cbd for neurological conditions
7 min.

Si sta scoprendo come il principio attivo del cannabidiolo abbia proprietà neuroprotettive. Il CBD è quindi spesso usato per l’epilessia, il tremore e il morbo di Alzheimer. Riduce i danni al cervello e al sistema nervoso e promuove la formazione di nuovi neuroni.

CBD per i disturbi della vista dovuti alla sclerosi multipla

Le testimonianze di Sabine

La mia ultima ricaduta con la SM ha portato improvvisamente a una compromissione visiva dell’occhio destro. Grave offuscamento della vista e mancanza di visione spaziale. Se entrambi gli occhi fossero stati colpiti, non sarei stata in grado di uscire di casa da sola. La mia visione residua era di circa il 10%. Una terapia di cortisone ad alto dosaggio con 1000 mg di metilprednisolone per via endovenosa in 3 giorni ha portato solo molti effetti collaterali e pochi benefici.

Dopo 3 mesi non c’era ancora nessun miglioramento e secondo i miei neurologi non c’era speranza… Il medico di medicina alternativa che ho visitato mi ha poi curato con 3 x 3 gocce di olio CBD 1500mg e dopo soli 10 giorni la vista di questo occhio è migliorata al 60%! Progressi e successi incredibili! Non ci sono stati ulteriori miglioramenti da allora, tuttavia noi (il mio medico ed io) continuiamo a provare. E ogni giorno sono grata per la mia vista migliorata grazie all’olio CBD – nonostante il fatto che il mio medico convenzionale abbia praticamente rinunciato al mio caso.


CBD per la sclerosi multipla

Le testimonianze di Jan-Sebastian

Soffro di sclerosi multipla e sono venuto a conoscenza delle gocce di CBD perché cercavo un’alternativa ai farmaci chimici. Fu il mio fratellino e la sua cerchia di conoscenti che mi consigliarono l’olio di CBD. Così l’ho provato e ne sono rimato entusiasta. Non cercavo una marca specifica, ma piuttosto diverse possibilità e offerte. Così mi sono finalmente imbattuto in Nordic Oil, che è relativamente costoso ma può garantire una qualità costante.

Attualmente non esiste una cura per questa malattia, ma solo un sollievo per i crampi e i dolori muscolari ricorrenti e un miglioramento del benessere generale.

Il motivo per cui ho iniziato a usare le gocce di CBD è che hanno migliorato i dolori e i disagi sopra citati e allo stesso tempo ho evitato l’effetto psicotropo del THC. Quest’ultimo punto è molto importante per me come padre, perché non voglio esporre mio figlio a nessuna droga. Pertanto la CBD è l’alternativa ideale per me e per la mia malattia.

Sarei molto felice se molti altri affetti da questa malattia potessero trarre beneficio dalla mia testimonianza. Inoltre, sarebbe auspicabile che le assicurazioni sanitarie sostengano e vadano a coprire i costi di questo prodotto di alta qualità in Germania, poiché vedo un enorme potenziale di risparmio rispetto ai farmaci convenzionali. I farmaci chimici sono efficaci, ma hanno effetti collaterali piuttosto forti. Con le gocce CBD non ne ho ancora sperimentato nessuno. Lo prendo come un rimedio puramente erboristico e tollerabile. Al momento è ancora rifiutato dall’assicurazione sanitaria come integratore alimentare.

Tutto sommato non avrei mai pensato di trovare un prodotto così compatibile ed efficace. Al momento prendo otto gocce di olio CBD al mattino e otto gocce la sera. E, cosa molto importante per me, non ho bisogno di altri farmaci.


CBD per polineuropatia e diabete

Le testimonianze di Ursula

Salve, Ho una polineuropatia in entrambe le gambe dal 1995 e le mie mani ne sono affette da 5 anni. All’inizio la malattia non era percepita come un peso perché iniziava con un formicolio alle dita dei piedi. Nel corso del tempo si è sviluppata una sensazione di intorpidimento, che mi ha causato un movimento insicuro degli arti- correre è ora uno sforzo e richiede un’elevata concentrazione.

Ma la cosa peggiore di tutte sono i dolori che si sono verificati negli ultimi 10 anni. Il dolore sordo e il formicolio possono essere sopportati, ma i dolori come le “scosse elettriche” ai piedi sono semplicemente insopportabili. Arrivano inaspettatamente, per lo più in fasi di riposo e a volte durano per ore. Non ci si riesce a concentrare o a riposarsi . A volte si può dare la colpa al tempo, ma per il più delle volte le scosse non sono correlate ad una specifica situazione.

Il dolore è accompagnato da spasmi – non solo crampi ai polpacci! I tendini delle gambe fino alle cosce sono tesi come delle funi metalliche e si fa fatica a stare in piedi.

Ho preso Pregabalin, Gabapentin, Cymbalta ecc., ma Cymbalta era il farmaco più forte che avessi mai provato. Ha cambiato la mia personalità e non ero più me stesso. Anche i neurologi che ho consultato non sono riusciti ad aiutarmi – inoltre, sono in un’età in cui il medico mi dice -” beh, a quell’età cosa vuole!”- chiede. Ecco cosa voglio: niente dolore!

A parte questo, sto ancora bene e voglio vedere crescere i miei adorabili nipoti. Mi piace dipingere e fare arti e mestieri – le mie mani sono molto ferme.

Ho preso 4x 150 mg al giorno di Tilidin, con purtroppo nessun effetto positivo sulle ricadute dolorose. Nonostante gli effetti collaterali “nebbiosi”, mi è stato detto di prenderlo per molto tempo. Il mio medico preferisce non prescrivere antidolorifici, a causa del pericolo di dipendenza, e apparentemente a causa della mia età. Questa argomentazione è ridicola! Tutto questo mi ha fatto arrabbiare e ho cercato delle alternative, che alla fine ho trovato nella CBD.

Dall’inizio di febbraio, ho usato olio CBD e bevuto tè CBD. A partire da 500mg (5%), che ho aumentato gradualmente, ora ne prendo 2000mg (20%). Ho subito sentito un effetto.

Da marzo non ho più questi gravi attacchi di dolore, che si presentano più volte alla settimana! Si avverte solo un dolore sordo, che non influenza in alcun modo la mia vita quotidiana in modo così negativo come prima. Ho ancora gli spasmi, forse mi serviva il THC. Non riesco davvero a credere che la mia vita sia migliorata così tanto grazie a questo. L’effetto calmante del CBD è fantastico!

Ne ho parlato solo ora con il mio medico di base e lei si è molto interessata a come influisce sulle mie condizioni. Ho scritto tempestivamente tutti i miei progressi. Il medico, tuttavia, non ha alcuna esperienza con i prodotti a base di cannabis, perché la medicina convenzionale non si occupa di questo argomento. Vorrebbe prescrivermela, ma non è una medicina. Lo sforzo di prescrivere la cannabis è troppo per lei, anche se la ottengo come prescrizione privata.

La cosa positiva della CBD è che posso regolare la dose che prendo in relazione al mio livello di dolore e alla mia condizione, poiché non c’è una regola fissa sul dosaggio. Se necessario, prendo 6 gocce di 2000mg di CBD (20%) e sto considerando se passare alla pasta. Se hai un forte dolore ai nervi, non andrai lontano con soli 500mg di CBD (5%)

Sono diabetico di tipo II dal 2005 e ho dovuto iniettare insulina e Velmetia. I miei livelli di glucosio sono migliorati così tanto che da giugno non devo più iniettare insulina. Anche i miei livelli di pressione sanguigna sono diventati più stabili e il futuro mostrerà quanto questo sia legato al mio uso della CBD.

Dichiarare questi prodotti CBD come semplici integratori alimentari non è accettabile. Le ragioni di ciò sono ben note.



Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *