di prove sufficienti che sono di alta qualità negli studi umani, le dosi efficaci non possono essere stabilite.

Come prendere l’olio di CBD per i sintomi dell’HIV

L’olio di CBD non è in grado di trattare l’HIV, tuttavia può essere utile per gestire i sintomi. Uno dei segni più comuni di cui soffrono le persone con l’HIV è una costante e dolorosa eruzione della pelle.

In questo caso, l’olio di CBD può essere utile in quanto può essere trovato anche in forme topiche come crema, balsamo di lozione, patch, salve e sali da bagno.

Per i prodotti per uso topico, cerca le parole sulle etichette che mostrano l’uso della nanotecnologia, dell’incapsulamento o del processo di micellizzazione del CBD. Questi termini suggeriscono che la loro soluzione potrebbe trasportare CBD in tutto lo strato epidermico invece di rimanere nel derma.

CBD Capsule e edibili olio, come brownies, gummies e losanghe sono un metodo facile e conveniente per consumare petrolio CBD, in particolare per Coloro che sono i primi utenti CBD.

È semplice incorporare nelle routine e il dosaggio è costante. L’olio di CBD può essere aggiunto al cibo o alle bevande più amato di una persona e altro ancora.

Le gocce di CBD o le tinture di petrolio sono un’alternativa ideale per coloro che cercano risultati rapidi e il più alto controllo della dose.

Le gocce e le tinture possono essere somministrate sotto la lingua (sotto la lingua) attraverso la quale l’olio di CBD viene assorbito direttamente nel flusso sanguigno.

La quantità desiderata di gocce sulla lingua con il contagocce. Quindi consentire all’olio CBD di rimanere in posizione per almeno 60 minuti. Dopo che sono passati 60 secondi, bevi un sorso di olio di CBD.

Gli oli di CBD in vape sono tra i metodi più veloci per introdurre il CBD nel tuo corpo, poiché viene assorbito nel flusso sanguigno attraverso i polmoni senza dover passare attraverso il sistema di digestione.

È importante notare che lo svapo non è per tutti e alcune persone potrebbero non essere a proprio agio con questo metodo.

Gli esperti non sono sicuri se lo svapo causi problemi polmonari, ma ritengono che la causa primaria sia la contaminazione, che potrebbe causare reazioni allergiche o irritazione alle sostanze chimiche presenti nei vapori per inalazione (36 ) .

>
Qual è il virus dell’immunodeficienza Simian (SIV)?

SIV può essere descritto come un virus HIV che ha il potenziale per essere trasmesso a scimmie e scimmie e può causare una condizione simile all’AIDS.

Poiché l’HIV e l’immunodeficienza Simian (SIV) sono virus strettamente correlati, i ricercatori studiano SIV come mezzo per acquisire conoscenze sull’HIV.

Ma SIV non può infettare gli esseri umani e l’HIV non è in grado di essere trasmesso alle scimmie (37 ) .

THC e antiretrovirali

Il marinolo (dronabinolo) è una droga approvata dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti è una versione di cannabis creata dall’uomo. È stato pubblicizzato come sostituto più sicuro per la cannabis medica.

Il componente attivo è thc, noto anche come tetraidrocannabinolo (THC) , una sostanza che causa gli effetti psicoattivi della marijuana.

Uno studio ha solo esaminato gli effetti dei cannabinoidi della farmacocinetica del farmaco. Ricercatori di questo ricerca ha concluso che l’uso della marijuana o del dronabinolo non influisce sull’efficacia degli antiretrovirali < Sup> (38 ) .

Qualità della vita

La malattia dell’HIV è una delle malattie più deprimenti, con una varietà di effetti che alterano la vita sui malati. Pertanto, la valutazione del QOL è vitale.

The Research Rilasciato nel Indian Journal of sessualmente trasmesse malattie e aiuti definisce QOL come una sensazione generale di benessere che include soddisfazione e felicità con il mondo intorno a te (39 ) .


L’Organizzazione mondiale della sanità (che) definisce il QOL come una percezione di “individui della loro posizione nella vita nel contesto della cultura e dei sistemi di valori in cui vivono e in relazione ai loro obiettivi, standard, aspettative e preoccupazioni. “

Conclusione

L’HIV è una condizione autoimmune che non ha cura. I benefici del CBD per il trattamento possono aiutare le persone che soffrono di HIV e AIDS a combattere i loro sintomi e aiutarli a rilassarsi e migliorare la propria vita.

Il CBD è un ottimo supplemento ad altre medicine alternative e complementari prese da coloro che soffrono di HIV che non sono in grado di provare sollievo o conforto dagli antiretrovirali più comuni.

Come rimedio naturale che ha benefici distinti, il CBD ha anche i suoi svantaggi e pericoli. Pertanto, coloro che vogliono incorporare il CBD nella loro routine devono prima consultare un medico che è ben informato sull’uso della cannabis.

Una quantità crescente di stati ad eccezione degli stati del solo petrolio CBD, o stati che hanno un elenco infinito di disturbi, includono in particolare l’HIV e l’AIDS come condizione che si qualifica per utilizzare la marijuana medica.

Nel 2019, i 29 stati comprendono Alaska, California, Colorado, Florida, Hawaii, Nevada, New Jersey, New York, Ohio, Carolina del Sud, Vermont e Washington.

Esistono più di 8000 studi clinici sull’HIV e disturbi correlati su ClinicalTrials.gov una risorsa online che viene mantenuta e fornita attraverso la National Library of Medicine degli Stati Uniti per fornire dettagli sull’HIV.

  1. Biles, M. (2019, 8 maggio). Cannabis e sistema immunitario: un atto di bilanciamento complesso. Estratto da https://www.projectcbd.org/science/cannabis-and-imune-system< >.
  2. Burstein S. Cannabidiolo (CBD) e i suoi derivati uno studio sugli effetti che hanno sull’infiammazione. Bioorg Med Chem 2015; 23: 1377-85. 10.1016/j.bmc.2015.01.059; Bergamaschi MM, Queiroz RH, Zuardi AW, et al. Sicurezza e effetti negativi del cannabidiolo, che è un componente di cannabis sativa. Curr Drug Saf 2011; 6: 237-49. 10.2174/157488611798280924; Russo Eb. Cannabinoidi per il trattamento di difficile da gestire il dolore. Ther Clin Risk Manag. 2008; 4 (1): 245-259. doi: 10.2147/tcrm.s1928; Shannon S, Lewis N, Lee H, Hughes S. Cannabidiolo in ansia e sonno: una grande serie di casi. Perm J. 2019; 23: 18-041. doi: 10.7812/tpp/18-041; Hanson, R. (2019, 4 giugno). CBD: un aiuto promettente per i pazienti con HIV? Estratto da https://hivatis.org/cbd-a-promising-aid-for-hiv -pazienti/.
  3. Hanson, R. (2019, 4 giugno). CBD: un aiuto promettente per i pazienti con HIV? Estratto da https://hivatis.org/cbd-a-promising-aid-for-hiv -pazienti/.
  4. Chen WT, Shiu CS, Yang JP, et al. Affaticamento e disturbi del sonno correlati allo stress percepito negli individui HIV-positivi cinesi: uno studio di metodi misti. J AIDS Clin Res. 2013; 4 (6): 15524. doi: 10.4172/2155-6113.1000214.
  5. Costiniuk CT, Sanei Z, Routy JP, et al. Cannabinoidi orali per le persone con HIV che ricevono un’efficace terapia antiretrovirale: protocollo Studio CTN PT028 per uno studio randomizzato iniziale per determinare la sicurezza, la tollerabilità e l’impatto sull’attivazione del sistema immunitario. BMJ aperto. 2019; 9 (1): E024793. Pubblicato 2019 17 gennaio. Doi: 10.1136/bmjopen-2018-024793.
  6. Iffland K, Grotenhermen F. Un aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo: una revisione dei dati clinici e studi sugli animali pertinenti. Cannabis Cannabinoid Res. 2017; 2 (1): 139-154. Pubblicato 2017 1 giugno DOI: 10.1089/CAN.2016.0034.
  7. Vajpayee M, Mohan T. Metodi attuali nella sorveglianza di laboratorio per l’infezione da HIV. Indian J Med Res. 2011; 134 (6): 801-822. doi: 10.4103/0971-5916.92627.
  8. Hanson, R. op. CIT.
  9. ibid.
  10. ibid.
  11. Russo Eb. Cannabinoidi per il trattamento di difficile da gestire il dolore. Ther Clin Risk Manag. 2008; 4 (1): 245-259. doi: 10.2147/tcrm.s1928; Shannon S, Lewis N, Lee H, Hughes S. Cannabidiolo in ansia e sonno: una grande serie di casi. Perm J. 2019; 23: 18-041. doi: 10.7812/tpp/18-041.
  12. Russo Eb. Cannabinoidi per il trattamento di difficile da gestire il dolore. Ther Clin Risk Manag. 2008; 4 (1): 245-259. doi: 10.2147/tcrm.s1928.
  13. Hanson, R. op. CIT.
  14. ibid.
  15. Chen WT et al. Op cit.
  16. Hanson, R. op. CIT.
  17. Costiniuk Ct et al. operazione. CIT.
  18. Burstein S. Op. CIT.
  19. Keen L Keen L, Keen L, Abbate A, Blanden G, Priddie C, Moeller FG, Rathore M. ha confermato l’uso della marijuana e il conteggio dei linfociti tra i neri che soffrono di HIV. L’alcol droga dipende. 1 novembre 2017; 180: 22-25. doi: 10.1016/j.drugalcdep.2017.07.026.
  20. Costiniuk Ct et al. operazione. CIT.
  21. Bazzoli, C., Jullien, V., Tiec, C.L. e TIEC, C.L. La farmacocinetica intracellulare e l’attività biochimica dei trattamenti antiretrovirali per i pazienti con infezione da HIV e la loro relazione con l’azione del farmaco. Clin Pharmacokinet 49, 17-45 (2010). https://doi.org/10.2165/11318110-00000000000-00000 .
  22. Biles, M. op. CIT.
  23. Caroline Turcotte, Marie-Renee Blanchet, Michel Laviolette e Nicolas Flamand. Michel LaViolette, Nicolas Flamand e Marie-Renee Turcotte CB2 Recettore e la sua funzione di mediatore dell’infiammazione. Scienze della vita cellulare e molecolare. 2016; 73 (23): 4449-4470. doi: 10.1007/s00018-016-2300-4.
  24. Rupal Pandey, Khalida Mousawy, Mitzi Nagarkatti e Prakash Nagarkatti. Endocannabinoidi e regolazione della funzione immunitaria. Pharmacol Res. 2009 agosto; 60 (2): 85-92, doi: 10.1016/j.phrs.2009.03.019.
  25. .Biles, M. op. CIT ..
  26. Nora Volkow. Nida. Ricerca di marijuana per scopi terapeutici: la potenziale promessa del cannabidiolo (CBD). Sito web del National Institute on Drug Abuse. https://www.drugabuse.gov/about-nida/noras-blog/2015/07/researching-marijuana-therapeutic-purpes-potenential-promise-cannabidiol-cbd. 20 luglio 2015. Accesso al 31 gennaio 2020.
  27. Comitato di esperti sulla dipendenza dalla droga Incontro di forti. Rapporto sulla revisione critica del cannabidiolo (CBD). Giugno 2018.
  28. Bauer, B. (2018, 20 dicembre). Quali sono i vantaggi del CBD – ed è adatto all’uso? Estratto da https: // www. mayoclinic.org/healthy-lifestyle/consumer-health/expert-answers/is-cbd-safe-and-efect/faq-20446700 .
  29. Iffland K, Grotenhermen F. Un aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo: una revisione dei dati clinici e studi sugli animali pertinenti. Cannabis Cannabinoid Res. 2017; 2 (1): 139-154. Pubblicato il 1 ° giugno 2017.
  30. Peachman, RB. (2019, 26 febbraio). CBD può aiutare tuo figlio? Estratto da https://www.consumerreports.org/cbd/can-cbd-help-your -Child/.
  31. Bonn-Miller MO, Loflin MJE, Thomas BF, Marcu JP, Hyke T, Vandrey R. Accuratezza dell’etichettatura degli estratti di cannabidiolo venduti online. Jama. 2017; 318 (17): 1708-1709. doi: 10.1001/jama.2017.11909.
  32. Lorenc A, Robinson N. Una breve revisione dei benefici di medicina alternativa e complementare e preoccupazioni per l’HIV da considerare nel trattamento dei pazienti. Aiuta le malattie sessualmente trasmissibili per la cura del paziente. 2013; 27 (9): 503-510. doi: 10.1089/apc.2013.0175.
  33. Ridge D. Arachne J. Dalle terapie alternative ai prodotti farmaceutici per l’HIV/AIDS: qual è la possibilità? Analisi dell’assistenza sanitaria. 1997; 5: 275-282.
  34. Thorpe Rd. “Fare” malattie croniche? Uso della medicina complementare tra coloro che soffrono di HIV/AIDS in Australia. Socior Malattia di salute. 2009; 31: 375-389.
  35. Grinspoon, P. (2018, 24 agosto). Cannabidiolo (CBD): cosa sappiamo e cosa non lo sa. Estratto da https://www.health. Harvard.edu/blog/cannabidiol-cbd-what-we-know-and-what-we-dont-2018082414476 .
  36. Shmerling, R. (2019, 10 dicembre). Lo svapo può danneggiare i polmoni? Cosa sappiamo (e non). https: // www. health.harvard.edu/blog/can-vaping-damage-your-lungs-what-do–e—-know-2019090417734 .
  37. Informazioni sull’AIDS. (2020, 10 marzo). Estratto da https://aidsinfo.nih.gov/understanding-hiv-aidss/ Glossario/660/Simian-immunodeficienza-Virus .
  38. Kosel BW et al. Effetti dei cannabinoidi sulla farmacocinetica dell’indinavir e sul farmaco Nelfinavir. AIDS. 8 marzo 2002; 16 (4): 543-50. Doi: 10.1097/00002030-200203080-00005.
  39. Basavaraj KH, Navya MA, Rashmi R. La qualità della vita nel contesto dell’HIV/AIDS. Indian J Sex Transm Dis Aids. 2010; 31 (2): 75-80. doi: 10.4103/0253-7184.74971.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

19 + 18 =