CBD per la Rosacea
9 min.

Il cannabidiolo (CBD) può essere una valida opzione per il trattamento della rosacea, una malattia cronica della pelle caratterizzata da infiammazione della pelle nelle aree centrali del viso1 La rosacea si presenta sotto forma di macchie rosse, protuberanze ed eruzioni cutanee, che causano vari problemi sociopsicologici nei malati. Esistono molti trattamenti tradizionali per questa patologia, ma non esiste una cura. Tuttavia, l’uso del CBD per trattare la rosacea fornisce un’alternativa che ha dimostrato offrire una serie di benefici medici. In questo articolo esploreremo questi benefici, esamineremo i modi migliori per prendere il CBD e guarderemo a ciò che il futuro riserva per questo cannabinoide naturale.

Che cos’è la rosacea?

La rosacea è una malattia cronica della pelle che provoca arrossamenti del viso2. Se non trattati, i vasi sanguigni della pelle possono ingrossarsi ulteriormente, aggravando questo arrossamento e, in alcuni casi, provocano la comparsa di piccole protuberanze infiammate sul viso, oltre che la lacrimazione degli occhi e la pelle secca e pruriginosa. Poiché il viso è la parte più visibile del corpo, è noto che chi soffre di questa condizione, oltre al disagio fisico, soffre anche di ansia e di problemi di autostima, che possono portare a una ridotta qualità della vita e a uno stigma sociale.

Coloro che soffrono di rosacea si trovano spesso nella fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni e, mentre gli uomini sono più propensi a sperimentare un caso grave di questa condizione, un numero sempre maggiore di donne ne sono affette. Le cause dirette di questa condizione sono ancora in fase di indagine, anche se gli esperti dicono che il sistema immunitario può essere in parte responsabile, mentre anche fattori ambientali come lo stress, i farmaci, l’esposizione al sole e il clima sono stati evidenziati come fattori capaci di contribuire3. È interessante notare che la rosacea sembra essere presente nella famiglia in circa un terzo dei casi, suggerendo che ci può essere una suscettibilità genetica a questa condizione.

I trattamenti convenzionali per la rosacea sono tipicamente mirati ai sintomi, ma pochi tentano di affrontarne le cause scatenanti. L’intervento più comune è la prescrizione di antibiotici (di solito metronidazolo) applicati sulla pelle con una crema topica o presi per via orale. Sono molto usate anche le creme steroidee, ma in entrambi i casi ci possono essere effetti negativi, tra cui nausea, infiammazione e orticaria. Un intervento più estremo è l’uso del laser per ridurre le dimensioni dei vasi sanguigni e, quindi, il rossore della pelle.

Perché il CBD può essere un trattamento efficace per la rosacea

Il CBD, è un composto chimico non psicotropo comunemente derivato dalla canapa, è noto per avere proprietà antinfiammatorie e antiossidanti nell’uomo. La ragione per cui il CBD è in grado di produrre questi effetti nell’organismo è perché tutti noi abbiamo un sistema chiamato sistema di endocannabinoidi, una serie di recettori in tutta la nostra fisiologia che rispondono alla presenza del CBD. Se c’è uno squilibrio in uno dei nostri sistemi, ad esempio, nei livelli elevati di ormoni dello stress, allora il CBD riequilibrerà l’equilibrio e allevia i sintomi associati, inibendo o migliorando i recettori endocannabinoidi.

È interessante notare che l’ansia è uno dei possibili fattori scatenanti della rosacea, quindi gli effetti calmanti dell’olio CBD e della rosacea possono offrire un modo per temperare questi livelli di stress e ridurre i sintomi della rosacea. Allo stesso modo, si sospetta che anche il sistema immunitario abbia un ruolo nella causa di questa malattia della pelle. Si pensa che gli acari microscopici che si trovano sulla superficie della pelle, e un tipo di batterio presente nell’intestino, conosciuto come helicobacter pylori, possano portare il sistema immunitario ad espandere i vasi sanguigni, causano gonfiore e arrossamento sotto la superficie della pelle. Gli effetti antinfiammatori ben documentati del CBD aiutano a combattere questi sintomi, oltre a ridurre il dolore associato4. Come già accennato, il CBD ha anche proprietà antiossidanti. Gli antiossidanti proteggono la nostra pelle dai raggi del sole, che sono noti per esacerbare la presenza di rosacea.

Articolo correlato: CBD per l’ansia

Come utilizzare il CBD per la rosacea

Per trattare i sintomi da rosacea, l’olio CBD può essere preso in vari modi :

Vari metodi in come prendere CBD per Rosacea

  • Metodo sublinguale: mettendo l’olio CBD sotto la lingua e lasciandolo assorbire;

  • Oralmente: ingerendo prodotti alimentari o capsule di CBD;

  • Applicazione locale: applicando l’olio CBD o la crema CBD direttamente sull’area interessata.

Purtroppo, non ci sono abbastanza informazioni per determinare con precisione l’impatto del CBD sulla rosacea. La ricerca su questo argomento in America era, fino a poco tempo fa, illegale, quindi i test in questo settore sono ancora agli inizi. Tuttavia, un modo comune per assumere questo cannabinoide è l’ingestione con bevande o cibo o per via sublinguale.

L’assunzione di olio di CBD per la rosacea con il cibo grassi può diminuire la sua biodisponibilità (il tasso e i livelli di concentrazione a cui viene assorbito nel flusso sanguigno) mentre l’ingestione di CBD da solo potrebbe avere l’effetto opposto e ridurre i livelli di assunzione del principio attivo. Gli enzimi dell’apparato digerente scinderanno alcuni dei composti del CBD in metaboliti, diminuendo così la sua concentrazione. Per questo motivo si consiglia di mettere l’olio CBD per la rosacea sotto la lingua, dove una parte di esso potrà essere assorbita e bypassare l’apparato digerente. Tenerlo per 1-2 minuti sotto la lingua prima di deglutire offre i migliori risultati con questo metodo.

Il CBD usato per la rosacea in genere viene fornito in un boccetta da 30 ml con un contagocce all’interno, e può essere miscelato con altri composti per un effetto combinato, come la melatonina, un ormone per migliorare la regolazione del sonno.

Uso del CBD per la rosacea

L’applicazione del CBD direttamente sul viso aiuta anche a calmare il rossore. Fate gocciolare alcune gocce di olio sul viso e spargetelo delicatamente sulla pelle. In alternativa, potete mescolare alcune gocce di olio CBD con una crema per il viso e applicare la miscela come si farebbe con una normale crema per il viso.

Cosa dice la ricerca medica sull’uso del CBD per la rosacea

Mentre gli studi che esaminano l’efficacia del trattamento della rosacea con CBD sono limitati, ci sono vari documenti che dimostrano che le cause scatenanti questa malattia della pelle possono essere trattate con il CBD. Uno di questi articoli, pubblicato su un autorevole sito di dermatologia nel 2018, ha esaminato il potenziale terapeutico del CBD e ha scoperto che può ridurre notevolmente l’infiammazione e l’attività del sistema immunitario, entrambe cause potenziali della rosacea secondo gli esperti5
Likewise, uno studio condotto nel 2014, e pubblicato su The Journal of Clinical Investigation,6) ha scoperto i benefici antinfiammatori del CBD riguardo all’acne, una condizione che condivide sintomi simili alla rosacea. Lo studio clinico e di laboratorio ha confermato che il CBD può ridurre il rossore e il disagio della pelle insieme attraverso un trattamento topico, aprendo la strada a interventi terapeutici per la rosacea.

Conclusioni

Il CBD, come abbiamo visto, offre una serie di benefici per il trattamento della rosacea; dalla riduzione di sintomi come l’infiammazione e il rossore al rafforzamento del sistema immunitario, sospetta causa diretta di questa patologia cronica della pelle. A questo scopo, il CBD può essere assunto in diversi modi, ma si ritiene che il miglior metodo sia quello di assorbirlo sotto la lingua. La ricerca mostra che il CBD può aiutare a trattare i sintomi noti della rosacea, e nel futuro molte ricerche sul CBD e sulla rosacea saranno condotte, grazie a regolamenti più favorevoli7

Riferimenti

  1. Tabassum, N. e Hamdani, M. (2014). Piante utilizzate per il trattamento delle malattie della pelle. Recensioni di Farmacognosia, 8(15), p.52. []
  2. WebMD. (2019). Cosa è la rosacea?. [online] []
  3. Mikkelsen, C., Holmgren, H., Kjellman, P., Heidenheim, M., Karppinnen, A., Bjerring, P. e Huldt-Nystrøm, T. (2016). Rosacea: una revisione clinica. Rapporti dermatologici, 8(1). []
  4. Costa, B., Colleoni, M., Conti, S., Parolaro, D., Franke, C., Trovato, A. e Giagnoni, G. (2004). Attività antinfiammatoria orale del cannabidiolo, un costituente non psicotropo della cannabis, in un’infiammazione acuta indotta da carragenina nella zampa di ratto. Naunyn-Schmiedeberg’s Archives of Pharmacology, 369(3), pp.294-299. []
  5. Marks, D. e Friedman, A. (2018). Il Potenziale terapeutico dei cannabinoidi in dermatologiaLettera di terapia della pelle, 23(6). []
  6. Oláh, A., Tóth, B. I. I., Borbíró, I., Sugawara, K., Szöllõsi, A. G., Czifra, G., … & Ludovici, M. (2014). Il cannabidiolo esercita effetti sebostatici e antinfiammatori sui sebociti umaniIl Journal of clinical investigation, 124(9), 3713-3724. []
  7. Oláh, A., Tóth, B., Borbíró, I., Sugawara, K., Szöllõsi, A., Czifra, G., Pál, B., Ambrus, L., Kloepper, J., Camera, E., Ludovici, M., Picardo, M., Voets, T., Zouboulis, C., Paus, R. e Bíró, T. (2014). Il cannabidiolo esercita effetti sebostatici e antinfiammatori sui sebociti umaniJournal of Clinical Investigation, 124(9), pp.3713-3724. []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.