cbd effetti collaterali
7 min.

Update:

Olio di CBD: un nuovo rimedio miracoloso?

Una volta visto con sospetto e persino con allarme, l’olio di cannabidiolo (CBD) ha avuto un’impennata di popolarità negli ultimi anni, con vendite negli Stati Uniti raddoppiate dal 2017. Con circa un quarto di milione di consumatori negli Stati Uniti che si affidano all’olio di CBD per il trattamento di una serie di disturbi, tra cui il dolore cronico, l’ansia e i problemi del sonno, è diventato il farmaco di prima scelta per molti e può essere legittimamente acquistato al banco in alcune farmacie e negozi di salute.

Infatti, grazie alla sua ampia disponibilità, al suo trattamento per una miriade di disturbi e alla sua prominenza sui media, l’olio CBD è considerato da alcuni come un “farmaco miracoloso”, anche se gli scienziati non hanno ancora effettuato studi dettagliati sulla sua efficacia.

Che cos’è l’olio CBD?

Il cannabidiolo è un composto chimico naturale che viene estratto dalla Cannabis Sativa, la pianta di cannabis da famosa anche per un altro suo composto ovvero il THC, il cannabinoide con effetto psicotropo. Infatti, la cannabis Sativa contiene più di cento composti di cui il CBD è solo uno, ma è la sua associazione con la pianta che ha causato confusione e sospetti in alcune parti della società.

L’olio di CBD viene creato mescolando il composto estratto con l’olio di un’altra pianta, come i semi di canapa o l’olio di cocco. Fondamentalmente, non contiene tetraidrocannabinolo (THC) che si trova nella cannabis e causa la sensazione di essere “sballati”, quindi l’olio CBD non crea dipendenza né è euforia.

L’olio CBD può essere prodotto in diversi modi, tra cui tinture, capsule, lozioni e vaporizzazioni.

La domanda più frequente: L’olio CBD è sicuro?

L’uso di qualsiasi composto di una pianta associato all’uso di droghe illegali è destinato a sollevare domande sulla sua sicurezza ed efficacia, ma come stanno dimostrando gli studi scientifici, l’olio di CBD ha alcuni benefici positivi per la salute e  può trattare una vasta gamma di patologie e problematiche.

Sollievo dal dolore: molti pazienti hanno scoperto che l’applicazione dell’olio CBD, sia per via topica che sotto la lingua, ha alleviato il dolore causato da condizioni come l’artrite e la sclerosi multipla. Uno studio del 2015 ha dimostrato che i topi affetti da artrite hanno registrato un significativo miglioramento dei livelli di dolore solo quattro giorni dopo aver ricevuto il trattamento con cannabidiolo senza effetti collaterali significativi sulla loro salute1

Articolo correlato: CBD per il dolore

Riduzione dell’ansia e della depressione: di solito trattati con farmaci da prescrizione che spesso hanno effetti collaterali, l’ansia e la depressione migliorano con la terapia con olio CBD abbassando gli ormoni dello stress del corpo e riducendo la sua risposta allo stress. Con questo trattamento, il corpo può accedere a sostanze chimiche come la serotonina e l’anandamide, con conseguente miglioramento dell’umore e meno ansia.

Articolo correlato: CBD per l’ansia

Sonno riposante: l’insonnia e altri problemi di sonno sono una lamentela comune nella società moderna, ma l’olio CBD favorisce un sonno più riposante. In parte, questo si ottiene riducendo gli ostacoli che impediscono alle persone di godere di un sonno profondo e prolungato, come l’ansia e il dolore cronico.

Articolo correlato: CBD per l’insonnia

Miglioramento dell’acne: colpendo quasi un decimo della popolazione, l’acne è una condizione cutanea fastidiosa che causa anche effetti psicologici per chi ne soffre, tra cui il basso umore e la depressione. Recenti ricerche hanno suggerito che l’olio di cannabidiolo può avere potenti proprietà antinfiammatorie e riduce il sebo, una sostanza oleosa prodotta nelle ghiandole della pelle che si pensa sia causa di acne.

Articolo correlato: CBD per l’acne

Anche se i benefici dell’olio di CBD sembrano certamente promettenti, una considerazione fondamentale è se sia sicuro da usare. In primo luogo, il cannabidiolo non crea dipendenza e, a differenza delle droghe illegali, il corpo non sviluppa una resistenza ad esso, quindi un paziente può iniziare e interrompere il trattamento senza sviluppare una dipendenza. In secondo luogo, poiché l’olio di CBD contiene poco o niente THC, un paziente non avvertirà sintomi psicoattivi come lo “sballo”; in comune con molti integratori a base di piante, il cannabidiolo agisce delicatamente sul corpo per produrre un effetto di guarigione graduale.

È importante ricordare che, come molti altri farmaci e sostanye fitoterapiche, l’olio di CBD può causare effetti collaterali, e questi dovrebbero essere monitorati attentamente una volta iniziato il trattamento. Inoltre, gli esperti devono ancora concordare i livelli di dosaggio più efficaci per trattare le diverse patologie.

È importante, tuttavia, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità2 ha riconosciuto che l’olio di CBD “può essere un trattamento utile per una serie di patologie” e “è generalmente ben tollerato con un buon profilo di sicurezza”.

Effetti collaterali dell’olio CBD

Come la maggior parte dei farmaci o integratori, il cannabidiolo è di solito ben tollerato, ma può causare effetti collaterali in alcuni utenti.

Uno studio condotto dal Centro nazionale per l’informazione sulle biotecnologie3 ha osservato i seguenti effetti collaterali più comuni dell’olio di CBD:

  • Diarrea
  • Stanchezza
  • Aumento/perdita di peso
  • Cambiamenti di appetito
  • Vertigini
  • Sonnolenza
  • Bocca asciutta
  • Nausea/vomito

Se state pensando di usare l’olio di CBD per la prima volta, dovreste consultare il vostro medico, in particolare se state già assumendo farmaci o integratori per la salute. Questo è molto importante se il farmaco o l’integratore ha un’avvertenza sul consumo di pompelmo, poiché l’olio CBD può influenzare gli enzimi che aiutano il metabolismo dei farmaci nello stesso modo in cui lo fa l’agrume. Inoltre, un rapporto dell’American Academy of Pediatrics4 ha osservato che anche l’uso a breve termine di cannabidiolo potrebbe influenzare l’efficienza della placenta nelle donne in gravidanza, quindi le pazienti che sono in attesa o che allattano dovrebbero consultare un medico prima di iniziare a usare l’olio CBD.

Acquistare Cannabidiolo

Mentre c’è una ricchezza di informazioni disponibili online sui benefici e gli effetti collaterali dell’olio CBD, è estremamente importante che sia reperibile da un fornitore affidabile. Alcune indagini, come quella del Centre for Medical Cannabis5, hanno scoperto che alcuni prodotti cannabidiolici contengono una quantità trascurabile del composto nella migliore delle ipotesi, mentre altri hanno livelli rilevabili di THC, rendendoli illegali in molti paesi.

Come per qualsiasi farmaco o integratore, acquistate l’olio di CBD solo da un fornitore affidabile, in modo da poter essere sicuri di acquistare un prodotto legittimo che farà una differenza significativa per la qualità della vostra salute.

Riferimenti

  1. Hammell, D., Zhang, L., Ma, F., Abshire, S., McIlwrath, S., Stinchcomb, A. and Westlund, K. (2015). Transdermal cannabidiol reduces inflammation and pain-related behaviors in a rat model of arthritisEuropean Journal of Pain, 20(6), pp.936-948. []
  2. Expert Committee on Drug Dependence (2018). CANNABIDIOL (CBD). [online] World Health Organization []
  3. Iffland, K. and Grotenhermen, F. (2017). An Update on Safety and Side Effects of Cannabidiol: A Review of Clinical Data and Relevant Animal StudiesCannabis and Cannabinoid Research, 2(1), pp.139-154. []
  4. Ryan, S., Ammerman, S. and O’Connor, M. (2018). Marijuana Use During Pregnancy and Breastfeeding: Implications for Neonatal and Childhood Outcomes. Pediatrics, 142(3), p.e20181889. []
  5. BBC News. (2019). Are CBD health claims stretching the truth?. [online] []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

L'autrice

Alyssha Bal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *