cbd for als
8 min.

La cannabis ha un grande potenziale per il trattamento di una varietà di malattie. Il cannabidiolo (CBD) è uno degli agenti non psicoattivi della canapa e studi hanno dimostrato che il CBD potrebbe influenzare positivamente molti decorsi patologici, inclusa la SLA1 .

Che cos’è la SLA?

La SLA o Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia neuromuscolare che colpisce il movimento dei muscoli del corpo. Questo accade perché provoca la degenerazione dei motoneuroni2 .

I motoneuroni sono i nervi che lavorano in coordinamento con il cervello per trasmettere un movimento comandato dal cervello al muscolo coinvolto. Con questa malattia, i motoneuroni sono colpiti, il che significa che questi messaggi non saranno trasferiti al rispettivo muscolo coinvolto. Ciò significa che il processo di movimento è altamente influenzato, e i pazienti possono trovarsi nell’impossibilità di muoversi come vogliono, oppure possono trovare le loro parti del corpo che fanno movimenti involontari.

Secondo la Clinica Kalapa, le persone cui è stata diagnosticata la malattia hanno un’aspettativa di vita limitata, anche se, naturalmente, questo dipenderà dall’assistenza medica che viene loro fornita. I sintomi includono disturbi del linguaggio, debolezza e degenerazione muscolare continua, crampi e movimenti muscolari involontari, noti anche come contrazioni, e crampi muscolari.

La Sclerosi Laterale Amiotrofica è causata da una mutazione genetica, nel senso che i pazienti a rischio di sviluppare la SLA sono in gran parte coloro che la ereditano da un membro della famiglia, perché si tratta di una malattia ereditaria. Altri fattori di rischio includono anche l’età, perché le persone anziane hanno maggiori probabilità di sviluppare la SLA rispetto a quelle più giovani. Inoltre, è stato riportato che la SLA è più prevalente tra gli uomini che tra le donne3.

In che modo il CBD può aiutare nel trattamento dei sintomi della SLA?

Il CBD ha diversi effetti nel corpo che gli permettono di alleviare i sintomi della SLA:

  • Innanzitutto, riduce la produzione di saliva. I pazienti non sono in grado di controllare i loro movimenti muscolari, compresi i muscoli della bocca. Quando questo accade, il paziente può accumulare troppa saliva in bocca.
  • Inoltre, il CBD aiuta a rilassare i muscoli del corpo. Questo è l’effetto opposto della SLA. Quando una persona soffre di SLA, i muscoli del corpo si contraggono spesso. Questo porta a sintomi come le contrazioni. Il CBD funziona producendo l’effetto opposto.
  • Chi soffre di questa condizione sperimenta un dolore immenso nel proprio corpo, come risultato di un malfunzionamento neuromuscolare. Il CBD aiuta ad alleviare il dolore di questi pazienti.
  • Il cannabidiolo potrebbe anche aiutare con i disturbi del sonno, come descritto più dettagliatamente in questo articolo. I pazienti affetti da SLA spesso hanno problemi di sonno a causa dei loro sintomi.
  • Molte malattie portano alla perdita di appetito, e la SLA non è diversa. Il CBD può avere il vantaggio di far ritoranre l’appetito, rendendo più facile mangiare4 .

Il sistema endocannabinoide e la SLA

Nel trattamento della SLA, il ruolo del CBD nel funzionamento degli enzimi entra davvero in gioco. Come detto in precedenza, la SLA si verifica quando i motoneuroni del corpo iniziano a morire. Ciò avviene perché i prodotti di scarto prodotti durante il funzionamento dei motoneuroni si accumulano nelle cellule invece di essere eliminati da un enzima noto come superossido dismutasi. Questi prodotti di scarto, se non rimossi, possono danneggiare gravemente il DNA dei motoneuroni. Il CBD aiuta la funzione enzimatica agendo come antiossidante e riducendo la quantità di rifiuti che si accumulano nelle cellule dai processi enzimatici 5 .

Come usare il CBD per trattare i sintomi della SLA

Naturalmente, i pazienti dovrebbero usare il CBD nel trattamento della SLA solo dopo un’ampia consultazione con un medico. La quantità di CBD somministrato dipenderà da una serie di fattori. Per esempio, se la malattia si trova nelle sue fasi iniziali, allora la quantità somministrata sarà inferiore a quella somministrata a un paziente che ha vissuto con questa malattia per un periodo di tempo più lungo. Inoltre, alcuni pazienti possono sperimentare quantità di dolore ridotte rispetto ad altri, il che significa che non avranno bisogno di più CBD per alleviare il dolore. Se usato correttamente, il CBD può essere una grande opzione per molte persone.

Metodo Step-Up

Si consiglia l’approccio Step-Up di Juliana Birnbaumand Leonard Leinow, come descritto nel loro libro “CBD: A Patient’s Guide to Medicinal Cannabis”6 . Per la SLA, gli autori raccomandano di iniziare con una macrodose. Per maggiori dettagli su cosa sia la macrodose e come dosare correttamente il vostro CBD, leggete il nostro articolo sul dosaggio del CBD. Per maggiori dettagli sul dosaggio e tutte le tabelle necessarie leggere il nostro articolo sul dosaggio del CBD.

Ascolta il tuo corpo e prendi appunti se necessario. Se necessario, è possibile aumentare la dose allo step successivo, mantenerla una o due settimane e così via. Le gocce non devono essere prese tutte in una volta sola. Per quantità maggiori, è consigliabile suddividere le gocce tra mattina, mezzogiorno e sera.

Se si notano effetti negativi, ridurre la dose. Non si tratta di aumentare costantemente la dose, ma di trovare la dose ideale. A causa dell’effetto in due fasi, sia una dose troppo bassa che una dose troppo alta risultano meno efficaci.

Una volta che avete trovato una dose con cui vi sentite a vostro agio, mantenetela. Questo sarà il tuo dosaggio ideale d’ora in poi.

Cosa dicono gli studi

È stata fatta una dichiarazione di ricerca sugli effetti del CBD come trattamento da parte della Kaplan Clinic. Uno di questi studi è stato condotto dall’Università Complutense in Spagna, dove ai topi con SLA è stato dato olio di CBD, e la malattia, si è visto, ha progredito meno velocemente 7 .

La ricerca mostra anche che l’olio di CBD aiuta a regolare il funzionamento del sistema nervoso, ad esempio aumentando la velocità con cui i composti chimici coinvolti nel movimento muscolare vengono scomposti 8 .

Questa è una grande notizia per un paziente perché, a questo punto, il suo movimento muscolare è già compromesso e ha bisogno di una spinta in più. Nel complesso, la ricerca indica che il CBD può fare molto per aiutare i pazienti affetti da SLA a gestire la loro condizione.

Conclusioni

In sintesi, il CBD è utile quando si tratta di alleviare i sintomi della SLA. Poiché la malattia causa molto dolore e disagio, è molto importante che questo si riduca, per prolungare l’aspettativa di vita del paziente e per permettere loro di soffrire molto meno. L’olio CBD ha alcune proprietà che alleviano il dolore e rilassano i muscoli del corpo, due proprietà vitali per un paziente. Il CBD dovrebbe essere usato secondo le istruzioni per ottenere i migliori risultati. I pazienti potrebbero anche integrare l’uso del CBD con altri farmaci e terapie appropriate.

Riferimenti

  1. Kogan, Natalya M., and Raphael Mechoulam. „Cannabinoids in health and disease.“ Dialogues in clinical neuroscience 9.4 (2007): 413. []
  2. Gastl, R., and A. C. Ludolph. „Amyotrophe Lateralsklerose.“ Der Nervenarzt 78.12 (2007): 1449-1459. []
  3. Gastl, R., and A. C. Ludolph. „Amyotrophe Lateralsklerose.“ Der Nervenarzt 78.12 (2007): 1449-1459 []
  4. Carter, Gregory T., et al. „Cannabis and amyotrophic lateral sclerosis: hypothetical and practical applications, and a call for clinical trials.“ American Journal of Hospice and Palliative Medicine® 27.5 (2010): 347-356. []
  5. Kendall, Debra A., and Guillermo A. Yudowski. „Cannabinoid receptors in the central nervous system: their signaling and roles in disease.“ Frontiers in cellular neuroscience 10 (2017): 294. []
  6. Leinow,, L. e Birnbaum, J. (2017). CBD: A Patient’s Guide to Medicinal Cannabis. Nord Atlantico Libri. []
  7. Fernández-Ruiz, Javier, María A. Moro, and José Martínez-Orgado. “Cannabinoids in neurodegenerative disorders and stroke/brain trauma: from preclinical models to clinical applications.” Neurotherapeutics 12.4 (2015): 793-806. []
  8. Kendall, Debra A., and Guillermo A. Yudowski. “Cannabinoid receptors in the central nervous system: their signaling and roles in disease.” Frontiers in cellular neuroscience 10 (2017): 294. []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *