14 min.

✓ Evidence Based


Rate post
  • L’epidiolex è l’unico prodotto CBD che è stato approvato dalla FDA. US Food and Drug Administration (FDA) (1) . Altri prodotti contenenti CBD non sono stati ufficialmente riconosciuti dalla FDA e non hanno linee guida per il dosaggio.
  • La quantità ideale di CBD per soddisfare le esigenze di una persona è determinata dalla chimica, dal peso e dall’attuale stato di salute.
  • I pazienti dovrebbero chiedere consigli da un medico o da una persona che ha familiarità con la cannabis, al fine di determinare il dosaggio appropriato del cannabidiolo. Se non esiste una raccomandazione, l’opzione migliore è iniziare con una piccola dose ed esaminare gli effetti del CBD.
  • Il monitoraggio dell’utilizzo e del dosaggio del CBD potrebbe aiutare a valutare l’efficacia dei prodotti CBD che attualmente utilizzano.

rel = “noopener” target = “_ blank”>

Rel = “Noopener” Target = “_ blank”> Cannabidiol (CBD) è un composto di piante di cannabis che si ritiene abbia diverse proprietà terapeutiche (2) .

Al momento nel presente, attualmente, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato solo un prodotto contenente cannabidiolo, Epidiolex (3) . La soluzione orale viene utilizzata per trattare convulsioni causata dalla sindrome di Dravet (DS) o Disturbo Lennox-Gastaut (LGS) Due forme distinte di epilessia.

Il dosaggio che si consiglia di utilizzare l’epidiolex può essere trovato secondo (4) :

  1. Il punto di partenza ideale è la dose somministrata per via orale di 2,5 mg/kg ogni giorno due o 5 mg/kg al giorno.
  2. Dopo circa una settimana, i pazienti possono aumentare il loro dosaggio a 5 mg/kg, due volte al giorno o 10 mg/kg al giorno.

Le normative FDA non coprono altri prodotti che contengono cannabidiolo. Pertanto, non hanno linee guida ufficiali sul dosaggio del CBD.

Identificazione della giusta quantità di CBD

Il peso e la chimica del corpo e le attuali condizioni di salute devono essere presi in considerazione quando si decide quanto CBD si dovrebbe consumare. Non esiste una formula universalmente adatta in particolare per gli utenti del CBD alle prime armi.

La prima volta che gli utenti dovrebbero chiedere consigli da un medico in merito alla giusta dose di CBD. Un medico può fornire consulenza medica in merito a eventuali pericoli e interazioni con altri farmaci.

Si consiglia inoltre di iniziare con dosi più piccole e aumentare gradualmente fino a dosi maggiori fino a raggiungere gli effetti desiderati.

Una dose bassa potrebbe essere appena 20-40 milligrammi di CBD ogni giorno per iniziare. Dopo circa una settimana, le persone possono testare dosi più grandi nel caso in cui non subiscano reazioni negative.

Ad esempio, potrebbe essere consigliato a una persona di prendere 40 mg di CBD per fornire Rilievo del dolore . Dopo una settimana, i pazienti possono decidere di aumentare il dosaggio a 45 mg e quindi 50 mg nella settimana successiva e così via fino a quando il dolore è gestibile.

Si suggerisce di tenere traccia dell’uso del CBD e di come il tuo corpo reagisce alla dose. Gli utenti CBD possono registrare le proprie osservazioni in un notebook o utilizzare un’applicazione mobile.

Calcolo della dose di CBD

Molti marchi hanno l’etichettatura su capsule CBD e Gummies del CBD per consentire ai consumatori di determinare la quantità di sostanza che assumono in una singola porzione. Ad esempio, l’etichetta sull’etichetta di una bottiglia di capsule CBD potrebbe indicare 5 mg di CBD per tablet.

Se si utilizza l’olio CBD, di solito viene fornito con contagocce. Il pacchetto potrebbe specificare la quantità di cannabidiolo che può essere estratto da una goccia. Sulla base del calo dell’importo raccomandato per porzione, una persona sarà in grado di stimare la quantità di gocce richieste.

A volte è così che l’importo del CBD nel prodotto è difficile da determinare. L’imballaggio del prodotto afferma la quantità di CBD contenuta nell’intera bottiglia, non la quantità contenuta in una singola porzione.

Immagina una persona che vuole consumare una porzione di 40 mg di CBD da una bottiglia da 10 ml di olio di CBD che è etichettata con 1.000 mg di cannabidiolo.

Poiché una goccia è di circa 0,05 millilitri (ml), la bottiglia da 10 ml ha l’equivalente di 200 gocce CBD. Ciò può essere realizzato dividendo le dimensioni della bottiglia (10 ml) per l’importo del CBD per ogni goccia (0,05 ml).

Per determinare la quantità di CBD è contenuta in ciascun calo per stimare la quantità di CBD in ciascun calo, dividere tutto l’importo CBD (1.000 mg) nel numero di gocce (200). Ogni goccia avrà circa 5 mg di CBD.

Per ottenere 40 mg della dose di olio di CBD, si dovrebbero prendere almeno otto gocce del prodotto all’interno del loro contagocce.

Le società di CBD rispettabili sono in grado di fornire al pubblico risultati dei loro prodotti di cannabis per la revisione. La revisione di questi rapporti è tra i modi più efficaci per determinare la quantità di CBD è contenuta in ciascun prodotto.

Ricerca relativa al dosaggio di CBD

In uno studio dei ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha esaminato i dosaggi di CBD per uso orale che variavano tra 100 mg e 800 mg al giorno (5) . Hanno scoperto che queste dosi di CBD non hanno causato effetti negativi.

In uno studio di ricerca, un paziente che soffriva di schizofrenia consumava 1.200 mg CBD ogni giorno per un Coppia di settimane e notato un miglioramento dei segni (6) .

Lo studio ha anche dichiarato che i dosaggi di CBD che vanno da 40 mg a 1.280 mg al giorno hanno contribuito a migliorare la salute di un altro paziente.

Uno studio di pazienti con artrite che riceve 15 mg di CBD ogni giorno da Sativex, A Spray che contiene uguali quantità di CBD e THC Il trattamento ha alleggerito il dolore mattutino la mossa e al rilassamento (7) . I risultati sono stati superiori ai risultati ottenuti con il placebo.

La tabella seguente fornisce l’elenco dei dosaggi CBD scoperti per essere efficace nel fornire quei risultati desiderati per diversi disturbi medici .


condizione

dose CBD

Metodo di consegna


disturbo d’ansia
Da 300 mg a 600 mg (8) Orale

Malattia intestinale 5mg due volte al giorno (9) Sublinguale


Diabete di tipo 2
100mg due volte al giorno (10) Orale

Dolore al cancro 50mg a 600 mg al giorno (11) Orale


morbo di Parkinson
75mg a 300 mg al giorno (12) Orale

Malattia di Huntington Il massimo è 12 spray al giorno (13 ) Spray nasale

rel = “noopener” target = “_ blank”> cbd banner

Il sovradosaggio di CBD è possibile?

In uno studio del 2011 sulla sicurezza e gli effetti avversi del CBD, i ricercatori hanno scoperto che coloro che consumavano 1.500 mg di CBD al giorno erano in grado di tollerare il composto (14) .

Uno studio del 2017 lo conferma, aggiungendo che non vi è stato uno studio che ha riferito di tolleranza al CBD, indipendentemente da quanto olio di CBD ha consumato (15) .

Sebbene non ci siano prove che esista un sovradosaggio di CBD, uno studio del 2019 ha rivelato che gli umani hanno subito effetti negativi negativi dal CBD. Alcune di queste reazioni negative sono stanchezza, diarrea e somnolenza (sonnolenza) , così come la nausea (16) .

Esistono una serie di possibili reazioni di droga negative che possono essere vissute da persone che stanno assumendo CBD (17) . I ricercatori ritengono che queste interazioni potrebbero essere causate dal modo in cui il CBD interagisce con i recettori dei cannabinoidi e gli enzimi all’interno del sistema di endocannabinoidi (ECS).

Si ritiene che l’ECS regoli una varietà di funzioni corporee, mentre svolge anche un ruolo importante nella protezione dai disturbi medici. In uno studio di ricerca, i ricercatori ritengono che i farmaci che colpiscono le EC e i suoi recettori e i suoi recettori potrebbero aiutare nel trattamento delle malattie che coinvolgono l’infiammazione, dolore gonfiore così come La condizione nota come sclerosi multipla (18) .

In una sperimentazione clinica nel 2019 nel 2019, 57 partecipanti sani sono stati divisi in quattro gruppi che hanno ricevuto dosaggi di CBD di 150 mg 300 mg di CBD 600 mg di CBD e il placebo (19) .

I risultati dello studio hanno mostrato che quelli che hanno ricevuto 300 mg di CBD hanno visto una significativa riduzione dell’ansia quando hanno sostenuto un esame per parlare in pubblico.

Secondo il team di ricerca, i risultati dello studio sono in linea con i risultati di studi sugli animali che hanno rivelato curve dose-risposta a forma di campana che misurano l’efficacia del CBD (20) .

>
Dosaggio dell’olio CBD vs. dosaggio della capsula CBD

Diversi tipi diversi tipi di prodotti CBD sono offerti oggi dalle aziende. Nel condurre ricerche, gli utenti per la prima volta devono considerare il CBD più adatto adatto alle loro esigenze e stile di vita.

Mentre ci sono penna vape CBD, lozioni (topiche) e edibili CBD, i due prodotti più noti sono capsule e oli.


dosaggio di CBD in olio CBD

Il prodotto di cannabidiolo più popolare disponibile può essere descritto come olio di CBD. Con solo un singolo contagocce, i consumatori possono ottenere CBD a spettro completo o CBD a spettro ad ampio spettro o isolato CBD, in base alle loro preferenze.

Full-Spectrum è una raccolta completa di composti CBD. Lo spettro ampio contiene tutti i componenti, esclusi il THC mentre gli isolati contengono cannabidiolo puro. Il miglior tipo di olio di CBD è determinato dai requisiti di ciascun individuo.

L’olio di CBD è prodotto dalla pianta di cannabis, di solito la canapa viene raccolta e quindi inviata ai laboratori per estrarre. Queste piante contengono molti cannabinoidi, con CBD e THC (tetraidrocannabinolo) essendo due dei suoi componenti principali (21) .

Uno dei principali vantaggi forniti con tinture di oli a base di olio di CBD è che possono essere assorbiti più rapidamente nel corpo umano. Il consumo di CBD in modo supremo, cioè sotto la lingua garantisce una rapida consegna della sostanza (22) .

Un altro vantaggio dell’utilizzo dell’olio di CBD è il fatto che spesso includono contagocce. Le gocce consentono alle persone di determinare con precisione quanto CBD dovrebbero consumare per ogni dimensione di servizio.

La maggior parte dei prodotti CBD è accompagnata da dosaggi suggeriti. Gli utenti CBD possono aderire alle linee guida di dosaggio o iniziare con dosi più basse.

Nel caso in cui i risultati degli effetti di una tintura di CBD non siano sufficienti, i consumatori possono ridurre il dosaggio senza dover acquistarne uno nuovo.

Si consiglia di consultare un medico prima di utilizzare il CBD in particolare per i nuovi utenti CBD. Un professionista medico può fornire agli utenti CBD ulteriori informazioni su dosaggio sicuro ed efficace.

dosaggio CBD in Capsule CBD

Le capsule CBD contengono cannabidiolo in un contenitore progettato per renderlo facile e semplice da consumare. Ma il processo di produzione differisce dagli oli CBD.

Le capsule CBD sono disponibili in pillole Softgel che contengono qualsiasi tipo di CBD. Le capsule di CBD a spettro ampio e a spettro sono come oli di CBD, con l’eccezione che gli estratti sono contenuti all’interno delle capsule Softgel.

Per gli isolati, le capsule di CBD contengono una polvere bianca che può essere considerata CBD pura.

Uno dei principali vantaggi di prendere le capsule del CBD risiede nella loro comodità e nella loro discrezione. L’uso di una pillola CBD presa durante il viaggio può essere un ottimo metodo per consumare cannabidiolo.

Le capsule CBD forniscono dosaggio CBD esatto e costante per gli utenti.

Tuttavia, le capsule CBD CBD devono passare tramite il sistema digestivo, che si traduce in una biodisponibilità inferiore rispetto alle gocce di olio di CBD. La biodisponibilità si riferisce alla quantità e alla percentuale di una sostanza accessibile al suo obiettivo biologico (23) .

>
Suggerimenti per determinare il dosaggio CBD sicuro

Di seguito è riportato un elenco di punti da tenere a mente quando si effettuano calcoli per il dosaggio di CBD:

  • L’utente dovrebbe prendere in considerazione il loro peso corporeo, le condizioni di salute che desiderano trattare e la forza del CBD e la concentrazione del prodotto che stanno assumendo.
  • Si consiglia di iniziare con piccole quantità di CBD e aumentare gradualmente a dosi più elevate fino all’ottenimento degli effetti desiderati.
  • Si suggerisce di tenere traccia della quantità di utenti CBD consumati. Il monitoraggio dell’assunzione di CBD può aiutare a apportare modifiche al dosaggio del CBD.
  • Le tinture sono dotate di un contagocce di misurazione per garantire un dosaggio preciso.
  • La cosa più importante è che gli utenti del CBD dovrebbero consultare i loro medici sul dosaggio sicuro e sui potenziali pericoli di utilizzare il CBD.

Metodi di estrazione di CBD

Quando si discute di come viene prodotto il CBD, si riferisce alla particolare tecnica di estrazione utilizzata per realizzare il prodotto. Utilizzando la distillazione del vapore, l’anidride carbonica e i solventi naturali, come gli idrocarburi sono il metodo più popolare per estrarre l’olio di CBD.

L’estrazione di anidride carbonica, comunemente indicata come CO2 supercritica è un metodo per sbarazzarsi dell’olio di CBD dal materiale vegetale di cannabis. Il supercritico è la CO2 che ha sia le caratteristiche di uno stato gassoso che un liquido. Questo è il motivo per cui viene spesso definito estrazione fluida supercritica (SFE).

Sebbene richieda attrezzature costose e sofisticate al processo, molti marchi scelgono l’estrazione di CO2 per creare prodotti CBD di alta qualità. Uno studio ha scoperto che questo processo di estrazione produce livelli di cannabidiolo fino al 92 % di efficacia (24) .

La distillazione del vapore è il processo in cui il vapore a vapore prodotto provoca l’olio di cannabidiolo estratto dalle piante di canapa a divisione. L’estratto di canapa è conservato in un pallone che ha uno sbocco e un ingresso.

Quando l’acqua viene riscaldata, il suo vapore si sposta verso il pallone, rilasciando olio di canapa e vapori. I vapori vengono raccolti in un tubo, convertendo il prodotto in olio e acqua. La miscela viene quindi distillata per rimuovere qualsiasi olio che si trova nel.

Mentre il metodo della distillazione del vapore è stato provato e testato nel corso degli anni, ma non è così noto come l’estrazione di CO2 a causa della sua inefficienza. La distillazione del vapore è un ottimo metodo per estrarre più materiale di canapa dalla pianta ed estrarre quantità precise di CBD è una sfida.

L’estrazione del solvente è come la distillazione del vapore, tuttavia utilizza idrocarburi o solventi per rimuovere l’olio di CBD. Olio CBD e cannabis. Il risultato è una fusione di CBD che contiene il solvente. Quando il solvente viene evaporato e lascia solo l’olio di CBD puro.

Rispetto all’estrazione del solvente di distillazione a vapore è più economica ed è più efficiente in generale. Ma i solventi usati nell’estrazione di idrocarburi, come nafta, butano e petrolio, possono causare preoccupazioni. I residui di questi solventi potrebbero causare danni, aumentando la possibilità di cancro < /A> per coloro che sono esposti.

Lo svantaggio dell’estrazione del solvente usando metodi naturali è che durante l’estrazione potrebbe essere aggiunta la clorofilla delle piante che si traduce in olio di CBD con un sapore spiacevole.

Un sapore che non è previsto potrebbe non essere un problema in capsule o topici. Ma i prodotti CBD come oli per svapo e gomme possono esserne influenzati.

Un altro problema con i solventi organici è il fatto che non scompaiono immediatamente. Ciò significa che il CBD estratto ha un cannabidiolo inferiore rispetto ad altri metodi.

Quando si acquista CBD è essenziale determinare quale metodo di estrazione è stato impiegato nella creazione del prodotto. Questa è una misura importante del valore e della qualità del prodotto offerto da un’azienda.

I prodotti CBD prodotti utilizzando l’estrazione di CO2 potrebbero essere più costosi, tuttavia sono più costosi dei prodotti realizzati utilizzando altri metodi.

Quelle che usano altre forme di estrazione potrebbero essere meno costose, ma potrebbero essere rischiose quando consumate. Al contrario, la distillazione del vapore e i metodi di solvente naturale spesso producono quantità incoerenti di CBD.


FAQ

>
In che modo il CBD di canapa è diverso dal CBD di marijuana?

Esistono due tipi di cannabis che possono produrre cannabidiolo. marijuana e canapa.

Il CBD estratto dalla canapa proviene dalla pianta industriale di canapa, che è una varietà di cannabis che viene utilizzata principalmente per produrre fibre e semi. Le piante di canapa sono preoccupate per le loro foglie e sono piccole rispetto alle piante di marijuana.

La canapa contiene anche vari livelli di THC rispetto alla marijuana. Il THC può essere considerato una sostanza psicoattiva

(25) che può produrre un massimo di euforia quando consumata. Secondo la legge statunitense, le piante di canapa non possono contenere più dello 0,3 per cento THC per essere considerate legalmente legali (26) .

Al contrario, il CBD di marijuana deriva da piante di marijuana che sono note per le loro foglie e fioriture lussureggianti. La marijuana è di solito coltivata per migliorare gli effetti dell’alcol.

Secondo la legge federale, la marijuana è piante di cannabis con oltre lo 0,3 per cento di THC. Mentre il THC è il composto più diffuso nella marijuana, alcune varietà hanno livelli di CBD significativi.

Decidere se acquistare CBD se dalla marijuana o dalla canapa dipende dallo scopo per il quale è previsto. Il corpo umano non distingue tra la sostanza. Nel caso dell’olio di CBD è possibile trovare altri cannabinoidi che vale la pena considerare, come fitochimici e terpeni.

Secondo la ricerca, ogni componente di cannabis contribuisce alla capacità reciproca quando sono combinate (27) . Gli effetti di ciascun componente possono essere amplificati quando consumati in combinazione.

Il termine usato per descrivere questo fenomeno è “effetto entourage”. Effetto entourage “. La presenza di CBD THC, terpeni e vari cannabinoidi influenzano il modo in cui una persona risponde alla marijuana.

Chiunque voglia raccogliere i benefici alla propria salute dal THC può optare per il CBD derivato dall’olio di marijuana. Ma devono acquistare e utilizzare il petrolio CBD in uno stato che consente alla marijuana medicinale è legale.

Se stai cercando un prodotto legale che è approvato a livello federale e ricco di canapa CBD, l’olio di CBD derivato dalla canapa potrebbe essere l’opzione migliore.

Conclusione

È Epidiolex è l’unico prodotto di cannabidiolo che è stato approvato dalla FDA (FDA.GOV) che ha linee guida per il dosaggio suggerite ufficiali. Altri prodotti che contengono cannabidiolo non sono coperti dalle normative FDA e non forniscono linee guida per il dosaggio di CBD.

Ma molte persone hanno determinato il dosaggio appropriato del CBD tenendo conto della chimica del corpo, della concentrazione di CBD e delle attuali condizioni di salute.

Le persone dovrebbero chiedere consulenza a un esperto di determinare il giusto dosaggio di CBD per soddisfare le loro esigenze. Una consulenza medica di un operatore sanitario può aiutare le persone a mantenere le potenziali interazioni avverse ai farmaci e rischiare dall’uso inappropriato del CBD.

Rispetto agli oli di CBD, le capsule devono passare attraverso il tratto digestivo, con conseguente biodisponibilità inferiore. Inoltre ci sono molte varianti di prodotti CBD. I prodotti CBD sono creati uguali e possono avere dosi diverse.

Prima di acquistare prodotti CBD, si consiglia di verificare i risultati dei test di laboratorio di un laboratorio di terze parti. Questi rapporti forniranno una revisione dettagliata della composizione chimica del prodotto tra cui la potenza del cannabidiolo e la presenza di sostanze aggiuntive. I rapporti riveleranno anche se ci sono contaminanti identificati.

  1. US Food & Drug Administration (2020, 1 ottobre). Regolazione FDA di prodotti di cannabis e derivati dalla cannabis, tra cui cannabidiolo (CBD). Estratto da: https://www.fda.gov/news-events/public-health-focus/fda-regulation-cannabis-and-cannabis-derived-roducts-including-cannabidiol-cbd
  2. Crippa, J. A., Guimaraes, F. S., Campos, A. C., e Zuardi, A. W. (2018). Indagine traslazionale sul potenziale terapeutico del cannabidiolo (CBD): verso una nuova era. Frontiers in Immunology, 9, 2009. https://doi.org/10.3389/fimmu.2018.02009. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc6161644/
  3. US Food & Drug Administration (2020, 1 ottobre). Regolazione FDA di prodotti di cannabis e derivati dalla cannabis, tra cui cannabidiolo (CBD). operazione. CIT.
  4. Dailymed (2020, 26 agosto). Etichetta: Epidiolex- Soluzione di cannabidiolo. Estratto da: https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/druginfo.cfm?setid=8bf27097-4870-43fb-94f0-f3d0871d1eec
  5. Organizzazione mondiale della sanità (2017, 6-10 novembre). Rapporto pre-revisione del cannabidiolo (CBD) Agenda 5.2. Estratto da: https://www.who.int/medicines/access/controlled-substances/5.2_cbd.pdf
  6. Fasinu, P. S., Phillips, S., Elsohly, M. A., & Walker, L. A. (2016). Stato attuale e prospettive per i preparati di cannabidiolo come nuovi agenti terapeutici. Farmacoterapia, 36 (7), 781-796. https://doi.org/10.1002/phar.1780. https://www.alchimiaweb.com/blogfr/wp-content/uploads/2016/07/current-status-and-prospets-for-cannabidiol-preparations.pdf
  7. Russo E. B. (2008). Cannabinoidi per il trattamento di difficile da gestire il dolore. Terapie e gestione del rischio per pazienti clinici, 4 (1), 245-259. https://doi.org/10.2147/tcrm.s1928. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc2503660/
  8. Blessing, E. M., Steenkamp, M. M., Manzanares, J., & Marmar, C. R. (2015). Cannabidiolo come potenziale trattamento per i disturbi d’ansia. Neuroterapici Il Journal of American Society for Experimental Neuroterapeutics, 12 (4), 825-836. https://doi.org/10.1007/S13311-015-0387-1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc4604171/
  9. Fasinu, P. S., Phillips, S., Elsohly, M. A., & Walker, L. A. (2016). Stato attuale e prospettive per i preparati di cannabidiolo come nuovi agenti terapeutici. operazione. CIT.
  10. Jadoon, K. A., Ratcliffe, S. H., Barrett, D. A., Thomas, E. L., Stott, C., Bell, J. D., O’Sullivan, S. E., & Tan, G. D. (2016). Efficacia e sicurezza del cannabidiolo e del tetraidrocannabivarina su parametri glicemici e lipidici in pazienti con diabete di tipo 2: uno studio pilota di gruppo parallelo randomizzato, controllato con placebo, controllato con placebo. The Journal of Diabetes Care, 39 (10), 1777-1786. https://doi.org/10.2337/dc16-0650. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27573936/
  11. Good, P., Haywood, A., Gogna, G. et al. Cannabinoidi medicinali orali per alleviare i sintomi nelle cure palliative per i pazienti che soffrono di uno stadio avanzato di cancro. Studio clinico randomizzato in doppio cieco e controllato con placebo sull’efficacia e sulla sicurezza del cannabidiolo (CBD). BMC Palliat Care 18, 110 (2019). https://doi.org/10.1186/s12904-019-0494-6. https://bmcpalliatcare.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12904-019-0494-6#citeas
  12. Peres, F. F., Lima, A. C., Hallak, J., Crippa, J. A., Silva, R. H., & Abilio, V. C. (2018). Cannabidiolo come strategia promettente per trattare e prevenire i disturbi del movimento?. Frontiers in Pharmacology, 9, 482. https://doi.org/10.3389/fphar.2018.00482. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc5958190/
  13. Ibid.
  14. Bergamaschi, M. M., Queiroz, R. H., Zuardi, A. W., & Crippa, J. A. (2011). Sicurezza e effetti negativi del cannabidiolo, che è un componente di cannabis sativa. Attuale sicurezza dei farmaci, 6 (4), 237-249. https://doi.org/10.2174/157488611798280924. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22129319/
  15. Iffland, K., & Grotenhermen, F. (2017). Un aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo: una revisione dei dati clinici e studi sugli animali pertinenti. Cannabis e Cannabinoid Research 2 (1) 132-154. https://doi.org/10.1089/can.2016.0034. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc5569602/
  16. Huestis, M. A., Solimini, R., Pichini, S., Pacififi, R., Carlier, J., & Busardo, F. P. (2019). Effetti avversi del cannabidiolo e tossicità. Neuropharmacologia attuale, 17 (10), 974-989. https://doi.org/10.2174/1570159×17666190603171901. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc7052834/
  17. Brown, J. D. e Winterstein, A. G. (2019). Eventi di droga potenzialmente avversi e interazioni farmacologiche con l’utilizzo del cannabidiolo consumatore e medico (CBD). Journal of Clinical Medicine, 8 (7), 989. https://doi.org/10.3390/JCM8070989. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc6678684/
  18. Kaur, R., Ambwani, S. R., & Singh, S. (2016). Sistema endocannabinoide: un bersaglio terapeutico multi-facet. Farmacologia clinica nel presente, 11 (2), 110-117. https://doi.org/10.2174/1574884711666160418105339. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27086601/
  19. Linares, I., Zuardi, A., Pereira, L., Queiroz, R., Mechoulam, R., Guimaraes, F., & Crippa, J. (2019). Il cannabidiolo ha una curva di risposta a dose a forma di U invertita durante una finta prova di parlare in pubblico. Brazillian Journal of Psychiatry. 41 (1): 9-14 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30328956//a >
  20. Ibid
  21. Atakan Z. (2012). La cannabis è una pianta complessa con componenti diversi ed effetti diversi sulle persone. Psicofarmacologia: progressi terapeutici, 2 (6), 241-254. https://doi.org/10.1177/2045125312457586. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc3736954/
  22. Koland, M., Sandeep, V., & Charyulu, N. (2010). Film sublinguali in rapida dissoluzione realizzati in cloridrato di ondansetron: gli effetti degli additivi sul rilascio di farmaci in vitro e sulla permeazione della mucosa. Journal of Young Pharmacists: JYP, 2 (3), 216-222. https://doi.org/10.4103/0975-1483.66790. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc2964757/
  23. Price, G. & Patel, D. (2020). Biodisponibilità alla droga. Statpearls. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/Books/NBK557852/
  24. Rovetto L, Aieta N. 2017. Estrazione supercritica di anidride carbonica di cannabinoidi da Cannabis sativa L. Idtq-Grupo Vinculado Plapiquit-Cononet, Universidad Nacional de Cordoba, av. Velez Sarsfield 1611, X5016GCA Cordoba, Argentina. https://doi.org/10.1016/j.supflu.2017.03.014. https://www.scienceirect.com/science/article/abs/pii/s0896844617301900
  25. Huestis M. A. (2007). Farmacocinetica cannabinoide umana. Chimica e biodiversità, 4 (8), 1770-1804. https://doi.org/10.1002/cbdv.200790152. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc2689518/
  26. Hudak, J (2018, 14 dicembre). Hudak, J (14 dicembre 2018). Bill Farm, legalizzazione della canapa e status legale di CBD una breve spiegazione. Estratto da: https://www.brookings.edu/blog/fixgov/2018/12/14/the-farm-bill-hemp-and-cbd-explainer/
  27. Russo E. B. (2019). Il caso dell’effetto entourage e dell’allevamento convenzionale di cannabis clinica: nessun “ceppo”, nessun guadagno. Frontiers in Plant Science, 9, 1969. https://doi.org/10.3389/fpls.2018.01969.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.