15 min.

✓ Evidence Based


Rate post

Il CBD può aiutare con convulsioni ed epilessia nei gatti?

  • Le convulsioni sono uno dei problemi del sistema nervoso più comuni nei gatti che colpiscono tra l’1% e il 3 percento della popolazione di gatti totali (1 ) .
  • Le informazioni sui sequestri tra i gatti non sono disponibili in letteratura sul campo della medicina veterinaria. Pertanto, le raccomandazioni per il trattamento e la diagnosi di convulsioni nei felini si basano su informazioni sulla ricerca su esseri umani e canini (2 ) .
  • La Food and Drug Administration (FDA USA) degli Stati Uniti ha concesso l’approvazione all’epidiolex, che è un farmaco CBD per il trattamento delle convulsioni risultanti dalla sindrome di Lennox-Gastaut e dal disturbo di Dravet negli esseri umani (3 ) . È importante notare che la FDA non ha imposto alcuna limitazione all’uso dell’extra etichetta di epidiolex per gli animali. Tuttavia, i proprietari di animali domestici devono sempre chiedere consulenza a un veterinario di animali prima di prescrivere Epidiolex o qualsiasi altro farmaco al proprio animale domestico.
  • I ricercatori della School of Medicine dell’Università della Carolina del Nord hanno scoperto che il CBD potrebbe aiutare a ridurre le convulsioni e regolare la sindrome di Angelman Rhythms del cervello, che è un raro disturbo da sviluppo neurologico (4 ) .
  • Poiché i sistemi endocannabinoidi (EC) dei mammiferi funzionano in modo simile (5 ) Gli effetti del CBD sulla salute che sono stati dimostrati negli studi sugli animali e sull’uomo, potrebbero anche essere efficaci in gatti. Tuttavia, si raccomanda di consultare un veterinario di animali prima di utilizzare il CBD per i gatti che soffrono di convulsioni.



Perché i proprietari di gatti si stanno rivolgendo al petrolio CBD per convulsioni nei gatti

La ricerca ha dimostrato che i benefici per la salute del CBD potrebbero essere utili nel trattamento di una varietà di disturbi medici. Le condizioni che sono considerate croniche includono ansia, ansia, IBS, malattia intestinale digestiva infiammatoria (IBS) e cancro (6).

Nel 2018 nel 2018, la Food and Drug Administration (FDA USA) degli Stati Uniti, ha approvato l’epidiolex che è un farmaco CBD che tratta le convulsioni associate a Lennox-Gastaut e Sindromi di Dravet.

L’epidiolex è il primo farmaco approvato dalla FDA a trattare la malattia (7 ) .

La legge sulla chiarimento dei farmaci per animali del 1994 (AMDUCA) consente l’uso off-label (off-label) di farmaci derivati dall’uomo per modelli animali (8 ) .

Nel frattempo vale la pena notare che vale la pena notare che la FDA non ha imposto alcuna restrizione al suo uso di epidiolex nel campo della medicina veterinaria.

Tuttavia, prima di somministrare epidiolex o qualsiasi altro farmaco agli animali domestici, i proprietari di animali domestici dovrebbero sempre consultare un veterinario per ottenere consigli.

In uno studio del 2019 condotto da ricercatori della School of Medicine della University of North Carolina ha scoperto che il CBD potrebbe aiutare a ridurre le convulsioni e aiutare a regolare i ritmi del cervello Angelman Disorder (9 ) .

La sindrome di Angelman può essere descritta come un disturbo molto raro che colpisce lo sviluppo nervoso.

La ricerca è stata condotta utilizzando topi. Tuttavia, considerando che i sistemi endocannabinoidi (ECS) nei mammiferi funzionano negli stessi metodi (10 ) gli effetti benefici rivendicati del CBD potrebbero anche essere efficaci sui gatti che soffrono di convulsioni.

L’ECS è un sistema che contiene recettori dei cannabinoidi e cannabinoidi all’interno del tuo corpo che regola le funzioni del corpo per garantire lo stato di omeostasi (equilibrio).

Le convulsioni sono uno dei disturbi neurologici più comuni (malattie del sistema nervoso) nei gatti, che colpiscono tra l’1% e il 3 percento della popolazione di gatti totali (11 ) .

L’epilessia e le convulsioni non sono gli stessi problemi medici.

L’epilessia è una condizione che dura a lungo ed è caratterizzata da frequenti convulsioni epilettiche (12 ) . Una diagnosi di epilessia richiede almeno due convulsioni che non sono provocate (13 ) .

Una crisi epilettica in sé e per sé non è un segno di una malattia ma piuttosto un segno di funzionamento del cervello irregolare (14 ) .

Le caratteristiche delle convulsioni nei gatti potrebbero differire da quelle osservate nel cane. Ma le cause alla radice delle convulsioni sono le stesse (15 ) .

Sfortunatamente, le informazioni sulle cause e le alternative per il trattamento delle convulsioni tra i gatti sono scarse nella letteratura medica della medicina veterinaria.

Pertanto, le linee guida per il trattamento e la diagnosi delle convulsioni feline si basano su informazioni sulla ricerca su esseri umani e cani (16 ) .


CBD per convulsioni: cosa dice la ricerca

È stato dimostrato che il CBD ha effetti anticonvulsiranti nei modelli animali e ha ridotto la frequenza delle convulsioni in alcune ricerche umane.

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto le proprietà antiepilettiche e di antiseizure per CBD durante la crisi generalizzata (17 ) .

Le convulsioni generalizzate colpiscono ogni lato del cervello e spesso provocano la perdita di coscienza.

Un altro studio ha avuto anche risultati simili. Lo studio ha scoperto che il CBD ha ridotto la percentuale di animali con convulsioni gravi del tipo tonico-clonico (18 ) .

Le convulsioni toniche-cloniche (note anche come Grand Mal) possono verificarsi in due fasi. Il primo è un inizio di incoscienza, che può durare tra 10 e 20 minuti. Quindi, contrazioni muscolari che in genere durano da uno a due minuti. (19 ) .

I risultati dello studio mostrano anche le proprietà anticonvulsivanti del CBD. La ricerca suggerisce fortemente il CBD come una potenziale opzione terapeutica per vari tipi di epilessie negli esseri umani (20 ) .

I ricercatori di uno studio nel 2017 ritengono che, rispetto al CBD, il CBD mostri un profilo anticonvulsivante più specifico negli animali (21 ) .

I risultati suggeriscono che il CBD potrebbe essere efficace nella prevenzione di convulsioni generalizzate e focali.

Non ci sono studi che studiano specificamente come il CBD influisce sull’uso del CBD nei gatti che soffrono di convulsioni. I pochi studi che sono stati condotti sull’epilessia e le convulsioni sono stati condotti principalmente con animali e soggetti umani.

Tuttavia, gli effetti benefici dell’uso di CBD nei gatti potrebbero anche essere simili a causa degli stessi metodi in cui l’ECS opera in tutti i mammiferi.

>

Come il CBD funziona per aiutare con convulsioni in gatti

Il CBD è una molecola che interagisce con il sistema endocannabino del corpo (ECS) attraverso i recettori per il cannabinoide. I due recettori principali includono CB1 e CB2.

Per i gatti, i recettori CB1 sono prevalenti nel sistema nervoso e nel cervello. Inoltre, i recettori CB2 dominano quegli organi che sono periferici (compresi gli organi del sistema endocrino) e le cellule immunitarie.

I recettori CB1 svolgono un ruolo nella regolazione della funzione motoria, della sensazione del dolore e dell’elaborazione della memoria sleep appetito, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, sonno, dormicato e l’umore (22 ) .

Quando i cannabinoidi vengono attivati, i recettori CB2 innescano una reazione che combatte l’infiammazione. Ciò riduce il dolore e i danni nel tessuto (23 ) .

Le proprietà di antiseizure sono di CBD e cannabidivarin (CBDV) che sono entrambi cannabisoidi antiepilettici, potrebbero essere influenzati dalle loro azioni su TRPV1 (recettore potenziato transitorio) che è un recettore del dolore.

TRPV1 si trova nelle regioni cerebrali epilettiche. La ricerca suggerisce che la soppressione da parte di TRPV1 all’interno dell’ippocampo potrebbe essere un nuovo metodo per prevenire le convulsioni epilettiche (24 ) .



i pro e i contro di CBD per gatti



Pro


  • L’epidiolex è un farmaco CBD utilizzato per trattare le convulsioni derivanti dalla sindrome di Lennox-Gastaut e dalla sindrome di Dravet, è approvato dalla FDA per l’uomo. Ma, prima di applicare i farmaci derivati dall’uomo ai gatti, i proprietari di animali domestici dovrebbero prima parlare con un veterinario per ottenere una guida.
  • Il CBD non crea dipendenza (25 ) , rendendolo sicuro per i gatti se somministrato in dosi approvate da veterinari.
  • I prodotti di canapa derivati dal CBD sono accessibili senza prescrizione medica in una varietà di paesi. I prodotti CBD CAT possono essere trovati in vari tipi, tra cui gocce o tinture, cbd trattate (morbide chews o Bites) Capsule, Salves.
  • La Food and Drug Administration (FDA USA) degli Stati Uniti non ha ricevuto alcuna segnalazione di reazioni avverse risultanti da animali domestici a base di prodotti a base di cannabis o altri prodotti correlati alla cannabis (26 ) . Gli unici rapporti che abbiamo ricevuto sono stati quelli del consumo accidentale dalla cannabis negli animali domestici.



contro


  • Non ci sono studi estesi condotti specificamente sui benefici per la salute del CBD o sul suo uso terapeutico per i gatti che soffrono di convulsioni. Non ci sono segnalazioni sugli effetti a lungo termine del CBD sui gatti.
  • È importante notare che la FDA non ha approvato alcun prodotto a base di cannabis per l’uso sugli animali. Prima di utilizzare CBD per animali domestici, come gatti e cani, dovresti consultare il veterinario su varie opzioni di trattamento (27 ) .
  • Si ritiene che la Drug Enforcement Administration (DEA) continui a classificare il CBD come le sostanze del programma I (28 ) che appartengono a questa categoria non sono considerate medicinali efficaci, tuttavia Hanno un potenziale significativo per uso improprio (29 )
  • Nello stato della California i veterinari non hanno l’autorità legale per discutere l’utilizzo della cannabis con i loro clienti (30 ) . I proprietari di gatti devono essere proattivi durante le consultazioni e indagare sulla cannabis.
  • Il CBD può provocare interazioni avverse ai farmaci con farmaci da prescrizione consumati dai gatti. Gli effetti avversi del CBD possono includere diarrea, fatica secca a fatica, affaticamento e riduzione dell’appetito (31 )



Come il CBD si confronta con trattamenti alternativi per convulsioni nei gatti

Un articolo pubblicato su British Journal of Nutrition ha rivelato che le diete chetogeniche sono elevate nei triacilgliceroli della catena media (TAG) hanno raggiunto livelli di chetosi che erano benefici nella prevenzione delle convulsioni nei cani che soffrono di epilessia < -sup> (32 ) .

La chetosi dietetica è una dieta ad alto contenuto di grassi e a basso contenuto di carboidrati. Il tag MC sono acidi grassi che aiutano nella chetosi, un processo in base al quale il corpo utilizza grasso immagazzinato per generare energia, anziché zucchero nel sangue.

Sono stati nutriti con dieta o tag MC o placebo per tre mesi, a seguito del passaggio a una dieta diversa è stato realizzato per altri tre mesi.

I risultati hanno mostrato che la frequenza delle convulsioni e la frequenza delle convulsioni al mese erano significativamente più basse per i 21 cani che hanno completato le 12 settimane, rispetto ai cani sulla dieta che era placebo (33 ) < /sup>.

Le soluzioni naturali, come cambiare la dieta, sono un’ottima opzione per i proprietari di gatti che desiderano evitare gli effetti collaterali negativi che derivano dai tradizionali farmaci da prescrizione per le convulsioni.

Alcuni rimedi a base di erbe, come SkullCap, Passion Flower e Ginger, possono aiutare a ridurre la frequenza delle convulsioni.

Passion Flower viene utilizzato per trattare l’ansia, l’insonnia e le convulsioni (34 ) . È noto per rilassare i sistemi nervosi iperattivi, il che può causare convulsioni.

I flavonoidi che si trovano naturalmente in SkullCap potrebbero essere gli ingredienti attivi che contribuiscono alle proprietà anticonvulsivanti (35 ) .

Come SkullCap, Ginger è un potente anticonvulsivante, secondo i ricercatori di un esperimento condotto su topi (36 ) .

La ricerca sopra menzionata non è stata condotta sui gatti. Ma, considerando che si ritiene che l’ECS nei mammiferi funzioni allo stesso modo i rimedi a base di erbe discussi potrebbero anche essere efficaci nei gatti che soffrono di convulsioni.

Inoltre, il CBD di per sé è un estratto della pianta di canapa che può anche aiutare nelle convulsioni.

Uno studio ha identificato la cannabis come tra le terze erbe comunemente usate per il trattamento dell’epilessia (37 ) . I componenti antiepilettici della cannabis sono CBD (38 ) .

Ricerche recenti hanno confermato il CBD di avere effetti anticonvulsivanti e antiepilettici (39 ) .

È possibile trovare prodotti CBD infusi con fiori d’amore, cranio o zenzero, progettati per calmare i cani.

La potente miscela con benefici del CBD e le proprietà medicinali di queste erbe potrebbero essere utili per il trattamento delle convulsioni nei gatti.

>
Come scegliere i migliori prodotti a olio CBD per i gatti

olio cbd è un estratto di cannabis sativa estremamente potente che può essere estratto dalla cannabis o dalla canapa noto come cannabis).

Gli estratti di CBD sono disponibili in una varietà di tipi di oli o forme. L’olio di CBD a spettro completo è una miscela completa di cannabinoidi, vitamine e grassi acidi (come Omega-3 e Omega-6) e flavonoidi, terpeni e varie altre sostanze che si trovano naturalmente nella cannabis.

I terpeni sono i composti naturali presenti nelle piante di cannabis. Forniscono alle piante sapore e aroma unici. I flavonoidi danno alle piante di cannabis le loro tonalità vibranti.

Gli oli CBD ad ampio spettro sono oli a spettro completo che non contengono THC.

Gli oli ad ampio spettro hanno solo piccole quantità di THC (meno dello 0,3 per cento) che li rende perfetti per le persone che non desiderano gli effetti psicoattivi del THC.

Al contrario, gli isolati di CBD contengono solo CBD puro. Questa è di gran lunga la versione più pura e più potente del CBD.

Qualunque sia il tipo di petrolio che scelga di usarlo è importante selezionare solo gli articoli CBD di alta qualità per i loro animali domestici per garantire l’affidabilità e la potenza.

Ecco alcuni consigli utili per i proprietari di animali domestici che vogliono acquistare e testare il CBD per il loro animale domestico.

  • Selezionare l’olio CBD derivato dalla canapa che è organica naturale al 100%, non OGM e organico. Tieni presente che la maggior parte delle società credibili del CBD cresce la loro canapa nelle loro fattorie o acquista la loro canapa da produttori certificati.
  • Scopri le leggi statali applicabili alla regione in cui il CBD verrà acquistato e utilizzato. Sebbene la cannabis medicinale (cannabis medica) possa essere legalizzata in diversi stati, è ancora vietata a livello federale.

    Inoltre, il CBD è legalmente disponibile in tutti gli stati degli Stati Uniti a condizione che sia inferiore allo 0,3 per cento THC.
  • Trova i prodotti CBD Cat realizzati da aziende che impiegano l’estrazione di CO2 come metodo di estrazione.

    I metodi di CO2 utilizzano l’anidride carbonica in pressione per rimuovere in modo efficiente e sicuro tutti i composti importanti dalle piante di canapa.
  • Assicurati che tu sia sicuro che il prodotto dell’olio di canapa CBD sia realizzato utilizzando oli di trasporto naturali. Olio di semi di canapa Olio MCT (trigliceridi a catena media a base di olio di cocco) e l’olio extra-virgin-oliva sono tutti oli di trasporto naturali, che possiedono anche le proprietà terapeutiche.
  • Richiedi test di laboratorio di terze parti, nonché il certificato di analisi (COA) per ciascun prodotto CBD.

    Il COA contiene tutti gli altri cannabinoidi attivi presenti nel prodotto. Il certificato identifica inoltre che l’articolo contenga ulteriori additivi, conservanti o altri contaminanti, come erbicidi e fungicidi.
  • Seguire le linee guida di dosaggio del produttore stampato sull’etichetta del prodotto. È importante sottolineare che, prima di dare CBD al tuo gatto, controlla con il veterinario per ottenere consigli e indicazioni.

Dosaggio dell’olio CBD per convulsioni nei gatti

dosaggio CBD si basa in gran parte sul peso corporeo del gatto e della dieta, nonché le condizioni di salute e le condizioni di salute e le condizioni di salute e le condizioni di salute età. Non c’è stata una dose standard che è stata raccomandata per le condizioni mediche sia per gli animali che per l’uomo.

Inoltre, vari marchi di petrolio CBD di gatti hanno linee guida di dosaggio diverse. Inoltre, la maggior parte dei produttori di prodotti PET CBD offre valori di dosaggio entro un intervallo.

Holistapet Ad esempio, Holistapet è una linee guida per il dosaggio CBD approvati dal veterinario per cani e cani. La società suggerisce tra 0,25 mg di CBD (un dosaggio regolare) fino a 0,5 mg di CBD (un dosaggio elevato) per chilogrammo di peso corporeo (40 ) .

Si consiglia di dosi regolari per mantenere la salute e il benessere e per aumentare il funzionamento del sistema immunitario. Si ritiene che la dose tratti i problemi della pelle e l’appetito e offra sollievo dal dolore.

Le dosi regolari sono adatte a lieve ansia e stress, problemi digestivi e nausea moderata infiammazione articolare e articolare e per le allergie.

Tuttavia, l’elevata dose può essere utile per l’artrite cronica, il dolore grave, le articolazioni, i problemi con la mobilità e le convulsioni epilettiche.

L’elevata dose è consigliata per nausea grave e vomito ansia estrema, tumori e sintomi correlati al cancro.

Altre aziende raccomandano tra 1 e 5 mg di CBD ogni 10 libbre di un peso corporeo dei gatti.

Ma, quando si tratta di te, stai introducendo oli CBD nella dieta di un gatto, essere cauti ed evitare il sovradosaggio è una strategia efficace.

A partire da un piccolo dosaggio inizia ad aumentare gradualmente la dose di CBD fino a ottenere gli effetti desiderati.

Se si verificano convulsioni per gatti, puoi aumentare gradualmente la dose di olio di CBD fino a vedere un miglioramento del dosaggio.

Le reazioni positive potrebbero indicare che la crisi successiva può essere meno intensa o frequente come quelle prima di loro.

Un diario o record di convulsioni nel gatto e le loro cause è uno strumento efficace per i veterinari per valutare lo sviluppo del gatto.

Come può essere dato l’olio di CBD ai gatti

Le gocce di CBD o le tinture di olio sono confezionate in bottiglie con contagocce, che consentono un dosaggio preciso. I proprietari di gatti possono gradualmente introdurre gocce di CBD, calo a causa della dieta del loro animale domestico usando le tinture.

Le tinture sono anche somministrate sotto la lingua del gatto (sublingualmente) o applicate alle gengive usando la punta di un dito.

Oltre a offrire le prelibatezze per gatti CBD cospargere il contenuto di capsule del CBD sul cibo o bevande del gatto è un altro metodo per fornire CBD ai gatti per via della bocca.

Inoltre, CBD Topicalsuch come balsami, sali e tinture che possono anche aiutare. Gli topici del CBD possono essere applicati transdermicamente sulla pelle delle orecchie del gatto o sulle zampe del gatto per consentirgli di leccare.

I gatti beneficiano dell’olio di CBD da massaggio. Massaggi questi prodotti infusi in CBD sul corpo di un gatto possono fornire calma e migliora il funzionamento del corpo.

Conclusione

Un rapporto dell’American Veterinary Medical Association afferma che vi è una mancanza di uniformità nella ricerca sull’epilessia in merito alle definizioni, alle classificazioni e ai risultati del trattamento (41 ) .

Quindi la task force era costituita da neurologi e neuroscienziati umani e veterinari, oltre ad altri esperti di tutto il mondo.

Questo è stato il primo caso che diversi neuroscienziati e veterinari hanno raggiunto un accordo sulle caratteristiche più importanti dell’epilessia sia per cani che per gatti.

Ogni razza di gatto o cane può soffrire di convulsioni e infine sviluppare epilessia. Secondo Ned Patterson, DVM, Ph.D., Dacvim (SaIM), la Task Force lavorerà per sviluppare dichiarazioni di consenso riguardanti il trattamento per le convulsioni in un (42 ) .

Il Dr. Patterson dell’Università del Minnesota College of Veterinary Medicine è uno specialista in convulsioni, genetica e medicina molecolare.

È stato dimostrato che il CBD ha il potenziale per la guarigione in una varietà di studi sugli animali e sull’uomo. Ma non ci sono abbastanza studi scientificamente basati su CBD e convulsioni nei gatti.

Nel frattempo, fino a quando non vengono condotte ulteriori ricerche per dimostrare che l’uso del CBD può essere efficace nel ridurre le convulsioni nei gatti, i proprietari di animali domestici devono utilizzare il CBD con cautela.

Se stai usando CBD per trattare il dolore o per ridurre la gravità e la frequenza delle convulsioni tutte le azioni nella direzione della somministrazione di CBD e il dosaggio dovrebbero essere supervisionati da un veterinario esperto che è ben informato sull’uso della cannabis o del CBD.

  1. Hazenfratz, M., e Taylor, S. M. (2018). Gatti con convulsioni ricorrenti: un metodo diagnostico – è epilessia idiopatico?. The Journal of Feline Medicine and Surgery, 20 (9), 811-823. https://doi.org/10.1177/1098612×18791873
  2. ibid.
  3. USFDA. (2018, 25 giugno). La FDA approva il primo farmaco composto da un ingrediente attivo derivato dalla marijuana per trattare forme rare e gravi di epilessia. Estratto da https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-first-drug-compised-active-ingredient-derived-marijuana-traat-traat-severe-severe-forms
  4. Centro Neuroscienze UNC. (2019, 30 settembre). Il CBD può alleviare le convulsioni, a beneficio delle persone con condizioni di sviluppo neurologico. Estratto da https: //www.med.unc .edu/neuroscience/cbd-may-alleviate-seizures-bhenefit-people-with-neurodevelopment-condizioni/
  5. Silver R. J. (2019). Il sistema endocannabinoide di animali. Animali: una rivista Open Access pubblicato da MDPI, 9 (9), 686. https://doi.org/10.3390/ani9090686
  6. Xiong, W., Cui, T., Cheng, K., Yang, F., Chen, S. R., Willenbring, D., Guan, Y., Pan, H. L., Ren, K., Xu, Y. e Zhang , L. (2012). I cannabinoidi riducono il dolore neuropatico e infiammatorio bloccando i recettori della glicina A3. The Journal of Experimental Medicine, 209 (6), 1121-1134. https://doi.org/10.1084/jem.20120242 ; Linares, I. M., Zuardi, A. W., Pereira, L. C., Queiroz, R. H., Mechoulam, R., Guimaraes, F. S., & Crippa, J. A. (2019). Il cannabidiolo presenta una curva di risposta a dose a forma di U invertita in un finto esame per parlare in pubblico. Revista Brasileira de Psiquiria (Sao Paulo, Brasile: 1999), 41 (1), 9-14. https://doi.org/10.1590/1516-4446-2017-0015 ; De Filippis, D., Esposito, G., Cirillo, C., Cipriano, M., de Winter, B. Y., Scuderi, C., Sarnelli, G., Cuomo, R., Steardo, L., De Man, J. G. , & Iuvone, T. (2011). Il cannabidiolo riduce l’infiammazione intestinale attraverso la regolazione dell’asse neuroimmune. Plos One, 6 (12) 28159. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0028159 ; Ivanov, V. N., Wu, J., Wang, T., & Hei, T. K. (2019). L’inibizione dell’atm chinasi aumenta i livelli di morte causati dall’irradiazione G e cannabidiolo nelle linee cellulari di glioblastoma umano. Oncotarget, 10 (8), 825-846. https://doi.org/10.18632/oncotarget.26582
  7. USFDA. operazione. CIT.
  8. USFDA. (2020, 8 maggio). Act di chiarimenti sui farmaci medicinali animali del 1994 (AMDUCA). Estratto da https: // www. fda.gov/animal-veterinary/acts-rules-regulations/animal-medicinal-drug-use-clarification-act-1994-amduca
  9. Centro Neuroscienze UNC. operazione. CIT.
  10. Silver R. J. op. CIT.
  11. Hazenfratz, M., e Taylor, S. M. Op. CIT.
  12. Care del gatto internazionale. (2018, 20 agosto). Epilessia/convulsioni nei gatti. Estratto da https://icatcare.org/advice/seizures-epilepsy-in-cats/
  13. Mayo Clinic. (2020, 5 maggio). Epilessia. Estratto da https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/epilepsy/epileps. Cause/SYC-20350093
  14. Care del gatto internazionale. operazione. CIT.
  15. Convulsioni Moore S. ed epilessia nei gatti. Vet Med (Auckl). 2014; 5: 41-47. https://doi.org/10.2147/vmrr.s62077
  16. Hazenfratz, M., e Taylor, S. M. Op. CIT.
  17. Jones, N. A., Hill, A. J., Smith, I., Bevan, S. A., Williams, C. M., Whalley, B. J., e Stephens, G. J. (2010). Il cannabidiolo presenta proprietà antiepilettiformi e antise sia in vitro che in vivo. The Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, 332 (2), 569-577. https://doi.org/10.1124/jpet.109.159145
  18. Jones, N. A et al. operazione. CIT.
  19. Mayo Clinic. (2019, 18 giugno). Grand Mal convieto. Retrieved from https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/grand-mal-seizure/symptoms-causes/syc-20363458?utm_source=Google&utm_medium=abstract&utm_content=Tonic-clonic-seizure&utm_campaign=Knowledge-panel
  20. Jones, N. A et al. operazione. CIT.
  21. Perucca E. (2017). Cannabinoidi nel trattamento dell’epilessia: finalmente prove concrete? Journal of Epilessy Research, 7 (2), 61-76. https://doi.org/10.14581/jer.17012
  22. ECO. (2017, 18 aprile). Estratto da https://echoconnection.org/look-endocannabinoid-systems-cb1-cb2-recettori/ < /a>
  23. Turcotte, C. Blanchet Turcotte C, Blanchet Laviolette M, Flamand Turcotte C, Blanchet MR, Flamand. Turcotte C, Blanchet MR, recettore Flamand N. CB2 e la sua funzione nella regolazione dell’infiammazione. Cell Mol Life Sci. 2016; 73 (23): 4449-4470. Doi: 10.1007/s00018-016-2300-4
  24. Naziroglu M. (2015). Canale TRPV1: un potenziale bersaglio farmacologico per il trattamento dell’epilessia. Neuropharmacologia attuale, 13 (2), 239-247. https://doi.org/10.2174/1570159×136666150216222543
  25. Nora Volkow. Nida. Ricerca di marijuana per scopi terapeutici: la potenziale promessa del cannabidiolo (CBD). Sito web del National Institute on Drug Abuse. https: // www. drogabuse.gov/about-nida/noras-blog/2015/07/researching-marijuana-therapeutic-purpes-potenential-promise-cannabidiol-cbd . 20 luglio 2015. Accesso al 31 gennaio 2020.
  26. US FDA. (2020, 11 marzo). Regolazione FDA di prodotti di cannabis e derivati dalla cannabis, tra cui cannabidiolo (CBD). Estratto da https: //www.fda.gov/news-events/public-health-focus/fda-regulation-cannabis-and-cannabis-derived-products-including-cannabidiol-cbd
  27. ibid.
  28. ibid.
  29. DEA. Programmazione dei farmaci. Estratto da https: // www .dea.gov/farmaco-scheduling#: ~: text = programma%20i%20drugs%2c%20substances%2c%20or, programma%20ii
  30. Peachman, rr. (2019, 11 aprile). Dovresti provare CBD per il tuo animale domestico? Estratto da https://www.consumerreports.org/cbd/should-you -try-cbd-for-your- pet/.
  31. Mayo Clinic. Bauer, B. (2018, 20 dicembre). Quali sono i vantaggi del CBD – ed è appropriato per l’uso? Estratto da https: // www. mayoclinic.org/healthy-lifestyle/consumer-health/expert-answers/is-cbd-safe-and-efect/faq-20446700
  32. Legge, T. H., Davies, E. S., Pan, Y., Zanghi, B., Want, E., & Volk, H. A. (2015). Uno studio randomizzato di una dieta tag a catena media per cani che soffrono di epilessia idiopatica. The British Journal of Nutrition, 114 (9), 1438-1447. https://doi.org/10.1017/S000711451500313X
  33. Legge, T. H et al. operazione. CIT.
  34. Nassiri-ASL, M., Shariati-Rad, S. e Zamansoltani, F. (2007). Proprietà anticonvulsivanti delle parti aeree dell’estratto di Passiflora incarnata nei topi il coinvolgimento della benzodiazepina e dei recettori degli oppioidi. BMC Alternative and Complementary Medicine, 7, 26. https://doi.org/10.1186/1472-6882-7- 26
  35. Liu, W., Ge, T., Pan, Z., Leng, Y., Lv, J., & Li, B. (2017). Epilessia: gli effetti delle erbe. Oncotarget, 8 (29), 48385-48397. https://doi.org/10.18632/oncotarget.16801
  36. Hosseini, A. e Mirazi, N. (2014). La somministrazione acuta dello zenzero (Zingiber officinale Rhizomes) è estratto in un modello di topo a cronometro per endovenoso pentilenetetrazol-infusione. Ricerca in epilessia, 108 (3), 411-419. https://doi.org/10.1016/j.eplepsyres.2014.01.008
  37. Liu, W et al. operazione. CIT.
  38. Devinsky O, Cilio MR, Cross H, Fernandez-Ruiz J, French J, Hill C, Katz R, Di Marzo V, Jutras-Aswad D, Notcutt WG, Martinez-Orgado J, Robson PJ, Rohrback BG, et al. Il cannabidiolo è un agente farmacologico con un potenziale valore terapeutico nell’epilessia neuropsichiatrica e nei disturbi correlati. Epilelesia. 2014; 55: 791-802
  39. COLASANTI BK, Lindamood C, 3 °, Craig CR. Gli effetti sui cannabinoidi di marihuana sull’attività delle convulsioni nei ratti cobalto-epilettici. Pharmacol Biochem Behav. 1982; 16: 573-78; Jones NA, Hill AJ, Smith I, Bevan SA, Williams CM, Whalley BJ, Stephens GJ. Il cannabidiolo presenta proprietà antiepilettiformi e antise sia in vitro che in vivo. J Pharmacol Exp ther. 2010; 332: 569-77; Jones NA, Glyn SE, Akiyama S, Hill TD, Hill AJ, Weston SE, Burnett MD, Yamasaki Y, Stephens GJ, Whalley BJ, Williams CM. Il cannabidiolo ha proprietà anti-convulsivanti negli animali che hanno modelli di lobi temporali e convulsioni parziali. Confisca. 2012; 21: 344-52
  40. Diagramma di dosaggio dell’olio di Holistapet CBD per cani e gatti. Estratto da https://www.holistapet.com/cbd-dosing-chart-for-pets/ < /a>
  41. Larkin M. (2015, 17 novembre). Gli esperti di neurologia uniscono le forze sull’epilessia: una task force di 26 membri ha creato sette articoli che sono stati considerati consenso. Estratto da https://www.avma.org/ Javma-News/2015-12-01/Neurology-Experts-Put-Heads-Together-Epilessia
  42. Larkin M. Op. CIT.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × cinque =