CBD mouthwash
9 min.

✓ Evidence Based


5/5 - (2)
Ultimo aggiornamento il 19 Agosto 2021

Quando hai acquistato l’ultima volta un collutorio? Sai cosa contiene? È privo di effetti collaterali? 

Il collutorio è utile per gestire le malattie gengivali, ridurre il dolore alle gengive, la placca dentale, la crescita batterica, pulire la cavità dentale e mantenere l’igiene orale.

Anche se ci sentiamo rinfrescati dopo aver usato un collutorio, la sensazione di bruciore e formicolio durante l’uso non è molto piacevole. L’alcool contenuto nel collutorio elimina i batteri orali buoni come i probiotici e i lattobacilli.

Continua a leggere per scoprire di più sui collutori e sui benefici del collutorio con CBD (cannabodiolo). 

Introduzione

Sono finiti i giorni in cui la gente associava la cannabis solo alla droga e alla sensazione di euforia. I cambiamenti nel panorama legale, l’aumento dei finanziamenti per la ricerca e degli investimenti da parte delle aziende biotecnologiche e farmaceutiche e la maggiore consapevolezza dei consumatori, hanno trasformato il valore complessivo e il mercato dei prodotti derivati dalla cannabis.

Tuttavia, il dibattito sull’uso della marijuana per scopi medici e ricreativi prevale ancora. Guarsando al lato positivo, gli argomenti si sono ammorbiditi, e le idee sbagliate si stanno dissolvendo alla luce delle conclusioni della ricerca e di abbondanti rapporti aneddotici.

Nell’ultimo periodo il CBD è stato aggiunto in integratori, prodotti commestibili e prodotti cosmetici. Inoltre, il CBD è sempre più presente nell’industria dei beni di largo consumo.

Conosciamo bene i collutori con estratti di erbe. Cerchiamo di capire cosa possono offrire i collutori con CBD. Sono diversi dagli altri collutori da banco? Il collutorio con infuso di CBD è un’alternativa più sicura ed efficace ai collutori contenenti fluoro? È abbastanza efficace nell’uccidere i batteri orali? Scopriamolo.

I 3 usi principali del collutorio

Uno studio del 20161 definisce il collutorio come un liquido medico che viene tenuto in bocca e azionato della muscolatura periorale per eliminare i patogeni orali. 

Generalmente, usiamo un collutorio per ridurre l’alito cattivo. Ma è sempre una buona idea aggiungerlo alla nostra routine di igiene orale (spazzolamento e filo interdentale). Perché uno spazzolino da denti non sempre raggiunge tutte le aree della bocca o tra i denti. Invece, il collutorio raggiunge le zone inaccessibili e previene la formazione di carie e placca.  

Quindi alcuni degli obiettivi dell’uso del collutorio sono:

  • Proteggere i denti e le gengive dai batteri
  • Rimuovere i cattivi odori
  • Prevenire la carie dentale, l’infezione

La American Dental Association (ADA) classifica due tipi di collutorio: cosmetico e terapeutico. 

Il collutorio cosmetico può aiutare a controllare temporaneamente l’alito cattivo, diciamo per un breve periodo, e dare un gusto piacevole. Ma la sua efficacia nell’uccidere i batteri o ridurre la placca dentale non è nota. D’altra parte, un collutorio terapeutico contiene ingredienti attivi che aiutano a controllare o ridurre condizioni come l’alito cattivo, la gengivite, la placca e la carie.

Quindi è chiaro che gli ingredienti usati nel collutorio sono fondamentali per la sua efficacia nel trattamento delle malattie orali. 

natural herbal ingredients

Elenco dei principi attivi in un collutorio

I nostri antenati hanno provato diversi prodotti naturali (compresa l’urina umana e animale) per sbiancare i loro denti, ridurre l’alito cattivo o prevenire le malattie orali.

Una meta-analisi del 20161 cita alcuni dei primi prodotti usati come collutorio. Essi includono:

  • sale,
  • miscela di allume e aceto,
  • acqua di pasta,
  • olio d’oliva, latte,
  • vino e olio
  • bucce di melograno,
  • noci, ecc.
  • Triphala
  • foglie di basilico
  • neem
  • olio di chiodi di garofano
  • menta
  • corteccia di quercia bianca
  • foglie di piantaggine
  • aloe vera
  • gomma di mirra
  • foglie di menta piperita e il suo olio essenziale
  • olio essenziale dell’albero del tè e altro ancora

Anton van Leeuwenhoek (uomo d’affari olandese e padre della microbiologia) scoprì degli organismi batterici depositati nei suoi denti. Li studiò e provo ad immergerli nel brandy e notò che questi batteri diventavano inattivi. Da allora, l’uso dell’alcol nei prodotti di collutorio si è intensificato commercialmente.

Uno studio del 20192 portò alla luce le varie sostanze attive utilizzate nella maggior parte dei collutori disponibili in commercio. 

  1. Cloruro di piridinio cetilico
  2. Oli essenziali, 
  3. Clorexidina, 
  4. Triclosan, 
  5. Prodotti naturali,
  6. Diclofenac,
  7. Fluoruri, 
  8. Delmopinol. 

Lo studio del 20113 afferma che la Clorexidina (identificata negli anni ’60) è considerata il gold standard negli agenti antiplacca e antigengiviti ed è la più potente fino ad oggi.  

Prodotti commerciali VS prodotti per l’igiene orale infusi con cannabinoidi – Un confronto

Consideriamo i risultati di due diversi studi in vitro fatti degli stessi autori che hanno valutato l’efficacia dei cannabinoidi nei collutori.

  1. Studio preliminare 
  2. Studio controllato randomizzato

In primo luogo, lo studio preliminare4 ha confrontato l’efficacia dei cannabinoidi rispetto ai prodotti commerciali per l’igiene orale nel ridurre la placca dentale e i batteri. 

Campioni di placca di 60 adulti tra i 18-45 anni sono stati raccolti e raggruppati in sei gruppi di ricerca. Il numero di colonie batteriche trovate nei campioni che hanno usato prodotti commerciali per l’igiene orale e cannabinoidi sono stati valutati e confrontati.

I cannabinoidi inclusi nello studio erano CBD, cannabidiolo; CBGA, acido cannabigerolico; CBG, cannabigerolo; CBN, cannabinolo; CBC, cannabicromene, e cannabite F (una formulazione di dentifricio di melograno e alghe combinato con parti attive di cannabis) 

Alcuni dei risultati chiave di questo studio in vitro (laboratorio confinato) sono i seguenti:

  • I cannabinoidi mostrano potenziali proprietà antibatteriche contro i batteri associati alla placca dentaria e le specie batteriche sia gram-positive che gram-negative. 
  •  Rispetto ai prodotti sintetici per l’igiene orale (Oral B e Colgate), i cannabinoidi sono significativamente efficaci nel ridurre il numero di colonie di batteri. 
  • L’efficacia dei cannabinoidi potrebbe variare da individuo a individuo, a causa della diversità microbica dei biofilm orali. 
  • I collutori con infusione di cannabinoidi offrono un’alternativa più sicura agli antibiotici sintetici per ridurre lo sviluppo della resistenza ai farmaci.

In tutti i sei gruppi di ricerca, la massima crescita batterica è stata riportata nei trattamenti Oral B, Colgate e Cannabite F. Al contrario, solo un numero minimo di colonie batteriche è stato osservato nei trattamenti con CBD, CBC, CBN e CBGA. Tra tutti i cannabinoidi, CBN e CBC sono stati efficaci in diversi gruppi di ricerca. 

In secondo luogo, lo studio controllato randomizzato5 ha confrontato l’efficienza dei collutori infusi di cannabinoidi con l’agente antiplacca gold standard clorexidina. I risultati in vitro dimostrano il potenziale dei cannabinoidi nello sviluppo di collutori efficienti e più sicuri e di prodotti per l’igiene orale di nuova generazione senza fluoro e alcol.

I risultati chiave dello studio:

  • I campioni di placca dentale raccolti da 72 adulti di età compresa tra 18 e 83 anni sono stati utilizzati nello studio.
  • Due collutori sono stati testati in confronto alla clorexidina. Uno era infuso con cannabidiolo (CBD) e l’altro con cannabigerolo (CBG). Entrambi hanno mostrato un’efficienza equivalente alla clorexidina. In altre parole, sia i collutori infusi con cannabinoidi che la clorexidina 0.2% sono stati efficaci contro tutti i campioni testati.
  • In alcuni campioni, le prestazioni del collutorio CBD e CBG nell’inibire la crescita batterica si sono dimostrate statisticamente significative rispetto alla clorexidina 0,2%. 
  • CBG, CBD, CBN, CBC hanno attività antibatterica contro i batteri gram-positivi e gram-negativi. 
  • Il CBD inibisce fortemente le formazioni di vesciche e il rigonfiamento delle membrane esterne e migliora l’efficienza degli antibiotici nell’attività battericida.

Effetti collaterali dell’uso di un collutorio al fluoro o all’alcol 

Lo studio del 20206 riafferma le statistiche dello studio sull’onere della malattia globale che le malattie parodontali sono all’11° posto tra le malattie prevalenti nel mondo. 

Quindi, innegabilmente la salute orale è una parte essenziale della salute generale e del benessere generale. Essendo l’anatomia umana una struttura interconnessa così complessa, i problemi ai denti e alla bocca in generale possono poi sfociare in problematiche in altre parti del corpo.

  • Uno studio del 20087 indica che l’84,4% degli individui con malattia cardiovascolare (CVD) aveva una malattia parodontale rispetto a solo il 22,5% degli individui senza CVD.
  • Nel nostro precedente post su come usare l’olio di CBD per la disfunzione erettile? Abbiamo discusso che la parodontite cronica (CP) e la disfunzione erettile (ED) condividono fattori di rischio comuni e portano alla disfunzione endoteliale. Pertanto gli uomini con ED da lieve a grave hanno mostrato una maggiore prevalenza di CP. 
  • Oltre ai disturbi cardiovascolari, uno studio del 20008 sottolinea che i batteri causano infezioni diffuse dalla cavità orale, lesioni da tossine microbiche circolanti, infiammazione e lesioni immunologiche dovute a microrganismi orali e polmonite batterica.
  • Le abitudini dello stile di vita come il consumo di una dieta ricca di zuccheri, l’uso di tabacco, l’uso a lungo termine di caffè, tè, alcol e bevande ad alto contenuto acido potrebbero portare allo sviluppo di placca dentale, carie e causa lo scolorimento dei denti,

Nel complesso, livelli inaccettabili di irritazioni delle mucose, macchie sui denti, alterazione del gusto e desquamazione della pelle sono effetti collaterali comunemente riportati dall’uso di dentifrici e collutori disponibili in commercio e non sono efficaci nell’uccidere i batteri. Tuttavia, è essenziale rendersi conto che la maggior parte delle condizioni di salute orale sono prevenibili e curabili. A condizione di usare prodotti appropriati e sicuri per la salute orale: dentifricio, spazzolino, pulisci lingua, collutorio e filo interdentale.

Ruolo del sistema endocannabinoide nella salute orale

  • Secondo lo studio del 2018,9 i cannabinoidi potrebbero essere usati in nuovi farmaci efficaci nella terapia parodontale e nel miglioramento della salute orale. In particolare, i livelli di endocannabinoidi nei recettori CB2 aumentano durante l’infiammazione e i cannabinoidi potrebbero inibire questa risposta infiammatoria. 
  • Allo stesso modo, lo studio del 201910 riconosce anche la prevalenza dei recettori CB1 e CB2 nei tessuti parodontali in modelli diversi. E l’effetto dei cannabinoidi era principalmente dipendente dai recettori CB2. Le conclusioni di questo studio riconoscono che i cannabinoidi possono contribuire a nuove terapie per la rigenerazione parodontale e la guarigione delle ferite. 
  • Uno studio recente11 afferma che THC e CBD sono batteriostatici e battericidi contro un pannello di patogeni gram-positivi. Compreso lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA).
  • Inoltre, gli endocannabinoidi mostrano caratteristiche abbastanza efficaci per sradicare i biofilm. Il rapporto aggiunge i cannabinoidi che si trovano nella cannabis Sativa, ma anche i suoi terpeni mostrano attività antimicrobiche promettenti.

5 punti da tenere a mente quando si sceglie un collutorio

  1. Come detto, ci sono molti collutori da banco per uso cosmetico. Ma, nella maggior parte dei casi, i dentisti prescrivono collutori terapeutici dopo aver esaminato la vostra igiene orale. Di nuovo, ricordati di usarli solo durante il periodo prescritto. 
  2. L’uso prolungato di alcol e di prodotti contenenti fluoro potrebbe portare a forme tumurali nel cavo orale.
  3. I collutori con clorexidina sono efficaci nelle malattie gengivali e per combattere la placca, ma causano la macchiatura dei denti e l’alterazione del gusto.
  4. I farmaci esistenti non sono abbastanza efficaci nel combattere i batteri in rapido sviluppo. I cannabinoidi presentano una nuova opportunità come potenziale nuova fonte di antibiotici.
  5. Non c’è sostituto per spazzolare i denti due volte al giorno, usare il filo interdentale e sciacquare per evitare l’alito cattivo e ridurre la crescita batterica. Quindi, mantenere l’igiene orale è una pratica obbligatoria da mantenere per tutta la vita.

Riferimenti

  1. Manipal S, Hussain S, Wadgave U, Duraiswamy P, Ravi K. The Mouthwash War – Chlorhexidine vs. Herbal Mouth Rinses: A Meta-Analysis. J Clin Diagn Res. 2016;10(5):ZC81-ZC83. doi:10.7860/JCDR/2016/16578.7815 [] []
  2. Tartaglia GM, Tadakamadla SK, Connelly ST, Sforza C, Martín C. Eventi avversi associati all’uso domestico di colluttori: una revisione sistematica. Ther Adv Drug Saf. 2019;10:2042098619854881. Published 2019 Sep 23. doi:10.1177/2042098619854881 []
  3. Mathur, Setu & Mathur, Tanu & Srivastava, Rahul & Khatri, Rohit. (2011). Clorexidina: The Gold Standard in Chemical Plaque Control. National Journal of Physiology, Pharmacy and Pharmacology.1 []
  4. Stahl V, Vasudevan K. Comparison of Efficacy of Cannabinoids versus Commercial Oral Care Products in Reducing Bacterial Content from Dental Plaque: Un’osservazione preliminare. Cureus. 2020;12(1):e6809. Published 2020 Jan 29. doi:10.7759/cureus.6809 []
  5. Vasudevan, K., Stahl, V. I collutori infusi con cannabinoidi sono efficaci quanto la clorexidina sull’inibizione del contenuto batterico totale coltivabile in campioni di placca dentale. J Cannabis Res 2, 20 (2020). https://doi.org/10.1186/s42238-020-00027-z []
  6. Vasudevan, K., Stahl, V. I collutori infusi con cannabinoidi sono efficaci quanto la clorexidina sull’inibizione del contenuto batterico totale coltivabile in campioni di placca dentale. J Cannabis Res 2, 20 (2020). https://doi.org/10.1186/s42238-020-00027-z) sottolinea alcuni degli effetti collaterali dell’uso del collutorio. 

    • I collutori contengono fluoro, alcool, cloruro di cetilpiridinio (CPC) o un pH estremamente basso (acidità/alcalinità).
    • A causa del pH molto basso, la saliva trattiene il fluoro dopo un solo utilizzo ed erode la dentina (uno dei quattro componenti principali dei denti).
    • Anche se il collutorio contenente clorexidina è molto efficace, la colorazione dei denti è un effetto collaterale inaccettabile. Quindi, può essere adatto per un breve periodo d’uso prescritto, come consigliato dal vostro dentista, ma non per un uso quotidiano o frequente. Inoltre, se alla clorexidina è stato aggiunto un sistema antidecolorazione, ha perso la sua efficacia.  
    • Lo studio sottolinea che 12 prodotti per il risciacquo della bocca presentano un’alta citotossicità (tossicità per le cellule) e mancano di proprietà antimicrobiche.

    Per riassumere, i collutori a base di erbe contenenti aloe vera, neem e cannabinoidi dimostrano il potenziale per sostituire la clorexidina. L’unica cosa che manca loro è una sufficiente evidenza scientifica. Quindi i collutori infusi di cannabinoidi (CBD/ CBG) combinati con altri ingredienti chiave naturali sono privi di alcool e non causano scolorimento.  

    Dental use products

    Benefici per la salute orale

Autore

Esperto CBD | Vedi gli articoli

With close to two decades of successful stint in the Media industry, I felt I was surely missing a piece in my life puzzle. I took a break and set out to seek the purpose of my life. I travelled, lived out of a suitcase, let things flow into life without resisting, and after five challenging years, I found my rhythm. I love to write about Cannabis and Health and try my best to simplify esoteric concepts into simple ideas for life.

Sofia Lo Presti
Sofia Lo Presti
Traduttrice | Vedi gli articoli

Nata in Italia, Sofia è un vera esperta del CBD. Ha molta esperienza con i consumatori di CBD e essendo curiosa per natura, Sofia ha sperimentato in prima persona i benefici del CBD. Costantemente aggiornata sui nuovi studi e scoperte sull'argomento, mette la sua esperienza e conoscenza in merito a disposizione dei lettori di Hemppedia.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − sette =