cbd e concentrazione
8 min.

Update:

Per prima cosa, cerchiamo di capire cosa sia l’attenzione. Prestare particolare attenzione a un compito specifico in un determinato momento, concentrarsi in una determinata attività o semplicemente essere in uno stato d’animo impegnato, sono alcuni dei sinonimi generali della parola focus. Ma perché abbiamo bisogno di concentrazione e quanto ne abbiamo bisogno? Come mantenere la concentrazione per una durata più lunga? Queste sono le domande chiave che ci aiutano a capire l’importanza di rimanere concentrati.

La concentrazione è il mezzo che permette il flusso di pensieri, la razionalità, la consapevolezza, l’elaborazione di domande e di soluzioni. Quindi concentrazione è la cosa più importante per ognuno di noi, perché ci dà la capacità di pensare.

Ma è difficile mantenere un livello di concentrazione stabile, risulta essere difficile a causa di diversi motivi, alcuni dei quali potrebbero essere dati dalla condizione di salute, da disturbi del sonno, da una dieta sbagliata o non sana, dallo stress emotivo, da cambiamenti ormonali, da dolore cronico, ecc. Questi fattori giocano un ruolo rilevante sul livello di concentrazione dell individuo.

Perché non riesci a concentrarti?

Sia che tu sia in piena salute o che tu soffra di ADD/ADHD, depressione o ansia è inevitabili avere dei momenti di distrazione quotidiana. Ci possono essere molte ragioni per cui non si riesce a concentrarsi, può trattarsi del vostro lavoro, della scuola o della famiglia. La vostra capacità di concentrazione avrà comunque un impatto sulla qualità della vostra vita.

Il CBD e la concentrazione

La CBD sta aiutando le persone in tutto il mondo a migliorare la loro concentrazione! Questo può sembrare un po’ strano se si pensa ai consumatori di cannabis, spesso descritti come molto smemorati, goffi, pigri e demotivati. Questo può essere l’aspetto di qualcuno dopo aver consumato troppo THC, ma non potrebbe essere più lontano dalla verità quando si parla di CBD. Infatti, la CBD ha dimostrato una grande capacità nell’aiutare le persone a concentrarsi.

Tanto per essere chiari, il CBD è diverso dalla sostanza chimica più associata alla cannabis, il THC. IL CBD non dà gli effetti psicotropi del THC, ma ha solo le preziose proprietà curative della pianta. Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide (ECS) e regola le funzioni dell’intero corpo.

Non c’è da meravigliarsi che questa pianta abbia così tanti incredibili benefici!

CBD, apprendimento, attenzione e memoria

Il CBD influenza positivamente l’apprendimento ((Lawn, Will, et al. “Acute and chronic effects of cannabinoids on effort-related decision-making and reward learning: an evaluation of the cannabis ‘amotivational’hypotheses.” Psychopharmacology 233.19-20 (2016): 3537-3552.)). Psicofarmacologia 233.19-20 (2016): 3537-3552.)). Ricerche precedenti condotte per determinare se il CBD influisce sulla memoria, hanno concluso che il THC e il CBD hanno due effetti opposti1. Il test è stato fatto per chiarire l’effetto dei due composti della cannabis sulla memoria. Il CBD è quindi opposto agli effetti psicotropi del THC. I soggetti che avevano assunto un alto contenuto di THC mostravano segni di deterioramento della memoria, mentre quelli che assumevano alto contenuto di CBD senza THC mostravano effetti opposti a quelli del THC. Inoltre, in un altro studio relativo agli animali, il CBD è stato somministrato ad un topo con Alzheimer, i risultati hanno rivelato come il CBD sia un fattore capace di avere un potere terapeutico capace di invertire gli effetti del morbo di Alzheimer.

ADHD/ADD

Alcune persone possono cercare di dormire al meglio, mangiare il più sano possibile, fare esercizio fisico e tutto ciò che è in lista, ma si trovano comunque nell’impossibilità di concentrarsi. Se si ha una forte incapacità di concentrazione, non importa quanto ci si sforzi se si è affetti da ADD o ADHD. In passato si pensava che l’ADHD colpisse solo i bambini o gli adolescenti, ma non è vero. Se non viene curata, l’ADHD si può trovare negli adulti e può essere molto problematica per la vita quotidiana.

L’ADD e l’ADHD sono disturbi che rendono più difficile la concentrazione degli individui. La mente è iperstimolata e chi ne soffre può sentirsi inquieto. Molte persone utilizzano farmaci da prescrizione come l’Adderall o il Ritalin per aiutare la concentrazione, ma questi farmaci possono creare dipendenza e perdere il loro effetto nel lungo periodo. Questo è il motivo per cui molte persone si rivolgono al cbd per trattare l’ADHD.

Come il CBD può aiutare a trattare la ADD/ADHD

Uno dei sintomi più iconici dell’ADHD è l’iperattività. Studi hanno dimostrato che il CBD può ridurre l’iperattività. Visto che il CBD regola il sistema endocannabinoide, questo porta ad aiutare anche le funzioni cognitive. Sia l’ADD che l’ADHD sono caratterizzati da bassi livelli di dopamina. La dopamina è il neurotrasmettitore che controlla le capacità cognitive del cervello come la memoria, i livelli di attenzione e l’umore. Inoltre, bassi livelli di questa sostanza chimica causano una manifestazione del disturbo da deficit di attenzione.

Se non siete concentrati durante il giorno, le capsule di CBD sono la scelta giusta. Queste si metabolizzano e si diffondono nel vostro sistema, dandovi una migliore concentrazione durante il giorno. Il CBD può essere consumato in vari modi come per esempio tramite l’olio di cbd, le capsule di cbd, i cristalli di CBD, i vapori, il cbd e-liquido, la gomma di CBD, ecc. Tutti questi prodotti possono aiutare la concentrazione con l’aggiunta di molti altri benefici.

Articolo correlato: CBD per ADD e ADHD

Affrontare un mondo pieno di distrazioni

Se il vostro telefono riceve 100 notifiche mentre cercate di scrivere una e-mail per il lavoro con la TV accesa in sottofondo, un compito semplice può diventare una sfida. A volte tendiamo a sopravvalutare la nostra capacità di multitasking. In quest’epoca moderna, con gli smartphone e i social media, il mondo richiede la nostra attenzione in cento direzioni contemporaneamente.

Non c’è da stupirsi che una delle cose migliori da fare quando non ci si può concentrare sia cambiare l’ambiente circostante e le proprie abitudini. Per esempio mettere il telefono in muto o non averlo intorno a te quando devi scrivere un grosso articolo. Lo controllerete dopo, non succede niente anche se non rispondete immediatamente. Non vi rendete conto di come, in una frazione di secondo, una distrazione può mandare in tilt l’intero processo. Una volta che l’attenzione si è persa, bisogna riconquistare la concentrazione. La CBD può fare molto per la nostra salute, ma non può eliminare le distrazioni dalla vostra giornata.

Il modo più collaudato, efficace e semplice per ingerire il cbd è attraverso l’olio di cbd. Prendete qualche goccia d’olio con un contagocce e mettetelo sotto la lingua. In pochi minuti, sentirete che l’olio vi darà una rapida azione, equilibrando i livelli di cortisolo e calmando così l’ormone dello stress.

Inoltre, come detto in precedenza, gli endocannabinoidi della pianta lavorano con il sistema endocannabinoide nel corpo, facilitando il flusso di serotonina al cervello. Questo, a sua volta, si coordina con quei recettori sedandoli leggermente, agendo contro l’ansia, i disturbi del sonno o dell’attenzione.

Conclusioni

Per riassumere il tutto, non fatevi prendere dal panico quando vi imbattete in certi termini medici che potrebbero essere nuovi per voi. Non fate combaciare e non mettete in relazione tutti i sintomi in riferimento al vostro stato di salute. Questo non è l’intento di questo articolo. Datti un po’ di tempo per capire te stesso, osserva l’ambiente circostante, il cibo che mangi, lo stile di vita, ecc. e lentamente cominciare a incorporare l’olio di cbd nella tua dieta quotidiana. Iniziare con piccole quantità migliorerà gradualmente la vostra fiducia sul CBD e il CBD potrebbe portare portarvi immensi benefici generali per la tua salute. C’è una comunità crescente di persone che sono diventate degli appassionati del CBD, mostrando al mondo la loro salute migliorata e i loro stili di vita più felici con l’aiuto del CBD.

Riferimenti

  1. Schoeler, Tabea, e Sagnik Bhattacharyya. “L’effetto dell’uso di cannabis sulla funzione della memoria: un aggiornamento”. Abuso di sostanze e riabilitazione 4 (2013): 11 []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *