6 min.

✓ Evidence Based


Rate post

Si è dimostrato

cannabinoidi per ridurre la gravità del dolore, che include dolore neuropatico, dolore infiammazione e dolore al cancro. I cannabinoidi possono ridurre la spasticità e il disagio che viene fornito con gli spasmi muscolari. Oltre a ridurre la gravità del dolore, molti malati affermano che la cannabis altera il modo in cui viene sentito il dolore e lo rende meno doloroso e meno distratto. In alcune situazioni, la cannabis può migliorare l’intensità del dolore acuto. I cannabinoidi sono neuroprotettivi che proteggono i nervi da lesioni acute come trauma cranico o ictus e da malattie che provocano lesioni croniche come la malattia di Alzheimer. Hanno anche proprietà anticonvulsivanti e, in determinate circostanze, possono anche avere effetti antipsicotici.

I cannabinoidi possono anche alterare la nostra coscienza attraverso il nostro sistema nervoso. Sulla base della concentrazione o della preparazione, i cannabinoidi possono causare stimolanti o rilassanti. I cannabinoidi possono ridurre la velocità di reazione e innescare altre modifiche nella percezione del sensoriale. Molti pazienti riportano un umore positivo e un rilassamento, nonché una risata e un comfort sociale, nonché la distorsione del tempo e un aumento dell’intensità degli eventi quotidiani (ad esempio alimentazione, attività sessuale, ascolto di musica) a seguito dell’uso della cannabis . La cannabis può innescare un effetto di dissociazione (consapevolezza che si disconnette dal proprio corpo e dall’ambiente circostante), nonché un risultato di integrazione (maggiore consapevolezza di se stessi e dell’ambiente).

Abstract: Studio medico

“Le proprietà analgesiche del Delta-9-Tetraidrocannabinolo.”

noyes r jr, brunk SF, Avery Da, Canter AC .

Astratto

La somministrazione di singole dosi orali di delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) a pazienti con dolore al cancro ha dimostrato un lieve effetto analgesico. In una dose di 20 mg, tuttavia il THC ha causato effetti avversi che potrebbero ostacolare il suo uso per scopi terapeutici, tra cui vertigini, sonnolenza, visione offuscata di atassia e atassia. A questo dosaggio sono state osservate anche reazioni avverse inaspettate. THC 10 mg è stato ben tollerato e nonostante i suoi effetti sedativi ha un effetto analgesico.


astratto: studio medico

“Nabiximols per i pazienti con cancro trattati con oppioidi che soffrono di dolore cronico che non è controllato in uno studio randomizzato e randomizzato contro il placebo in modo graduale.”

Astratto

Portenoy, Russell K., et al.

I pazienti che soffrono di cancro avanzato che sperimentano sintomi che non rispondono alla terapia con oppioidi presentano un problema per la ricerca clinica. Nabiximols (Nabiximols è il nome adottato dagli Stati Uniti [USAN] di Sativex (GW Pharma Limited., Wiltshire, Regno Unito] deve ancora possedere una locanda) Una nuova formulazione a base di cannabinoidi è sotto ricerca come trattamento aggiuntivo per questo gruppo di pazienti. In uno studio in doppio cieco e randomizzato, controllato dal placebo, di una dose graduata che soffrono di cancro avanzato e dolore che è resistente agli oppioidi sono stati trattati con nabiximols o placebo in un dosaggio basso (1-4 spray al giorno) o Un dosaggio medio (6-10 spray/giorno) o il dosaggio più alto (11-16 spray/giorno). Dolore medio, il dolore più grave e il disturbo del sonno sono stati valutati ogni giorno per 5 settimane di trattamento. Altri questionari hanno valutato la qualità della qualità vita e umore. Un totale di 360 pazienti sono stati assegnati in modo casuale; 263 hanno completato lo studio. Non c’erano differenze nel basale tra i gruppi. Il tasso di risposta del 30% nell’analisi iniziale non era significativo per Nabiximols o placebo (complessiva p =. 59). Una seconda analisi del risponditore continuo di I livelli medi del dolore giornaliero dal basale alla fine dello studio hanno dimostrato che la percentuale di pazienti che ha riportato analgesia era maggiore per i nabiximols rispetto al placebo in generale (P uguale a 0,035) specificamente nella dose moderata (P è uguale a 0,008) come così come il gruppo dose media (P uguale a .039). Nel gruppo a basso dosaggio i risultati erano comparabili per la media del disagio (P è uguale a .006) e il disagio medio più grave (P è uguale a 0,011) e il disturbo medio del sonno (P è uguale a .003). Altri questionari non hanno mostrato differenze significative di gruppo. Gli eventi avversi sono stati legati alla dose e solo il gruppo ad alte dose non è stato confrontato favorevolmente al placebo. Questo studio conferma l’efficacia e la sicurezza dei Nabiximols a dosi più basse e fornisce dati sulla dose cruciale per studi futuri.

PROSPETTIVA:

Nabiximols, una nuova formulazione a base di cannabinoidi, potrebbe essere un’aggiunta efficace agli analgesici per i malati di cancro che soffrono di dolore resistente agli oppioidi. Uno studio in doppio cieco e randomizzato, controllato dal placebo, di una dose graduata ha dimostrato la sua sicurezza e l’efficacia a dosi moderate e basse.


astratto: studio medico

“Revisione sistematica: efficacia e sicurezza della marijuana medica in alcuni disturbi neurologici: rapporto del sottocomitato per lo sviluppo delle linee guida dell’American Academy of Neurology.”

Koppel, Barbara S., et al.

Astratto

OBBIETTIVO:

Valutare l’efficacia della marijuana medica per una varietà di condizioni neurologiche.

Metodi:

Abbiamo condotto una revisione sistematica della cannabis medica (1948-novembre 2013) per trattare i sintomi dell’epilessia della SM (SM) e di altri disturbi del movimento. Abbiamo valutato la ricerca in conformità con l’American Academy of Neurology Classification System per articoli terapeutici.

Risultati:

Trentaquattro degli studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione. Otto studi sono stati classificati nella classe I.

Conclusioni:

I seguenti problemi sono stati esaminati in pazienti affetti da SM: (1) L’estratto di spasticità o cannabis orale (OCE) è altamente efficace in quanto i nabiximols e il tetraidrocanna (THC) è probabile che sia efficiente nelle misure in calo che sono centrate sul paziente ed è possibile che sia OCE che THC possono essere efficaci nel ridurre le misure sia oggettive che centrate sul paziente dopo 1 anno. (2) dolore centrale o spasmi che causano dolore (incluso il dolore correlato alla spasticità, ma non il dolore neuropathico) è efficiente; THC e Nabiximols potrebbero essere efficienti. (3) Disturbo urinario: i nabiximols possono essere efficienti nel ridurre il numero di volte in cui è necessario annullare la vescica; È probabile che THC e OCE siano inefficaci nella riduzione dei problemi della vescica. (4) Tremore: è probabile che THC e OCE siano inefficaci e Nabiximols potrebbe non essere efficace. (5) Altri disturbi neurologici OCE è probabilmente inefficace nel trattare le discinesie indotte da levodopa dei pazienti che soffrono di malattia di Parkinson. I cannabinoidi orali non hanno efficacia nel trattamento di sintomi non correlati alla corea come le malattie di Huntington, la sindrome di Tourette, la distonia cervicale e l’epilessia. I benefici e i rischi della marijuana medica devono essere attentamente considerati. Il rischio di avere gravi effetti psicopatologici era vicino al 1 %. L’efficacia comparativa della marijuana medicinale vs. Altri trattamenti non sono noti in queste condizioni.


astratto: studio medico

“Cannabinoidi e lesioni cerebrali implicazioni terapeutiche.”

; a>

Astratto

Studi in vitro e in vivo suggeriscono che gli endocannabinoidi, l’anandamide e il 2-arachidonoil-glicerolo, come in alcuni cannabinoidi sintetici e vegetali, forniscono neuroprotezione dopo lesioni cerebrali. Gli agonisti del recettore dei cannabinoidi bloccano la trasmissione sinaptica glutamatergica e diminuiscono la formazione del fattore di necrosi tumorale alfa e gli intermedi di ossigeno reattivi, che sono le principali cause di danno neuronale. La produzione di anandamide e 2-arachidonoil-glicerolo endoc è significativamente aumentata dopo il trauma cerebrale e ci sono prove che suggeriscono che queste sostanze aiutano a ridurre il danno secondario. Alcuni cannabinoidi sintetici e vegetali che non si collegano ai recettori per i cannabinoidi hanno anche dimostrato di proteggere i neuroni, forse mediante azione diretta sulla via dell’eccitatorio del glutammato o come antiossidanti.


astratto: studio medico

“Rischio dose-correlato” di incidenti automobilistici a seguito dell’uso della cannabis. ”

Ramaekers, Johannes G., et al.

Astratto

Il ruolo del Delta (9) -tetraidrocannabinolo (THC) nella compromissione del conducente e negli incidenti automobilistici è stato tradizionalmente stabilito in studi sperimentali ed epidemiologici. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che il THC influenza la cognizione, la funzione psicomotoria e le prestazioni effettive dei driver in modo dose. Il livello di compromissione che è stato osservato negli studi su dosi sperimentali fino a 300 microgrammi/kg di THC era paragonabile all’effetto di compromissione di un dosaggio di alcol che provoca livelli di alcol nel sangue (BAC)>/= 0,05 mg/dl che è legale limite per la guida sotto l’influenza in molti paesi europei. Le dosi più elevate di THC, cioè 300 microgrammi/kg di THC, non sono state studiate in dettaglio, ma ci si potrebbe aspettare che causino maggiori perdite. Le conseguenze negative del THC erano più evidenti in compiti di guida specifici rispetto ad altri compiti. Le azioni altamente automatizzate come il controllo del monitoraggio su strada sono state più fortemente colpite da THC che compiti di guida più complicati che richiedono il controllo cosciente. Le prove epidemiologiche sul ruolo del THC negli incidenti automobilistici sono state incompatibili con i risultati di studi di ricerca. Gli studi che utilizzano caso di controllo generalmente confermano i risultati sperimentali, tuttavia gli studi sulla colpevolezza non hanno fornito alcuna prova che i conducenti di crash che usano la cannabis tendano solo ad essere più a rischio di causare incidenti rispetto ai driver liberi da droghe. Tuttavia, la maggior parte degli studi sulla colpevolezza ha confermato l’uso della cannabis tra le vittime dello schianto analizzando se esiste una forma inattiva di THC nelle urine o nel sangue che può essere osservata per alcuni giorni dopo il fumo di cannabis ed è usato solo come prova della prova precedente utilizzo della cannabis. Gli studi che hanno stabilito l’uso della cannabis attraverso la misurazione diretta del THC nel sangue hanno rivelato che i driver positivi, specialmente a dosi più elevate, hanno 3-7 volte più probabilità di causare il proprio incidente rispetto ai conducenti che non avevano consumato alcol o droghe. Questi dati suggeriscono che l’uso della cannabis negli ultimi tempi potrebbe aumentare il rischio di un incidente, tuttavia, il precedente utilizzo della cannabis no. La ricerca sull’epidemiologia e gli esperimenti hanno prodotto risultati simili per quanto riguarda l’uso di THC e alcol durante la guida. La combinazione di THC e alcol ha comportato compromissioni significative negli studi psicomotori, cognitivi e effettivi durante gli studi di ricerca e hanno notevolmente aumentato il rischio di incidente negli studi epidemiologici.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 × quattro =