cbd against alzheimers
6 min.

Nel corso degli anni la cannabis è stata oggetto d’esame da parte di molti governi. Molti paesi hanno reso la cannabis (canapa legale o anche chiamata cannabis light) legale, ma non tutti sono ancora arrivati a questo punto. La pianta di canapa è legale nella maggior parte dei paesi, perché la ricerca ha dimostrato che ha i suoi innumerevoli benefici per la salute del corpo umano. Il vantaggio principale della pianta di canapa (cannabis)  è che ha una minore concentrazione di THC (delta 9 tetraidrocannabinolo. La Cannabis della specie Sativa, contiene meno dello o,3% di THC. Non essendo presente il THC, l’olio di cannabidiolo non causa effetti psicotropi. Thc e cbd sono quindi i due cannabinoidi  maggiormente presenti nell pianta di cannabis, ma hanno questa grande differenza. Al posto del THC, la pianta di canapa (cannabis Sativa) ha una maggiore concentrazione di cannabidiolo e di altri cannabinoidi che sono molto utili al funzionamento del corpo. Studi hanno dimostrato che il CBD presente nella pianta di canapa è in grado di migliorare o rallentare i sintomi dell’Alzheimer e di molte altre malattie come per il morbo di parkinson. Questi studi sono di fondamentale importanza. Sempre più studi saranno necessari per comprendere appieno questa patologia.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza senile e rappresenta il 60-70% dei casi. In tutto il mondo, circa 50 milioni di persone soffrono di demenza, e ci sono quasi 10 milioni di nuovi casi ogni anno. Thc e cbd sono due cannabinoidi sempre più usati per i trattamenti di queste due patologie, e nel proseguo dell’articolo capiremo perchè.

Cos’è il morbo di Alzheimer?

legato al declino cognitivo e alla progressiva perdita neuronale. È la forma più comune di demenza e spesso colpisce gli anziani dai 65 agli 80 anni. Questa condizione è causata da alcuni fattori diversi tra cui la genetica.

Questa patologia è caratterizzata dal deposizione delle “placche senili”. Queste placche sono costituite da aggregati della proteina beta-amiloide (peptide beta amiloide). La proteina beta amiloide può essere tagliata scorrettamente dagli enzimi preposti (acetilcolinesterasi), portando alla formazione delle cosiddette “placche dell’Alzheimer. Questo mal funzionamento sembra essere causato anche da una modifica della proteina tau. Sono queste placche che provocano al declino e alla morte nel cervello dei neuroni (stress ossidativo) e delle cellule cerebrali, causando un livello deficit cognitivo che varia a seconda del danno. La scoperta della proteina beta amiloide è sicuramente un passo avanti nella lotta contro la malattia. La proteina beta amiloide, non va solo a fare luce su questa patologia, ma può avere un impatto anche su  altre malattie, come il morbo di parkinson.

Anche se i sintomi possono variare e peggiorare lentamente, i risultati sono spesso gli stessi. Ciò include disturbi cognitivi, perdita della memoria a lungo e breve termine, difficoltà di parola, depressione, comportamento aggressivo e psicosi. Tutto questo è causato dall’infiammazione dei neuroni provocati dalle placche create da una corretta scomposizione della proteina beta amiloide.

Con il progredire della malattia, potrebbe essere necessaria un’assistenza completa da parte della famiglia e di badanti. Mentre i farmaci tradizionali somministrati per la malattia di Alzheimer potrebbero aiutare ad alleviare i sintomi, questi trattamenti non sono una garanzia per il rallentamento della progressione della malattia.

Come agisce il CBD contro l’Alzheimer?

Come gli endocannabinoidi naturali presenti nel corpo umano, i cannabinoidi di origine vegetale come il cannabidiolo possono attivare alcuni recettori e aiutare ad abbassare l’insorgenza di queste condizioni neurologiche. Per esempio, gli studi clinici hanno dimostrato che la cannabis può migliorare i problemi comportamentali nella malattia di Alzheimer, come i problemi di appetito o’l’insonnia. Un questi studi, emerge come questo è dovuto principalmente al ruolo degli endocannabinoidi nel creare un sollievo del processo neurodegenerativo.

Quali sono i benefici dell’uso del CBD per curare il morbo di Alzheimer?

Il cannabidiolo è un prodotto derivato dalla pianta di canapa. Pertanto, è sicuro da usare ed ha meno rischi ed effetti collaterali rispetto ai farmaci prescritti per l’Alzheimer. Sebbene provenga dalla pianta di canapa, non crea un effetto psicotropo o qualsiasi forma di intossicazione causata dal THC. Qui ci sono solo alcuni tra i tanti benefici dell’uso del CBD per trattare la malattia.

Come antinfiammatorio

Nelle malattie neurodegenerative, tipicamente, provocano l’infiammazione dei tessuti neurali come meccanismo di difesa nelle fasi iniziali. Tuttavia, questo sintomo può innescare in una catena di reazioni incontrollate. È stato dimostrato che l’uso di questo cannabinoide come antinfiammatorio, aiuta a ritardare la progressione di questa condizione.

CBD come antiossidante

I rilasci di stress ossidativo e ossigeno reattivo sono fondamentalmente legati all’infiammazione immunitaria e agli elementi chiave della malattia. Questo, abbassa la capacità antiossidante delle cellule e porta alla produzione di radicali liberi, nonché a reazioni con acidi grassi e proteine nelle membrane cellulari. Quando l’amiloide beta è presente, l’ossigeno reattivo nelle cellule adiacenti potrebbe essere elevato attraverso lo scambio con le membrane, con conseguente perdita di sinapsi e neuroni. Quindi, questo potrebbe aiutare a rallentare il processo e alleviare molti sintomi neurologici.

Come stimolatore del tessuto neuronale

Un altro vantaggio dell’uso della cannabis nel trattamento della malattia di Alzheimer è il suo potenziale aiuto nel processo di neurogenesi. I tessuti neurali dei pazienti affetti da Alzheimer sono spesso suscettibili di essere danneggiati rapidamente, con il risultato di alcuni gravi effetti neurologici come cambiamenti nella personalità, perdita cognitiva e di memoria. Questo significa che una persona che una volta era gentile e amorevole, può diventare egoista e cattiva, questi cambiamenti sono molto difficili da accettare e da capire da parte delle persone che gli stanno intorno. Usando il cannabidiolo per stimolare il tessuto neurale, questi pazienti possono rallentare questi effetti devastanti.

Il ruolo del sistema endocannabinoide

Il punto di svolta nello sviluppo del morbo di Alzheimer è la comparsa di placche senili come piccoli frammenti, che sono la principale causa di perdita di memoria, morte di cellule neuronali e cambiamenti comportamentali nei pazienti. Dopo un graduale peggioramento del processo di memoria e della comunicazione interneuronale, i pazienti incontrano maggiori difficoltà a svolgere compiti semplici come il rievocare ricordi o compiere semplici azioni quotidiane.

Negli ultimi anni, molti medici e scienziati hanno studiato l’importanza del ruolo del sistema endocannabinoide (ECS) nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Hanno scoperto che il recettore CB1, uno dei due principali recettori endocannabinoidi, è ampiamente distribuito in varie aree del cervello, come nei gangli della base, nell’ippocampo, nella corteccia e nel cervelletto. Queste regioni sono legate alla memoria e all’apprendimento e possono essere colpite nelle prime fasi della malattia di Alzheimer.

Come posso usare il CBD per il trattamento dell’ Alzheimer?

Il CBD è disponibile in diverse forme e la sua applicazione nel trattamento del morbo di Alzheimer è in rapida crescita. Ecco una guida di base per l’utilizzo dei cannabinoidi per il trattamento di questa condizione.

Molti studi hanno dimostrato che si possono ottenere risultati migliori assumendo i cannabinoidi della cannabis. Tuttavia, è consigliabile usare il THC in quantità minore per evitare qualsiasi effetto psicoattivo. L’uso del THC può anche essere difficile in quanto è ancora illegale in molti paesi del mondo. L’olio di canapa a spettro completo sarebbe l’opzione ideale per coloro che cercano sollievo dai sintomi senza effetti psicoattivi. Il modo più semplice ed efficace per prendere il CBD per i pazienti affetti da Alzheimer è il consumo orale. Solitamente l’olio viene somministrato sotto la lingua.

Dosaggio di CBD per il morbo di Alzheimer

Quando si tratta di quantità, può dipendere da molti fattori. Alcuni di questi fattori includono le condizioni personali, la gravità e gli stadi della malattia. Nella maggior parte dei casi, è difficile sovradosare il CBD.

Quando si tratta di quantità, può dipendere da molti fattori. Alcuni di questi fattori includono le condizioni personali, la gravità e gli stadi della malattia.

E’ importante ricordare che ogni persona è unica e la reazione di ognuno ai cannabinoidi è diversa. Il dosaggio raccomandato per ogni prodotto può variare notevolmente, creando una certa confusione. Il dosaggio può essere diverso a seconda della percentuale dell’olio che si sta utilizzando. In media, 25 mg di cannabidiolo al giorno è un dosaggio medio. Il dosaggio, naturalmente, può essere diverso per ogni paziente. Per maggiori dettagli sul dosaggio, vedere il nostro post sul dosaggio del CBD.

Hj9eW1dB1I6Pt iGo1vCWHJu3p78prCAYT2cywqz dsQ5TXkYKQjM99HQSiSJipOWTE1rLM6Dnw7b4EZ6yd 0jivLOIfixOMJJFJ8s1Rvk6hU2oARlcRRK 8QmbA fKAcF6TXAU

Cosa dicono gli studi sull’uso del CBD per il morbo di Alzheimer?

Un piccolo, ma importante studio condotto nel 2016 ha posto le basi per l’uso del CBD nel trattamento del morbo di Alzheimer. Un gruppo di 10 pazienti è stato impiegato per misurare il risultato dell’uso del CBD in 4 settimane. Lo studio ha mostrato una significativa riduzione del punteggio del NPI o neuropsichiatrico, da 44,3 a 12,9. Ciò significa un’elevata diminuzione di aggressività, agitazione, deliri, apatia e irritabilità. Questi risultati sono stati così importanti che alla fine hanno portato ad uno studio clinico più ampio.

Nel 2011, un gruppo di scienziati americani ha studiato l’impatto del CBD nel trattamento del morbo di Alzheimer nei topi. I risultati hanno indicato che il CBD può essere un trattamento promettente per applicazioni terapeutiche nel morbo di Alzheimer. Inoltre, ha dimostrato che il CBD può promuovere lo sviluppo o la crescita dei neuroni. La neurogenesi riduce la disgregazione delle funzioni cognitive.


Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro − 3 =