17 min.

✓ Evidence Based


Rate post

>
La FDA accetta i prodotti CBD? Prodotti CBD?

  • Nel dicembre del 2018, l’Agricoltura Improvement Act del 2018 (chiamato anche Bill Farm) ha permesso l’uso del CBD dalla canapa, quindi in caso di contenuto di THC inferiore allo 0,3 per cento. (1 )
  • Nel 2018, la fattura agricola del 2018 è arrivata con una serie di regolamenti relativi alla coltivazione della canapa e ai cannabinoidi derivati dalla canapa. Le regole affermano che i cannabinoidi dalla canapa sono consentiti in determinate condizioni. (2 )
  • Ogni stato negli Stati Uniti ha le sue politiche sulla canapa industriale. Il Texas è un esempio. Il Texas consente la coltivazione e la crescita della pianta, mentre l’Idaho è irremovibile che la sua coltivazione sia illegale. (3-4 )
  • La FDA prevede di fornire ulteriori informazioni sull’uso del CBD e sta contemplando la regolazione dei suoi prodotti CBD simili agli integratori alimentari. (5 )
  • L’epidiolex è un farmaco CBD utilizzato per trattare due forme di epilessia che sono rare sono state rimosse dall’elenco delle sostanze controllate da parte della DEA nell’aprile 2020. In precedenza era elencato come farmaco a programma V ai sensi del CSA. (6 )

Cosa dice la legge federale del CBD?

Esistono due varietà di piante di cannabis sativa che il governo federale riconosce la canapa e la marijuana.

La marijuana è la più nota dei due e cresce per avere quantità significative di tetraidrocannabinolo, o THC che è l’ingrediente che dà alla cannabis i suoi effetti psicoattivi. Ha anche cannabidiolo (CBD) che è noto per le sue proprietà curative, anche a bassi livelli. (7 )

La canapa è, al contrario, ha quantità significative di CBD e persino tracce di THC.

L’Agricoltura Improvement Act del 2018 (Bill Farm) approvato nel dicembre 2018, ha permesso al CBD estratto da estratti di impianti di canapa legale in quanto non conteneva più dello 0,3 per cento di THC. (8 )

Ma il CBD derivato dalla pianta di marijuana non è legale secondo la legge sulle sostanze controllate in quanto è classificata come droga dell’Allegato I dalla Drug Enforcement Administration (DEA). (9 ) Ciò significa che la DEA lo considera non avere un uso accettato dal punto di vista medico, ma ha un’alta probabilità di uso improprio.

Il disegno di legge della fattoria è arrivata anche una serie di regole per la coltivazione della canapa. Stabilisce che i cannabinoidi derivati dalla canapa possono essere usati solo quando soddisfa determinati standard. (10 ) Ad esempio prodotti a base di CBD che hanno l’importo del THC approvato, tuttavia, la canapa che non è stata coltivata da un coltivatore autorizzato non è legalmente legale.


Quali sono le leggi statali sul CBD?

Sebbene il governo federale abbia approvato il CBD che deriva dalla pianta di canapa, gli stati stanno alterando le loro leggi, che non sono sempre in linea come leggi federali.

Ad esempio, il Texas ha appena permesso la coltivazione e la crescita della canapa industriale, mentre l’Idaho è ancora irremovibile che la sua coltivazione sia illegale. (11-12 )

Alcune organizzazioni hanno database online che contengono le leggi statali più attuali relative al CBD e alla canapa, il che consente un rapido accesso alle leggi sulla canapa.


Valutazione e regolamento del cannabidiolo

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha pubblicato un annuncio il 5 marzo 2020 per quanto riguarda i loro progressi nello stabilire un approccio alla regolamentazione per i prodotti CBD.

Hanno anche fornito un aggiornamento sulle preoccupazioni dei consumatori e sui progressi del loro processo di regolamentazione al Congresso. Uno degli sviluppi più entusiasmanti menzionati nel rapporto è che è stato riferito che la FDA sta attualmente esaminando come regolare questi prodotti, come gli integratori alimentari. (13 )

La FDA prevede di fare una serie di passaggi per fornire maggiore chiarezza al mercato e anche per garantire la sicurezza del pubblico in generale.

Uno dei loro obiettivi principali è quello di educare il pubblico sui potenziali pericoli associati all’uso del CBD. La FDA ritiene che ci siano alcuni rischi associati alla utilizzo di questi prodotti senza prescrizione medica. (14 )

L’amministrazione vuole anche rispondere a domande sui possibili benefici e sicurezza del cannabidiolo. Stanno chiedendo agli attori del settore del CBD di fornirli informazioni di alta qualità. Le aree della loro ricerca sono gli effetti dell’uso a lungo termine, degli effetti sedativi, dei meccanismi di consegna e della farmacocinetica. (15 )

In termini di politiche di applicazione in materia di politica di applicazione, la FDA ritiene che un approccio basato sul rischio sia l’opzione più fattibile in futuro.

Mentre la commercializzazione dei prodotti CBD come integratori per uso dietetico non è tuttavia consentito, la FDA dichiara di avere il potere di modificare le regole in qualsiasi momento.

Un altro problema che la FDA ha affrontato sono stati i prodotti di vaporizzazione CBD, in cui la FDA afferma la significativa possibilità di problemi tossici che potrebbero derivare dall’uso di questi prodotti. La FDA ha anche sottolineato che il CBD per lo svapo non è usato come medicinale senza ottenere l’approvazione della FDA.

Il rapporto non offre molte modifiche relative agli aggiornamenti delle politiche perché si concentra sugli sforzi che stanno facendo nella stesura delle normative CBD. Tuttavia, la FDA sembra ascoltare le esigenze del pubblico, che hanno ripetutamente sollecitato la FDA a consentire ancora di più la legalizzazione del mercato del CBD.

>
Ci sono prodotti CBD approvati dalla FDA?

Nell’anno 2018, nel 2018, la FDA ha autorizzato l’uso di Epidiolex che è un farmaco che contiene CBD per il trattamento di due disturbi dell’epilessia che sono rari: sindrome di Dravet (D.S.) e sindrome di Lennox-Gastaut (LGS). (16 ) È disponibile come liquido che può essere assunto per via orale ed è approvato per essere utilizzato da pazienti che hanno due anni o più.

Sulla base della ricerca clinica, l’epidiolex è in grado di ridurre la frequenza delle convulsioni tra le persone che usano questo farmaco. (17 )

Uno studio condotto nel 2015 su oltre 80 pazienti con LGS ha mostrato una diminuzione delle convulsioni dopo essere stati trattati con dosi regolari di epidiolex per un periodo di 12 settimane. Mentre la maggior parte aveva reazioni avverse come nausea, diarrea e febbre, questo studio suggerisce l’efficacia del farmaco e il suo profilo di salute sulla sicurezza a lungo termine. (18)

È stato condotto uno studio di follow-up condotto nel 2017 con 61 pazienti che utilizzano lo stesso metodo, approccio e lasso di tempo per dimostrare l’efficacia e la sicurezza del CBD per coloro che soffrono di D.S. i pazienti hanno visto tutti una significativa riduzione della frequenza delle convulsioni e il tempo medio di un convulsioni. (19 )

Mentre gli scienziati non hanno ancora una completa comprensione dell’efficacia di questo farmaco, i risultati che hanno osservato finora hanno spinto l’utilizzo del CBD a trattare l’epilessia.

>

Epidiolex deschedtato da DEA

GW Pharmaceuticals, un’azienda biofarmaceutica che promuove l’uso dell’uso di cannabinoidi e cannabinoidi, ha annunciato in un annuncio di stampa il 6 aprile 2020 che l’epidiolex non è coperta dalla legge sulle sostanze controllate (CSA). Il cambiamento è efficace non appena la Drug Enforcement Administration (DEA) degli Stati Uniti li ha informati del cambiamento. (20 )

Dopo la sua approvazione per Epidiolex nel 2018, inizialmente è stato designato un farmaco CSA Schedule V il CSA fino all’annuncio della DEA che rimuove efficacemente la classificazione.

Ciò implica anche l’abolizione di alcuni regolamenti che avevano limitato l’utilizzo per Epidiolex in precedenza. G.W. I prodotti farmaceutici stanno attualmente rendendo efficace questo cambiamento a livello statale e attraverso la sua rete di epidiolex.

Una volta completato il processo, le prescrizioni per il farmaco, come altri medicinali che non sono controllati, dureranno per un anno e sono trasferibili senza sforzo tra le farmacie.

La de-scheduling di Epidiolex da parte della DEA consente anche ai medici di prescrivere questo farmaco senza i soliti requisiti dei piani di droga prescritti dallo stato.

Come il CBD può placare la FDA

Nell’ultimo anno del 2000, la FDA ha emesso lettere di avvertimento a un certo numero di produttori di CBD che hanno fatto richieste non comprovate sui benefici del CBD per la salute. (21 ) Questo tipo di pratica è il tipo di pratica di cui la FDA è ancora preoccupata e prevede di perseguire aziende su piccola scala che continuano a impegnarsi in questo tipo di pratica .

Fai attenzione alla furia della FDA è essenziale per le aziende CBD se vogliono continuare la propria attività. Ecco alcune cose che i venditori dovrebbero prendere in considerazione quando si vendono prodotti a base di CBD.

  • Qualsiasi tipo di richiesta non è consentito nelle testimonianze e nelle recensioni dei prodotti.
  • Incorporare una richiesta di hashtag (#PainTreatment o #Anxiety, #CBDHeals) potrebbe aumentare la possibilità che un’azienda sia avvertita dalla FDA poiché gli hashtag sono considerati reclami fatti dalla FDA.
  • Non mi piace o fare commenti sui post sui social media che contengono affermazioni, in particolare perché partecipare a questi post può dimostrare le affermazioni di altri utenti.
  • La FDA esamina anche i canali video più popolari come YouTube per determinare se ci sono affermazioni di CBD. CBD CREAMENTI.
  • L’uso di un’etichetta “Made in the USA” potrebbe portare a procedimenti legali poiché questa etichetta è appropriata solo nei casi in cui la maggior parte dei componenti viene realizzata negli Stati Uniti, tra cui l’imballaggio e l’olio vettore utilizzato.
  • L’agenzia è dell’opinione che le infografiche siano affermazioni.

Il governo federale ha lavorato alle regole del CBD (22 ) , la scelta di prodotti basati su CBD che hanno il minor rischio di responsabilità legale non è facile. Gli esperti consigliano di rivedere attentamente i siti Web e le etichette del produttore prima dell’acquisto.

Ecco i dettagli da cercare:

  • Certificato di analisi – noto anche come documento COA, rivela i risultati dei test di laboratorio condotti da laboratori indipendenti che analizza specifici come la presenza di contaminanti e il potere. Assicurati di avere il numero di batch COA sia lo stesso sulla confezione o sull’etichetta.
  • L’origine della canapa – Assicurati di verificare che il prodotto sia prodotto dalla canapa che viene prodotto negli Stati Uniti. La canapa è coltivata al di fuori degli Stati Uniti ed è soggetta alle normative internazionali per la produzione.
  • Metodi di test – Verificare che il laboratorio che sta eseguendo i test all’interno del COA sia conforme a quegli standard “ISO 17025”. I metodi di test devono essere verificati attraverso la farmacopea a base di erbe americane, la farmacopea degli Stati Uniti o l’associazione di chimici agricoli ufficiali.
  • Potenza di potenza Il COA dovrebbe includere anche la quantità nelle sostanze CBD e THC dovrebbe essere notata sia in dosaggio che in totale.

Fai attenzione all’acquisto di prodotti il cui produttore non è in grado di fornire le informazioni necessarie o non è disposto a rivelarle. Esistono molti prodotti CBD che non sono etichettati correttamente e possono contenere più THC dell’importo indicato. (23 )

>
Differenza tra isolato e olio CBD a spettro completo

I due tipi principali disponibili negli estratti di canapa CBD offerti dai venditori sono l’isolato di cristallo, comunemente indicato come “isolato CBD” e il CBD a spettro completo. Entrambi possono fornire potenziali effetti benefici per la salute.

Con tutta la disinformazione là fuori e disinformazione, è essenziale assicurarsi che gli acquirenti conoscano la differenza tra questi due prima di fare un investimento.


Cos’è un isolato CBD?

Un isolato di CBD è realizzato in canapa agricola ed è in genere estratto usando il processo di estrazione di CO2 che è supercritico. Sono puro cannabidiolo e non sono contaminati dalle altre sostanze che si trovano nelle piante di cannabis.

Quando si acquista un isolato CBD, un aspetto importante da prendere in considerazione è la trasparenza del marchio. Verifica un certificato di analisi prima dell’acquisto perché ciò ti aiuterà a identificare la qualità e l’efficacia del prodotto.


Vantaggi dell’isolato CBD

  • L’isolato CBD è un prodotto versatile poiché viene in genere acquistato in un prodotto autonomo per i consumatori e può essere trovato come prodotto in polvere. Questa formula rende l’isolato facilmente ingerito mescolandolo con acqua, aggiungi a prodotti alimentari fatti in casa o prendi direttamente.
  • Gli acquirenti sanno esattamente cosa stanno acquistando acquistando l’isolato CBD poiché il prodotto è costituito solo da CBD e assolutamente nient’altro che CBD. I isolati CBD sono facili e semplici per i consumatori ottenere la quantità di cui richiedono.
  • Gli isolati di CBD non contengono THC questo li rende particolarmente adatti a coloro che sono estremamente sensibili al composto chimico.


Cos’è CBD a spettro completo?

Il CBD a spettro completo, d’altra parte, è un oggetto che contiene un’ampia varietà di cannabinoidi come CBD CBG, THC, terpeni e altri composti trovati nella canapa. L’estrazione di questo tipo di CBD viene eseguita con una varietà di metodi, incluso l’uso di CO2 supercritico, etanolo e altri oli come l’olio di canapa.

In generale, l’olio di CBD che è descritto come a spettro completo ha un profilo di cannabinoide che è molto simile alla canapa.



Vantaggi del CBD a spettro completo

  • L’effetto entourage si verifica quando tutti i componenti che compongono l’intero spettro dell’olio di CBD si combinano per offrire agli utenti una varietà di benefici per la salute.
  • I prodotti CBD a spettro completo contengono terpeni che possono dare un aroma e un gusto attraenti per l’oggetto. Il CBD è considerato a spettro completo, di solito ha i sapori terrosi e deliziosi di piante di canapa che sono naturalmente coltivate.
  • In confronto agli isomeri CBD, si ritiene che gli articoli CBD considerati come spettro completo offrano maggiori benefici per la salute a causa del mix di sostanze chimiche in questi prodotti.

>

Isolato CBD o CBD a spettro completo?

La scelta tra un olio di CBD a spettro completo o un isolato si basa sui requisiti dell’individuo. L’olio di CBD a spettro completo può offrire maggiori potenziali benefici per la salute pubblica, mentre altri potrebbero preferire il dosaggio esatto e la flessibilità disponibili solo negli isolati.

Le persone che vogliono stare alla larga dal contenuto del THC, ma vogliono raccogliere i benefici della canapa possono cercare CBD con ampio spettro. Il prodotto contiene tutti gli ingredienti (acidi grassi, terpeni e cannabinoidi) simili a un prodotto CBD a spettro completo, ma senza THC.

È fondamentale per le persone consultare il proprio medico per determinare se il CBD è appropriato per loro. Ciò li aiuterà a comprendere meglio i problemi che potrebbero riscontrare e aiutare a selezionare il miglior prodotto CBD per soddisfare le loro esigenze.

Essendo consapevoli della possibilità di utilizzare il CBD senza preoccuparsi della salute, gli utenti possono determinare quale sia il più efficace. Prova entrambi gli isolati CBD e i prodotti a spettro completo per determinare la differenza.

>
CBD e sistema endocannabinoide

Attraverso anni di studi e ricercatori di studio hanno imparato molto sugli effetti della marijuana, tra cui una serie di scoperte importanti. Non solo hanno identificato il componente attivo nella cannabis e hanno scoperto gli effetti su un componente del corpo noto come i sistemi endocannabinoidi (ECS).

L’ECS è un sistema di comunicazione distinto che collega sia il corpo che il cervello e influenza molte funzioni vitali, tra cui il modo in cui una persona si muove, reagisce ed esperienze. I corpi umani producono sostanze chimiche naturali note come “cannabinoidi”, che interagiscono con gli EC per regolare le funzioni vitali.

I ricercatori hanno anche scoperto che il sistema risponde anche ai cannabinoidi che provengono da fonti esterne, in particolare il fitocannabinoide chiamato CBD. (24 ) Uno studio del 2010 ha esplorato la possibilità di alterare le EC introducendo cannabinoidi dall’esterno. (25 )

L’utilizzo di CBD per esempio può essere trattato:

  • Ansia
  • Dolore
  • Infiammazione
  • Diabete
  • Malattia del cuore
  • Nausea
  • Schizofrenia
  • Psoriasi
  • Sindrome dell’intestino irritabile (IBS)

>
CBD e i recettori dei cannabinoidi nel corpo

I ricercatori sono in accordo su due tipi di recettori per i cannabinoidi nel corpo umano, citati dai nomi di CB1 e CB2. Mentre i loro nomi sembrano gli stessi, funzionano in modo diverso nel corpo umano.


Recettore cannabinoide Tipo 1 (CB1)

Il recettore CB1 è stato scoperto per la prima volta nel 1990. Il recettore CB1 è stato identificato per la prima volta nel 1990. Si trova nel cervello e nel sistema nervoso centrale (SNC) e gonadi, tessuti connettivi, intestini e varie ghiandole. L’attivazione di questo recettore può aiutare a ridurre la depressione (26) e ridurre la pressione sanguigna (27) e migliorare la produzione di mielina (28).


Recettore cannabinoide Tipo 2 (CB2)

Tuttavia, i recettori CB2, d’altra parte, i recettori CB2 sono stati scoperti per la prima volta nel 1993 e possono essere trovati principalmente nelle tonsille, nelle cellule linfoidi, nel timo e nella milza.

I cambiamenti che si svolgono nel funzionamento che si verificano nella funzione recettore CB2 sono associati a quasi tutte le malattie umane correlate a digestivo, cardiovascolare, psicosi, autoimmune o neurodegenerativa. Il recettore svolge anche un impatto sulla funzione del fegato e dei reni, nonché sulla condizione della pelle e dell’osso, nonché sul cancro. (29 )

CBD può aiutare con la dipendenza?

I prodotti a base di CBD possono aiutare i tossicodipendenti a recuperare a causa della loro capacità di connettersi con il sistema endocannabinoide. Il consumo di CBD potrebbe fornire un ulteriore impulso di cannabinoidi che potrebbero aiutare questo sistema a fare meglio a controllare le funzioni corporee.

Alla data della scrittura, la ricerca ha dimostrato che il CBD sembra essere efficace nell’aiutare le persone a superare la dipendenza dai farmaci. (30 )


CBD per dipendenza da cocaina

La cocaina è un farmaco estremamente avvincente che colpisce il suo centro di “ricompensa” (centro di piacere) nel cervello umano.

Lo studio si è concentrato con i ratti che sono stati esposti alla cocaina quando hanno ricevuto dosi giornaliere di CBD per un periodo di sette giorni. È stato scoperto che il CBD ha ridotto il desiderio di droghe nei roditori, sia nello stress che con i segnali.

Lo studio ha anche mostrato che il CBD ha ridotto la loro impulsività e l’ansia, due segni di ritiro dalla dipendenza. (31 )


CBD per dipendenza da nicotina

Un gruppo di fumatori che hanno tentato gli inalatori del CBD per ridurre la brama di nicotina. Un gruppo diverso ha ricevuto inalatori insieme al placebo. Lo studio ha scoperto che le persone che usavano gli inalatori del CBD avevano meno sigarette rispetto all’altro gruppo. (32 )

Un altro studio è stato condotto con i partecipanti a cui è stato chiesto di non fumare la notte prima. Hanno ricevuto un dosaggio orale di 800 mg di CBD o placebo il giorno successivo e hanno presentato immagini di sigarette fumanti e fumare sigarette.

Mentre il CBD non ha influenzato le loro voglie, il CBD non ha influenzato le voglie dei fumatori, la ricerca ha rivelato che ha ridotto il piacere che hanno provato quando sono stati presentati con stimolazione e segnali legati alla nicotina. I risultati suggeriscono che potrebbero esserci possibili applicazioni per il CBD nella riduzione delle voglie di nicotina innescate da segnali. (33 )


CBD per dipendenza da oppiacei

Il trattamento del disagio estremo nel corpo di solito comporta la prescrizione di oppioidi per gestire questo problema. Ma il corpo può diventare dipendente dagli oppioidi per il sollievo, il che rende difficile per alcune persone smettere l’uso di oppioidi.

Più è più lunga la durata dell’uso di oppioidi, maggiore è una maggiore tolleranza di una persona. Ciò può portare a dosi maggiori o più elevate per ottenere effetti simili alla sostanza.

Il CBD si lega ai recettori 5-HT1A nel cervello. Questi sono i recettori coinvolti nella creazione di serotonina. Ciò riduce la risposta “ricompensa” di una persona e, nel farlo, può ridurre la dipendenza degli oppioidi alla fine. (34 )

La ricerca ha anche dimostrato che il CBD può ridurre alcuni tipi di comportamenti associati all’uso di droghe (35 ) per coloro che sono dipendenti dall’eroina, riducendo al contempo il loro desiderio di la sostanza. (36)

A molte persone viene inizialmente consigliato l’opzione di utilizzare gli oppioidi per gestire il dolore cronico. Tuttavia, alcuni utenti finiscono per usare i farmaci.

È stato dimostrato che il CBD ha effetti simili sul dolore o anche più grande. Lo studio ha anche scoperto che il CBD è più efficace degli oppioidi per la gestione del dolore per i malati di cancro. (37 )


CBD per dipendenza da marijuana

È stato anche dimostrato che il CBD riduce i sintomi di astinenza associati quando si soffre di dipendenza da marijuana. (38 )

Mentre entrambi sono derivati dalla canapa, la natura unica che esiste tra CBD e THC consente ai due di avere effetti distinti sul corpo e anche l’uno sull’altro. Si può ritenere che il CBD blocchi gli effetti di THC. THC e riducono “High” di THC e l’ansia ad esso associata. (39 )

Il THC aumenta la sensibilità di altri farmaci mentre il CBD riduce la risposta alla ricompensa.

Sulla base della ricerca sopra menzionata, l’utilizzo di prodotti con CBD può aiutare a ridurre le voglie in coloro che desiderano superare la dipendenza.


Le persone possono essere dipendenti da CBD?

Il CBD è ben accettato dall’uomo e non crea dipendenza negli animali e nell’uomo. ; (41 )

Mentre possono verificarsi effetti collaterali, il CBD, in generale, è considerato sicuro per l’utilizzo. Le reazioni avverse più comuni si verificano quando si assumono altri medicinali in combinazione con il CBD perché il cannabidiolo può alterare il metabolismo del fegato quando si assumono determinati farmaci.

La FDA raccomanda di non utilizzare il CBD sull’allattamento al seno e sulle madri in gravidanza, così come i bambini, poiché la ricerca sulla sicurezza del CBD nelle popolazioni sopra menzionate non è sufficiente.

Chiunque abbia avuto questi effetti collaterali dovrebbe interrompere l’uso del CBD e parlare con un medico esperto:

  • Nausea
  • Diarrea
  • Bocca asciutta
  • Sedazione
  • Bassa pressione sanguigna
  • Cambiamenti nel peso corporeo o nell’appetito

Come prendere CBD

Ci sono una varietà di prodotti CBD disponibili. CBD che consente ai consumatori di scegliere il miglior metodo di consumo per il prodotto.

  • Inalazione L’inalazione attraverso la bocca dell’olio di CBD consente al composto di entrare nel flusso sanguigno e iniziare a entrare in vigore immediatamente. Ci sono una varietà di oli di vaporizzazione CBD disponibili da cui scegliere e arrivare in una vasta gamma di sapori.
  • Applicazione per uso topico Prodotti topici che includono l’olio di CBD sono prontamente disponibili sotto forma di creme, balsami e salves e lozioni. Si può applicare la crema direttamente sulla loro pelle e lasciare che il CBD reagisca con i recettori per i cannabinoidi situati sotto l’epidermide.
  • App Sublingual Gli utenti sono in grado di applicare l’olio CBD direttamente sulle loro lingue usando piccoli contagocce. Ciò consente un dosaggio preciso e i risultati possono essere sentiti rapidamente di 20 minuti e durano 5 volte più a lungo.
  • Ingestione di alimenti Ingestione orale CBD Prodotti come cioccolatini, gomme o prodotti da forno sono disponibili anche per migliorare il sapore.


Guida al dosaggio del CBD

A partire dalla data di questo articolo non ci sono ancora linee guida per la guida ufficiale sul dosaggio del CBD. Questo è il motivo per cui la maggior parte delle informazioni di dosaggio disponibili è un po ‘sporadica nel senso che non è una linea guida.

La maggior parte delle persone trova utile aderire al dosaggio raccomandato compreso tra 1 e sei mg di CBD per 10 libbre per il peso corporeo. Ma studi precedenti hanno dimostrato che i partecipanti allo studio hanno assunto maggiori dosaggi di CBD, a volte fino a 800 mg.

In assenza di una linea guida ufficiale per il dosaggio, si consiglia di parlare con un medico prima di prendere ogni prodotto CBD. I professionisti medici possono raccomandare l’adeguato dosaggio di CBD compatibile con il peso del corpo e la gravità di un segno, la storia della dipendenza e molto altro.

Conclusione

Il CBD che deriva dalle piante di canapa sta iniziando a vedere più cambiamenti alla legge per consentire la sua applicazione nella medicina moderna e per le sue affermazioni terapeutiche.

L’adozione del disegno di legge agricola nel 2018 e la declassificazione dell’epidiolex come sostanze controllate aiutano a spingere il CBD e i suoi benefici per la salute ai riflettori.

Il problema relativo alla legalità CBD è sempre in modifica, così come le linee guida rigorose da seguire quando si utilizzano attualmente i suoi prodotti. Chiunque sia interessato al CBD dovrebbe tenersi al passo con gli sviluppi più recenti nel CBD per evitare conseguenze legali.

Si consiglia di consultare un medico prima di decidere di incorporare qualsiasi tipo di CBD in una routine.

  1. Hudak, J. (2018, 14 dicembre). (2018, 14 dicembre). Bill Farm, legalizzazione della canapa e status giuridico di CBD Explaker. Estratto da: https: // www. brookings.edu/blog/fixgov/2018/12/14/the-farm-bill-hemp-and-cbd-explainer/ .
  2. Hudak, J. op. CIT.
  3. Dipartimento dell’agricoltura del Texas. Estratto da: https://www.texasagriculture.gov/regulatoryprograms/hemp.aspx.
  4. Office of Drug Policy Idaho. Cannabidiolo (CBD). Estratto da: https://odp.idaho.gov/cannibidiol/.
  5. U.S. Food and Drug Administration (2019, 31 dicembre). Rapporto in risposta a ulteriori stanziamenti consolidati, 2020. Estratto da: https://hempsupporter.com/assets/uploads/fda-cbd-report.pdf.
  6. GW Pharmaceuticals (2020, 6 aprile). GW Pharmaceuticals PLC e la sua sussidiaria degli Stati Uniti Greenwich Biosciences, Inc. annunciano che la soluzione orale di Epidiolex (R) (Cannabidiol) è stata designata e non è più una sostanza controllata. Estratto da: https://ir.gwpharm.com/news-releass/news-release-details/gw-pharmaceuticals-plc-and-its-us-subsidiary-greenwich-1.
  7. Stuyt A. Il problema con l’attuale marijuana ad alta potenza dal punto di vista di uno specialista psichiatrico della dipendenza. Mo Med. 2018; 115 (6): 482-486.
  8. Hudak, J. op. CIT.
  9. U.S. Drug Enforcement Administration (2020, 5 maggio). Estratto da: https://www.dedirsion.usdoj.gov/schedules/orangebook/c_cs_alpha.pdf.
  10. Hudak, J. op. CIT.
  11. Dipartimento dell’agricoltura del Texas. op.cit
  12. Office of Drug Policy Idaho. op.cit
  13. U.S. Food and Drug Administration. operazione. CIT.
  14. Ibid.
  15. Ibid.
  16. Abu-Sawwa R, Stehling C. epidiolex (Cannabidiol) Primer: domande frequenti per pazienti e caregiver. J Pediatr Pharmacol Ther. 2020; 25 (1): 75-77. doi: 10.5863/1551-6776-25.1.75
  17. Silvestro S, Mammana S, Cavalli E, Bramanti P, Mazzon E. Uso del cannabidiolo nel trattamento dell’epilessia: efficacia e sicurezza negli studi clinici. Molecole. 2019; 24 (8): 1459. Pubblicato il 12 aprile 2019. doi: 10.3390/molecules24081459
  18. Thiele EA, Marsh Ed, French JA, Mazurkiewicz-Beldzinska M, Benbadis SR, Joshi C, Lyons PD, Taylor A, Roberts C, Sommerville K; Gruppo di studio GWPCare. Cannabidiolo nei pazienti che soffrono di convulsioni associate alla sindrome di Lennox-Gastaut (GWPCARE4) uno studio randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3. Lancetta. 17 marzo 2018; 391 (10125): 1085-1096. doi: 10.1016/s0140-6736 (18) 30136-3. EPUB 2018 26 gennaio.
  19. Pauli CS, Conroy M, Vanden Heuvel BD, Park SH. Risultati della sperimentazione clinica dei farmaci di cannabidiolo ed effetti avversi. Front Pharmacol. 2020; 11: 63. Pubblicato 2020 febbraio 25. doi: 10.3389/fphar.2020.00063
  20. GW Pharmaceuticals. operazione. CIT.
  21. U.S. Food and Drug Administration (2019, 25 novembre). La FDA avverte 15 aziende di vendita illegali di vari prodotti che contengono cannabidiolo, poiché l’agenzia delinea i problemi di sicurezza. Estratto da: https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-warns-15-companies-illegally-selling-vaious-rous-proous-proous-proous–conducts–contamining-cannabidiol-agency-details.
  22. U.S. Food and Drug Administration. Quello che devi sapere (e cosa stiamo lavorando per scoprire) sui prodotti contenenti cannabis o composti derivati dalla cannabis, incluso il CBD. Estratto da: https://www.fda.gov/consumers/consumer updates/what-you-need-know-and-what-were-working-out-out-obout-roducts-condcing-conding-cannabis-or-cannabis .
  23. Bonn-Miller MO, Loflin MJE, Thomas BF, Marcu JP, Hyke T, Vandrey R. Accuratezza dell’etichettatura degli estratti di cannabidiolo venduti online. Jama. 2017; 318 (17): 1708-1709. doi: 10.1001/jama.2017.11909
  24. Zou S, Kumar U. Recettori dei cannabinoidi e il sistema endocannabinoide: segnalazione e funzione nel sistema nervoso centrale. Int j Mol Sci. 2018; 19 (3): 833. Pubblicato il 13 marzo 2018. doi: 10.3390/IJMS19030833
  25. Scotter, El Abood Me, Glass M. Il sistema endocannabinoide come potenziale bersaglio per trattare le malattie neurodegenerative. Br J Pharmacol. 2010; 160 (3): 480-498. doi: 10.1111/j.1476-5381.2010.00735.x
  26. Valverde O, Torrens M. Topi carenti del recettore CB1 come modello di studio di depressione. Neuroscienza. 1 marzo 2012; 204: 193-206. doi: 10.1016/j.neuroscience.2011.09.031. Epub 2011 settembre 19.
  27. Godlewski G Godlewski G, Malinowska B Schlicker E. I recettori presinaptici CB (1) cannabinoidi svolgono un ruolo nella soppressione della risposta neurogena vasopressore nei ratti di shock settico. Br J Pharmacol. 2004; 142 (4): 701-708. doi: 10.1038/sj.bjp.0705839
  28. Gomez O, Sanchez-Rodriguez A, Le M, Sanchez-Caro C, Molina-Holgado FF Molina-Holgado E. Gli agonisti del recettore dei cannabinoidi regolano la differenziazione degli oligodendrociti attivando il bersaglio PI3K/ e i mammiferi della via della rapamicina (mTOR). Br J Pharmacol. 2011 agosto; 163 (7): 1520-32. doi: 10.1111/j.1476-5381.2011.01414.x.
  29. Basu S, Dittel bn. Comprensione della complessità nel recettore dei cannabinoidi 2 (CB2) La regolazione della funzione immunitaria sia nella salute che nella malattia. Immunol res. 2011; 51 (1): 26-38. doi: 10.1007/s12026-011-8210-5
  30. Gonzalez-Cuevas G, Martin-Fardon R, Kerr TM, et al. La capacità di trattamento unica di Cannabidiolo per impedire la ricaduta nell’uso di farmaci la prova preclinica del principio. Neuropsicofarmacologia. 2018; 43 (10): 2036-2045. doi: 10.1038/s41386-018-0050-8
  31. Ibid.
  32. Morgan CJ, Das RK, Joye A, Curran HV, Kamboj SK. Il cannabidiolo abbassa il consumo di sigarette nei fumatori di tabacco: risultati preliminari. Tossicodipendente. 2013 set; 38 (9): 2433-6. doi: 10.1016/j.addbeh.2013.03.011. EPUB 2013 1 aprile.
  33. Hindocha C, Freeman TP, Grabski M, Stroud JB, Crudgington H, Davies AC, Das RK, Lawn W, Morgan CJA, Curran HV. Il cannabidiolo riduce la tendenza a prestare attenzione alle sigarette in un esperimento umano con un modello di ritiro dal tabacco. Dipendenza. 1 maggio 2018 doi: 10.1111/add.14243.
  34. Katsidoni contro Anagnostou I, Panagis G. Cannabidiol blocca l’effetto di miglioramento della ricompensa della morfina che colpisce i recettori 5-HT1A all’interno del nucleo dorsale del Raphe. Tossicodipendente biol. 2013 marzo; 18 (2): 286-96. doi: 10.1111/j.1369-1600.2012.00483.x. Epub 2012 2 agosto.
  35. Ren Y, Whittard J, Higuera-Matas A, Morris CV, Hurd YL. Il cannabidiolo è una componente non psicotropica della cannabis, blocca il comportamento in cerca di eroina indotta da segnali e normalizza i disturbi neuronali mesolimbici che sono discreti. J Neurosci. 25 novembre 2009; 29 (47): 14764-9. doi: 10.1523/jneurosci.4291-09.2009.
  36. Hurd YL, Yoon M, Manini AF, et al. Fase iniziale nello sviluppo del cannabidiolo come trattamento per la dipendenza: la ricaduta degli oppiacei prende la scena iniziale. Neuroterapici. 2015; 12 (4): 807-815. doi: 10.1007/s13311-015-0373-7
  37. Johnson JR, Burnell-Nugent M, LossIgnol D, Ganae-Motan ED, Potts R, Fallon MT. Studio in doppio cieco, multicentrico e randomizzato controllato con placebo in gruppi paralleli di sicurezza, efficacia e tollerabilità del CBD: estratto THC e estratto THC per i pazienti che soffrono di dolore cronico correlato al cancro. J Gestisci sintomo del dolore. 2010 febbraio; 39 (2): 167-79. doi: 10.1016/j.jpainsymman.2009.06.008. Epub 2009 novembre.
  38. Prud’homme M, Cata R, Jutras-Aswad D. Cannabidiolo come intervento per comportamenti di dipendenza: una revisione sistematica delle prove. Abusi di sosta. 2015; 9: 33-38. Pubblicato il 21 maggio 2015. DOI: 10.4137/SART.S25081
  39. Andre CM, Hausman Jf Guerriero G, Andre CM. Cannabis sativa, il fiore delle mille molecole. Pianta anteriore Sci. 2016; 7: 19. Pubblicato 2016 4 febbraio DOI: 10.3389/fpls.2016.00019
  40. Prud’homme M. et al. operazione. CIT.
  41. Organizzazione mondiale della sanità (2017). Revisione tra pari esperta per cannabidiolo (CBD). Estratto da: https://www.who.int/medicines/access/controlled-substances/5.2_cbd_peerreview2.pdf.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due + diciotto =