2 min.

✓ Evidence Based


Rate post

Last updated on 18 Maggio 2022

Come medico, le persone mi hanno spesso chiesto se possono ricevere gli stessi benefici dal fumo di cannabis, come dall’olio di cannabis

Ecco la mia risposta

La maggior parte delle persone usa il termine “olio di cannabis” per riferirsi a un potente concentrato di cannabis che viene generalmente realizzato usando un solvente organico, come l’etanolo e il calore. Il concentrato è estremamente appiccicoso e difficile da lavorare ed è in genere immagazzinato in una siringa utilizzata per un uso orale per garantire un dosaggio preciso e una semplice somministrazione. La maggior parte delle persone consuma l’olio attraverso la bocca, inghiottendolo o permettendole di dissolversi e immergersi in spazi tra le gengive e la superficie della guancia esterna.

La maggior parte di questi prodotti contiene almeno il 50% di cannabinoidi in peso. La dose tipica è solo una piccola quantità che ha una dimensione di un granello di riso o meno, che potrebbe fornire 20-50 mg di cannabinoidi e quindi aumentare gradualmente le dosi di diverse centinaia di milligrammi ogni giorno.

Ho ascoltato molte storie positive da pazienti che hanno preso questo metodo ad alte dosi per combattere il cancro. Altri pazienti hanno riportato il successo del trattamento delle malattie del dolore autoimmune e neuropatico usando queste dosi estremamente elevate a seguito di dosi basse che non hanno funzionato.

Sottolineo spesso l’efficacia di dosi estremamente basse di cannabis. Credo che gli effetti fisiologici dei cannabinoidi con dosi ultra-alte differiscano in modo significativo da quelli di dosi basse. Penso spesso a uno studio con una dose ultra alta in rari casi in cui il metodo di sensibilizzazione a bassa dose non funziona per i miei pazienti.

L’inalazione di una tipica sigaretta di cannabis produce 0,5-2 mg di cannabinoidi, in base al materiale utilizzato per iniziare e del metodo di fumo. Ciò significa che dovresti fumare centinaia di sigarette di fumo di marijuana al giorno per raggiungere livelli simili a quelli che fumano olio di cannabis. Non lo suggerirei! Per la maggior parte delle persone che non hanno problemi respiratori, credo che fumare tra 1 e 5 sbuffi al giorno sia un dosaggio sicuro e un metodo di consegna efficiente che non causerà danni ai polmoni o al tratto respiratorio. Inoltre, consiglio a coloro che fumano di prendere in considerazione la vaporizzazione o l’uso del programma “Passing dall’inalazione alla tintura” disponibile su questo sito Web.

L’uso dell’olio di cannabis con alta potenza è uno sviluppo affascinante nel campo della terapia cannabinoide, tuttavia, vorrei sottolineare che coloro che assumono i prodotti hanno un rischio maggiore di sperimentare reazioni avverse. Ho visto persone che usano la cannabis da molto tempo e sono a mio agio con gli effetti psicoattivi, tuttavia, soffrire di una terribile sensazione di delirio dopo la prova di un granello di riso da queste sostanze. A partire da una piccola dose, come un quarto di grano di riso e aumentando lentamente il dosaggio per un periodo di tempo, la maggioranza sarà in grado di evitare di sperimentarlo guadagnando gradualmente la tolleranza per gli effetti della psicoattività. Tuttavia, abbi cura di te e consulta un praticante competente!

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

otto − 6 =