2 min.

✓ Evidence Based


Rate post

CBD può aiutare nel processo di gravidanza?

  • I risultati di un 1986 studio , che è stato pubblicato su International Journal of Andrology, suggeriscono che non psicoattivo Le forme di cannabidiolo (CBD) e cannabinolo (CBN) potrebbero causare problemi nel sistema di riproduzione dei feti maschili ( 1 ) .
  • Ad oggi non c’è stato uno studio approfondito degli umani che ha esaminato gli effetti del CBD CBD In isolamento sul feto in via di sviluppo o infantile allattante.
  • Tuttavia, c’è un avvertimento da parte della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, avverte che potrebbero esserci pericoli significativi associati all’uso di prodotti ricchi di CBD, come quelli che contengono CBD durante la gravidanza o l’assistenza infermieristica.
  • Gli esperti raccomandano di aspettarsi madri e donne che stanno prendendo in considerazione una gravidanza o infermieristica per condurre ulteriori ricerche e parlare con un esperto prima di iniziare il regime CBD.


Il CBD è un’alternativa migliore a. Marijuana in gravidanza

Gli studi di ricerca che dimostrano gli effetti della cannabis sul processo di gravidanza non sono estesi. Tuttavia, la ricerca è stata condotta da argomenti che sono stati esposti per molto tempo alla cannabis.

The 2013. studio di ricerca “Cannabidiol cambia l’espressione di P-GP e BCRP nelle linee cellulari di trofoblasti” , realizzato nel Dipartimento di Biochimica e farmacologia clinica presso l’Università di Ben-Gurion di Negev, in Israele, ha concluso che l’uso del CBD durante la gravidanza potrebbe alterare le proprietà fisiologiche che la placenta mostra.

Tuttavia, va notato che lo studio non si basava sull’unico utilizzo del CBD che in genere ha livelli molto bassi o nulli di THC, tuttavia, si basava sulla pianta di marijuana, che ha livelli significativi di THC.

La marijuana ha diversi livelli di CBD e THC.

Contrariamente al componente psicoattivo del CBD, il CBD è una sostanza derivata dalla cannabis non intoossale. Anche il CBD è non dipendente e si ritiene che sia sicuro da usare per molto tempo.

Ma gli effetti a lungo termine del CBD non sono ben compresi e la maggior parte dei prodotti CBD non è stata testata.

Nel frattempo, la marijuana si è evoluta in passato e la marijuana in alcuni prodotti è ora molto più forte delle formulazioni precedenti.

Il 2016 studio di ricerca è stato condotto dai ricercatori della National Center for Natural Products Research School of Pharmacy of the Pharmacy of the Pharmacy of the Pharmacy of the Pharmacy Università del Mississippi e Dipartimento di Informatica dell’Università della Georgia occidentale ( 6 ) .

I risultati dello studio hanno rivelato che dal 1995 al 2014, tra il 1995 e il 2014, la concentrazione di THC nelle piante di coltivazione della marijuana è aumentata di tre volte.

È stato riferito che il Dipartimento della Salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, attraverso il suo sito ufficiale cita un sondaggio che era il sondaggio Condotto tra gli utenti della cannabis di Washington. I ricercatori del sondaggio hanno scoperto che la marijuana venduta nei dispensari in tutto lo stato contiene livelli di THC che vanno dal 17,7 per cento e 23,2 per cento

(

7 )

Simile a ciò, l’uso della marijuana aspettando che le madri siano in aumento e i risultati della ricerca sono preoccupanti.

Il 2017. studio che è stato rilasciato presso il National Institutes of Health, è stato condotto per studiare i modelli dei modelli Uso della marijuana da parte delle donne all’interno della California ( 8 ) . I ricercatori dello studio hanno scoperto che si è verificato un aumento del 69% nell’uso della marijuana durante la gravidanza tra il 2009 e il 2016.

In un 2017 studio Condotto da scienziati della University of Colorado School of Medicine e della Colorado School of Public Sanitario situato Ad Aurora, in Colorado, all’Università dello Utah Health a Salt Lake City e alla Denver Health and Hospital Authority situate a Denver, in Colorado, hanno scoperto che molti dispensari nel mercato al dettaglio suggeriscono la marijuana alle donne incinte per curare la nausea al mattino ( 9 ) .

Nel 2019 il studio è stato condotto dai ricercatori del National Institute on Drug Abuse of the National Institutes di salute a Bethesda, nel Maryland e all’amministrazione dei servizi di abuso di sostanze e salute mentale a Rockville, nel Maryland, sulle donne in gravidanza negli Stati Uniti ( 10 ) .

I ricercatori hanno confrontato le informazioni più recenti sull’uso di cannabis medica e non medica auto-segnalata tra i partecipanti con dati del periodo tra il 2002 e il 2017. I risultati hanno mostrato che l’uso della marijuana durante la gravidanza è raddoppiato.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli effetti della marijuana sulla futura madre e sul suo bambino durante la gravidanza. Tuttavia, gli esperti consigliano che le donne in gravidanza non fumino marijuana.

Il CBD può essere CBD non è la stessa cosa della cannabis. Pertanto, è difficile trarre conclusioni significative da queste ricerche.

Ricerche inconcludenti e limitate rendono i medici di raccomandare il CBD non psicoattivo a causa degli stretti legami che ha con la marijuana e a causa dell’assenza di ricerche sul CBD da solo.


“Voglio sottolineare l’importanza di proteggere la nostra nazione dai rischi per la salute associati al fumo di marijuana nell’adolescenza e durante la gravidanza. I recenti aumenti della disponibilità della marijuana e della sua potenza, nonché percezioni errate sulla sicurezza della marijuana, minacciano la nostra risorsa più preziosa, La nostra nazione è giovane. “

– chirurgo generale Vadm Jerome Adams


Come la marijuana influisce sul feto in via di sviluppo

Non ci sono studi che studiano specificamente gli impatti del CBD sulle donne incinte. Vi sono tuttavia studi che dimostrano gli effetti della marijuana sullo sviluppo del feto.

  • Se una donna è incinta consuma fumo marijuana o inale, i cannabinoidi vengono assorbiti nel sangue.

Basato su uno studio di animali nel 1987 studio che è stato rilasciato in tossicologia e i risultati del diario di farmacologia applicati mostrano che, mostra che Attraverso il flusso sanguigno, il THC attraversa rapidamente la placenta, e quindi entra nel cervello del feto ( 11 ) .

Sebbene la ricerca non abbia coinvolto l’uomo, tuttavia, si ritiene che il sistema endocannabinoide (ECS) funzioni esattamente allo stesso modo nell’uomo come fa in altri animali.

L’ECS regola l’omeostasi (equilibrio) tra le funzioni del corpo e svolge un ruolo chiave nella regolazione delle funzioni nervose, metaboliche digestive, riproduttive e immunitarie.

  • A 2016 studio che è stato pubblicato sullo straordinario Journal of Biology and Medicine indica che la marijuana potrebbe influenzare l’endocannabinoide del corpo endocannabinoide Sistema vitale per una gravidanza sana e lo sviluppo del cervello nel feto ( 12 ) . La marijuana può anche interrompere il delicato equilibrio della ECS all’interno del sistema riproduttivo femminile.
  • A studio condotto nel Dipartimento di ostetrica e ginecologia alla Washington University di St. Louis e in La Washington University School of Medicine a St. Louis, nel Missouri, ha rivelato che il legame tra l’uso della marijuana da parte delle madri e gli esiti avversi per i neonati sembra essere dovuto al fumo di tabacco in combinazione, così come altri fattori che possono causare confusione ( 13 ) .
  • La recensione del 2017 studio , “Effetti della salute di cannabis e cannabinoidi: la corrente: la corrente Lo stato di evidenza e raccomandazioni per la ricerca “ che è stato rilasciato dalla National Academy of Sciences, ha rivelato che la cannabis nell’utero ha effetti negativi sul peso alla nascita e può aumentare la possibilità che un bambino venga ammesso in intensi cure mediche.
  • La rivista Pharmacology and Therapeutics pubblicata nell’anno 2018, ricercatori dello studio su “Uso di cannabis durante la gravidanza: farmacocinetica e effetti sullo sviluppo del bambino” ha sottolineato l’importanza che le donne non usano la marijuana durante la gravidanza. Lo studio tuttavia non menziona nulla sull’uso del CBD durante la gravidanza.
  • Nell’anno 2018 del 2018, a studio che è stato pubblicato sul Journal of Pediatrics, è stato trasportato fuori per esaminare la connessione tra uso di cannabis durante la gravidanza e gli esiti avversi per i neonati, come piccole dimensioni del bambino per l’età gestazionale e il basso peso alla nascita, nonché la nascita pretermine ( 14 ) .

Si è scoperto che l’uso della marijuana da parte delle madri era associato ad un aumento del 50% nel rischio di avere un basso peso alla nascita, indipendentemente dall’età o dall’etnia, dal livello di istruzione e dal fumo.

Ma, poiché CBD e marijuana non sono la stessa cosa, è difficile trarre conclusioni conclusive da queste ricerche.

Pertanto i medici sono cauti quando prescrivono CBD non psicoattivo a causa degli stretti legami che ha con la marijuana, nonché l’assenza di ricerche sul CBD da solo.

“Il fumo è il metodo di somministrazione più popolare di THC non è approvato dal punto di vista medico durante la gravidanza o l’allattamento. Pertanto, l’ospites-ginecologi dovrebbe essere scoraggiato dalla prescrizione o suggerendo l’uso della marijuana per scopi medicinali durante la preconcezione, la gravidanza e l’allattamento.”

– L’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG)

Per garantire la sicurezza per proteggerti, come misura precauzionale, l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) mette in guardia le donne in gravidanza e coloro che stanno prendendo in considerazione la nascita di un bambino per non iniziare o smettere di usare la marijuana.

Nel 2018 l’American Academy of Pediatrics (AAP) ha suggerito che era essenziale informare tutte le giovani donne e adolescenti che la marijuana non dovrebbe essere usata in nessun momento durante la gravidanza.

Inoltre, una donna incinta che fuma la marijuana potrebbe mettere a rischio la salute del suo bambino a seguito della nascita.

Secondo un ricerca pubblicata sulla rivista di pediatria dell’AAP, anche piccole quantità di THC sono state rilevate nel latte materno, anche nel latte materno, Dopo 6 giorni dall’ultima volta che è stato usato ( 15 ) .

Sintebbiette mattutino che contiene THC potrebbe influenzare lo sviluppo del cervello del bambino.

A revisione del 2015 Condotta da scienziati del Denver Health Medical Center, Dipartimento di Ostetricia e Gynecologia situata a Denver, Co e University of Colorado School of Medicine di Aurora, in CO, ha rivelato che il THC potrebbe causare problemi nello sviluppo di funzioni neurologiche che potrebbero portare a una funzione cognitiva ridotta o compromessa, nonché a un’eccessiva attività ( 16 ) .

Inoltre, poiché il fumo di marijuana contiene alcuni elementi dannosi simili come il fumo di tabacco, i ricercatori di uno studio che lo studio dal 2008 che è stato rilasciato nella ricerca chimica nella rivista tossicologica consigliando vivamente il fumo o lo svapo della marijuana o del tabacco nelle vicinanze di un bambino ( 17 ) .

Gli studi sopra menzionati erano specificamente focalizzati specificamente sulla pianta di marijuana e sul suo ingrediente principale, THC e non sul CBD.

È importante ricordare che il CBD è completamente diverso dalla marijuana. Pertanto, è impossibile fare qualsiasi conclusione da queste ricerche.

A causa degli stretti legami del CBD con la marijuana e l’assenza di studi sul CBD da solo i medici sono diffidenti nel prescrivere il CBD non psicoattivo

Conclusione

Le donne in gravidanza dovrebbero essere consapevoli dei pericoli associati all’uso di prodotti infusi in CBD e di altri prodotti a base di cannabis. Non è solo la salute della madre che è a rischio quando i problemi derivano dall’uso di prodotti che non sono stati testati per la sicurezza durante la gravidanza.

Le donne in gravidanza dovrebbero essere consapevoli della possibile esposizione del danno o il consumo di prodotti CBD potrebbe causare al bambino non ancora nato e su se stesse. Si consiglia di aspettarsi che le madri parlino con il proprio medico prima di iniziare il regime CBD durante la gravidanza.

  1. Dalterio SL, Derooij DG. “Esposizione materna ai cannabinoidi. Effetti sulla spermatogenesi nella prole maschile.” Doi: 10.1111/j.1365-2605.1986.tb00888.x.
  2. Wei Xiong, Tanxing Cui, Kejun Cheng, Fei Yang, Shao-Rui Chen, Dan Willenbring, Yun Guan, Hui-Lin Pan, Ke Ren, Yan Xu e Li Zhang. “I cannabinoidi sopprimono il dolore infiammatorio e neuropatico colpendo i recettori della glicina A3.” J Exp Med. 4 giugno 2012; 209 (6): 1121-1134. Doi: 10.1084/jem.20120242.
  3. Ewing, Skinner, Quick, Kennon-McGill, McGill, Walker, Elsohly, Gurley e Koturbash. “Epatotossicità di un estratto di cannabis ricco di cannabidiolo nel modello murino.” Molecole 2019, 24 (9), 1694; https://doi.org/10.3390/molecules24091694 .
  4. Ogu e Maxa. “Interazioni farmacologiche dovute al citocromo P450.” Proc (Bayl Univ Med Cent). 2000 ottobre; 13 (4): 421-423. Doi: 10.1080/08998280.2000.11927719.
  5. Regolazione FDA di prodotti di cannabis e derivati ​​dalla cannabis, tra cui cannabidiolo (CBD). https: // www.fda.gov/news-events/public-health-focus/fda-regulation-cannabis-and-cannabis-derived-roducts-including-cannabidiol-cbd
  6. Elsohly, Mehmetic, Foster, Gon, Chandra e Church. “Cambiamenti nella potenza della cannabis negli ultimi 2 decenni (1995-2014): analisi dei dati attuali negli Stati Uniti.” Psichiatria biol. 1 aprile 2016; 79 (7): 613-9. doi: 10.1016/j.biopsych.2016.01.004. Epub 2016 19 gennaio.
  7. Jikomes, N. e Zoorob, M. (2018). Il contenuto di cannabinoidi della cannabis legale nello stato di Washington varia sistematicamente tra le strutture di test e i prodotti di consumo popolari. Rapporti scientifici, 8 (1), 4519. doi: 10.1038/s41598-018-22755-2.
  8. Young-Wolff, Tucker, Alexeeff, Armstrong, Conway, Weisner e Goler. “Tendenze nell’uso di marijuana auto-segnalato e testato biochimicamente tra le femmine incinte in California dal 2009-2016.” Jama. 26 dicembre 2017; 318 (24): 2490-2491. Doi: 10.1001/jama.2017.17225.
  9. Dickson, Mansfield, Guiahi, Allshouse, Borgelt, Sheeder, Silver e Metz. “Raccomandazioni dei dispensari di cannabis sull’uso della cannabis del primo trimestre.” Obstet Gynecol. 2018 giu; 131 (6): 1031-1038. Doi: 10.1097/aog.0000000000002619.
  10. Volkow, Han, Compton ,, e McCance-Katz. “Uso di cannabis medica e non medica auto-segnalata tra le donne in gravidanza negli Stati Uniti.” Jama. 2019 9 luglio; 322 (2): 167-169. doi: 10.1001/jama.2019.7982.
  11. Bailey, Cunny, Paule e Slikker Jr .. “Disposizione fetale del Delta 9-tetraidrocannabinolo (THC) durante la fine della gravidanza nella scimmia rhesus.” Tossicolo Appl Pharmacol. 1987 15 settembre; 90 (2): 315-21. Doi: 10.1016/0041-008x (87) 90338-3.
  12. Brents Lk. “Marijuana, il sistema endocannabinoide e il sistema riproduttivo femminile.” Yale J Biol Med. 27 giugno 2016; 89 (2): 175-91. Ecollection 2016 giu. PMCID: PMC4918871.
  13. Conner, Bedell, Lipsey, Macones, Cahill e Tuuli. “Uso di marijuana materna e risultati neonatali avversi: una revisione sistematica e una meta-analisi.” Obstet Gynecol. 2016 ottobre; 128 (4): 713-23. doi: 10.1097/aog.0000000000001649. Doi: 10.1097/aog.0000000000001649.
  14. Crume, Juhl, Brooks-Russell, Hall, Wymore e Borgelt. “Uso di cannabis durante il periodo perinatale in uno stato con marijuana ricreativa e medica legalizzata: l’associazione tra caratteristiche materne, motivi di allattamento al seno e risultati neonatali.” J pediatr. 2018 giu; 197: 90-96. doi: 10.1016/j.jpeds.2018.02.005. EPUB 2018 28 mar. Doi: 10.1016/j.jpeds.2018.02.005.
  15. Bertrand, Hanan, Honerkamp-Smith, Best e Chambers. “Uso di marijuana da parte delle madri che allattano al seno e concentrazioni di cannabinoidi nel latte materno.” Pediatrics settembre 2018, 142 (3) E20181076; Doi: https://doi.org/10.1542/peds.2018-1076 .
  16. Metz e Stickrath. “Uso di marijuana in gravidanza e lattazione: una revisione delle prove.” Am J Obstet Gynecol. 2015 dic; 213 (6): 761-78. doi: 10.1016/j.ajog.2015.05.025. EPUB 2015 15 maggio. Doi: 10.1016/j.ajog.2015.05.025.
  17. Moir, Rickert, Levasseur, Larose, Maertens, White e Desjardins. “Un confronto tra fumo di sigaretta di marijuana e tabacco mainstream e di tabacco prodotto in due condizioni di fumo a macchina.” Chem Res Toxicol. 2008 febbraio; 21 (2): 494-502. EPUB 2007 dic 7. doi: 10.1021/tx700275p.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × tre =