11 min.

✓ Evidence Based


Rate post

CBD può aiutare con la diarrea e, in tal caso, come?

  • La diarrea si verifica da feci sciolte o acquose che si verificano almeno tre volte al giorno. Sebbene di solito sia temporaneo, circa il 5 percento degli americani soffre di diarrea cronica, che è un tipo di diarrea che può durare per molte settimane (1 ) .
  • La loperamide è tra i farmaci anti-diiarrole più frequentemente prescritti per gestire i sintomi gravi e ridurre la frequenza dei movimenti delle feci. Tuttavia, questi farmaci possono innescare le condizioni mediche, causando il peggioramento della condizione dopo l’assunzione.
  • Il cannabidiolo (CBD) potrebbe essere un’opzione di trattamento per la diarrea a causa del modo in cui il composto chimico influisce sul corpo. Numerosi studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare ad alleviare i sintomi della diarrea come il dolore addominale (2) e l’infiammazione intestinale (3) e l’ipermotilità (4).
  • Non vi sono tuttavia prove conclusive che il CBD sia in grado di trattare la diarrea, poiché la maggior parte degli studi condotti riguardanti i disturbi del tratto digestivo sono stati condotti sugli animali.


Come l’olio di CBD si confronta con trattamenti alternativi per la diarrea

Oltre a bere molti liquidi, le persone sono spesso raccomandate dai medici di assumere probiotici. I probiotici sono costituiti da lieviti e batteri vivi che sono benefici per il sistema digestivo di una persona.

I malati di diarrea possono perdere batteri sani nello stomaco e nell’intestino che sono essenziali per mantenere la salute del tratto digestivo. Si ritiene che i probiotici che contengono lievito e batteri buoni sostituiscano i microrganismi che proteggono il tratto digestivo, aiutando a ripristinare la normale funzione intestinale.

Uno studio sull’efficacia dei probiotici per la diarrea ha scoperto che il trattamento potrebbe ridurre la durata della diarrea almeno un giorno. Esistono diversi rapporti che suggeriscono che i probiotici potrebbero essere in grado di fermare la diarrea completamente (29 ) .

I probiotici sono ora consumati in una varietà di forme, tra cui yogurt, polveri di latte, capsule e persino polveri.

È possibile trovare prodotti CBD disponibili oggi che sono infusi con probiotici che offrono il maggior numero di vantaggi per i problemi gastrointestinali. Puoi anche scoprire CBD combinato con estratti a base di erbe, come camomilla, menta piperita e aloe vera. Si ritiene che questi aiutino a combattere i sintomi correlati all’IBD. IBD.

Come scegliere il miglior olio CBD per la diarrea

Se stai pensando ai vantaggi di olio CBD per combattere la diarrea ci sono tre tipi principali di olio di CBD che sono disponibili nel presente.

Il più popolare, e il primo noto, è il CBD a spettro completo. Il tipo di CBD che è a spettro completo include tutti i composti chimici presenti nella pianta di cannabis sativa.

Contiene quantità variabili del THC psicoattivo ed è in genere offerto sotto forma di edibili CBD, tinture, creme e olio di svapo. Molte persone acquistano CBD a spettro completo per sperimentare l’effetto sinergico noto, noto anche come “l’effetto entourage”.

Il secondo tipo di CBD è noto come spettro ad ampio. Contiene le stesse sostanze dell’intero spettro ma senza la quantità di THC. L’ingrediente che altera la mente viene eliminato in modo che le persone possano consumare CBD senza THC presente.

Ci sono anche isolati realizzati solo con CBD puro. Sono in genere provenienti da una pianta di canapa industriale in quanto hanno i più alti livelli di CBD tra le varietà di cannabis.

Gli isolati di CBD non sono una fonte degli altri fitocannabinoidi presenti nell’uso medico della cannabis e sono in genere venduti in polvere o cristalli.

Prima di acquistare olio di CBD per trattare la diarrea I pazienti devono consultare un medico per evitare complicazioni. Selezionare un medico che ha esperienza con la marijuana e i componenti che contiene potrebbe essere particolarmente vantaggioso.

Questi sono alcuni suggerimenti per aiutare i consumatori a selezionare i prodotti CBD più sicuri e affidabili:

  1. Acquista solo prodotti CBD di alta qualità da marchi di fiducia. Molte aziende CBD legittime coltivano piante di canapa o acquistano la canapa da produttori di fiducia.
  2. Quando stai pensando di acquistare attraverso un negozio CBD basato su Internet, assicurati di leggere prima le loro recensioni del prodotto. Per i dispensari e i negozi che si trovano fisicamente, assicurati di essere autorizzati dalle autorità del governo federale per offrire CBD.
  3. Studia i requisiti legali relativi all’utilizzo del CBD nella regione in cui si desidera acquistarlo e prenderlo.
  4. Trova codici di certificazione su quei prodotti CBD. Le autorità di certificazione hanno l’autorità di approvare alcuni prodotti CBD dopo aver superato uno screening e test rigorosi.

Dosaggio di CBD per diarrea

Mentre ci sono una miriade di potenziali usi terapeutici per i professionisti medici e i professionisti del CBD stanno ancora cercando di determinare il giusto dosaggio che sia efficace e sicuro per i consumatori.

Poiché la FDA deve ancora emettere linee guida per il dosaggio di CBD, potrebbe essere utile studiare i dosaggi utilizzati in precedenti studi clinici con l’uomo per avere un’idea.

In uno studio condotto nel 2018 sulla colite ulcerosa in uno studio, cinquanta mg di olio di canapa CBD sono stati somministrati ai partecipanti due volte al giorno. Il dosaggio è aumentato a 250 mg se non ci sono stati effetti avversi. I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno preso il CBD avevano remissioni cliniche e migliorava la qualità della vita (30 ) .

Inoltre, lo studio ha rivelato che i soggetti non hanno avuto reazioni avverse dopo aver avuto olio di CBD per 10 settimane come parte del loro trattamento. Lo studio suggerisce che i dosaggi di CBD di 50 mg ogni giorno, assunti due volte, potrebbero essere ben accettati dagli umani.

Alcuni esperti nel campo della salute suggeriscono di iniziare con 40 mg e aumentare gradualmente il dosaggio fino all’esperienza degli effetti desiderati.

La migliore raccomandazione è attualmente iniziare al dosaggio più basso e aumentare gradualmente il dosaggio secondo necessità. Una volta che hai sperimentato l’effetto desiderato, l’utente dovrebbe prendere una nota dell’effetto e aderire al dosaggio.

Come prendere l’olio CBD per la diarrea

I prodotti CBD disponibili attualmente possono essere acquistati in una varietà di formati di consegna.

Ci sono capsule e pillole CBD simili agli integratori e alle compresse di salute tradizionali. Uno studio della colite ulcerosa nell’uomo ha utilizzato capsule di CBD e ha riscontrato un miglioramento dei punteggi di salute per la maggior parte dei malati (31 ) .

Il CBD che è commestibile è venduto sotto forma di gummie o cioccolatini e può essere un’opzione migliore per coloro che lottano per l’assunzione di pillole di CBD.

I prodotti CBD più noti disponibili sono l’olio CBD e le tinture. Di solito includono contagocce che consentono agli utenti di testare e applicare il CBD direttamente sulla lingua.

CBD può causare diarrea?

Una revisione pubblicata del 2017, Diarrea è stata uno degli effetti avversi più frequenti scoperti dai ricercatori in una varietà di studi clinici sull’uso del CBD (32 ) . Altre reazioni avverse osservate includono affaticamento e una riduzione dell’appetito.

Il CBD può essere diverso per ogni persona. Alcuni individui possono vedere effetti positivi, tuttavia, altri potrebbero non essere in grado di assumere CBD e potrebbero sperimentare effetti negativi negativi.

È probabile che gli individui che non sono in grado di tollerare l’olio di CBD abbiano reazioni avverse, come affaticamento o diarrea. Mentre il CBD ha dimostrato di essere utile per molte persone, ogni persona è diversa e ci sono alcuni che non sono compatibili con il CBD.

Questo è il motivo per cui è importante consultare un medico prima di acquistare prodotti CBD.

È possibile sovradosaggio di CBD?

Nel loro studio sul cannabidiolo, l’Organizzazione mondiale della sanità (che) ha scoperto che non ci sono prove di importanti problemi di salute relativi al puro utilizzo del CBD. L’OMS ha aggiunto che il CBD ha un profilo di sicurezza favorevole ed è generalmente tollerato negli esseri umani (33 ) .

La recensione che è stata menzionata in precedenza conferma anche la sicurezza dell’uso del CBD. I ricercatori hanno scoperto che anche dosi elevate di fino a 1500 mg di CBD al giorno non causano reazioni avverse nei partecipanti agli studi clinici

(34 ) .

Tuttavia, l’assunzione di alte dosi di CBD potrebbe aumentare la probabilità di soffrire di possibili effetti avversi come nausea, vomito o perdita di appetito. Mentre questi effetti collaterali non sono pericolosi per la vita, è importante essere consapevoli del consumo di petrolio CBD per garantire l’esperienza più piacevole.

Tipi di disturbi gastrointestinali

Questi sono alcuni dei tipi più comuni di malattie GI oggi.


Diarrea cronica

Il disturbo gastrointestinale è una condizione in cui il malato subisce feci sciolte o acquose che durano per diversi mesi. Sette su cento americani soffrono di questa malattia.

Accanto a sgabelli acquosi e la necessità di intestini regolarmente altri segni comuni di diarrea cronica sono nausea, gonfiore e crampi addominali. Si consiglia un medico per determinare il metodo più efficace per trattare la diarrea cronica.


Sindrome dell’intestino irritabile (IBS)

IBS è una malattia che può causare infiammazione nell’intestino crasso. È identificato da segni, come dolore addominale, crampi, perdita di gas e peso, gonfiore, costipazione e diarrea.

Secondo la Fondazione internazionale per i disturbi gastrointestinali, IBS colpisce tra 25 e 45 milioni di persone all’interno degli Stati Uniti, con due femmine su tre colpite (35 ) .

IBS è una malattia in corso che non ha cura, tuttavia, i suoi sintomi sono curabili con la combinazione di cambiamenti nello stile di vita, cambiamenti dietetici, integratori in fibra e medicine. Lo stress della vita può causare o aumentare i sintomi dell’IBS, motivo per cui potrebbero essere richiesti consulenza e antidepressivi.



Malattia di Crohn

Insieme alla colite ulcerosa, la malattia di Crohn è un diverso tipo di malattia infiammatoria intestinale (IBD) che colpisce più dell’uno percento degli adulti all’interno degli Stati Uniti (36 ) . I sintomi della malattia di Crohn sono come IBS ma con ridotte abitudini alimentari e perdita di peso.

I pazienti devono consultare un medico quando notano cambiamenti costanti nelle loro routine digestive o sperimentare dolori addominali o feci sanguinanti.

Non esiste alcun trattamento per le condizioni di Crohn e i trattamenti che sono comunemente suggeriti comportano cambiamenti di dieta e stile di vita.


colite ulcerosa

La colite ulcerosa è un diverso tipo di IBD che provoca l’infiammazione e le ulcere si sviluppano all’interno del tratto digestivo. La colite differisce dalla malattia di Crohn perché prende di mira in particolare il colon e il retto.

I sintomi più frequenti correlati alla colite sono difficoltà a defecare intestinale e dolore addominale, febbre e sanguinamento dal rettale. Come la malattia di Crohn, la colite non ha cura.


gastrite

La condizione è generalmente manifestata da una sensazione di bruciore nell’area dell’addome, nonché nausea e vomito. La gastrite può essere causata da un uso eccessivo di alcol o farmaci per alleviare il dolore, oppure può essere causata da infezioni correlate ai batteri.

Per determinare se è presente la gastrite, i medici esaminano i documenti familiari e personali, conducono un esame del corpo e possono persino suggerire esami del sangue e del sangue.

Se non trattata se non trattata, la gastrite può diventare più grave e infine trasformarsi in cancro allo stomaco. Si ritiene che la gastrite cronica colpisca 2 su ogni diecimila persone, tuttavia, viene trattata con il trattamento adeguato.



celiachia

Chiamato anche enteropatia sensibile al glutine (GSE), (Entero indica l’intestino e Pathy è un termine usato per descrivere una malattia) La celiachia è una malattia gastrointestinale genetica causata da una reazione al glutine. Il glutine è una delle categorie di proteine che possono verificarsi nei cereali, come orzo, segale e grano.

Se una persona con celiachia mangia glutine, il loro corpo innesca una risposta immunitaria che danneggia i villi intestinali. La perdita di villi fa sì che l’intestino tenue non sia in grado di assorbire in modo efficiente i nutrienti, le vitamine e i micronutrienti.

Ciò può portare alla malnutrizione e può causare una varietà di gravi problemi di salute, come danni permanenti all’intestino tenue, nonché infertilità e colite.


Costipazione

La costipazione è probabilmente il più frequente delle malattie del tratto digestivo. Tuttavia, alcune persone soffrono di costipazione cronica, che è caratterizzata da movimenti dolorosi di resistenza dura che sono presenti per settimane o più.

Problemi e blocchi con i nervi e il retto del colon possono causare costipazione.

La condizione del tratto digestivo provoca costanti disagio e stress per i malati. L’intensità dei sintomi fisici può influire quotidianamente sulla propria vita e può persino portare all’ansia.

Conclusione

La diarrea si riferisce a persone che sperimentano feci sciolte o acquose, che possono verificarsi tre volte al giorno. Altri sintomi e segni di diarrea sono lo stomaco, la febbre, le feci sanguinanti e un movimento incontrollabile delle feci.

I medicinali anti-diarroal, come la loperamide, sono in genere prescritti per trattare la gravità dei sintomi e ridurre i movimenti delle feci. Tuttavia, alcuni problemi di salute possono peggiorare quando si assumono questi farmaci.

Il CBD, noto anche come CBD, potrebbe essere un rimedio per la diarrea a causa delle sue presunte proprietà. Numerosi studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare ad alleviare la diarrea e il dolore addominale che è comune nell’infiammazione intestinale.

Tuttavia, la maggior parte degli studi sull’efficacia del CBD nel trattamento delle questioni digestive è stata condotta negli animali. Alcuni studi con l’uomo sono stati anche condotti, i risultati non sono conclusivi.

La FDA riconosce i potenziali benefici medicinali del cannabidiolo ed è un sostenitore della ricerca scientifica su questa sostanza chimica. Sono necessari ulteriori studi e studi clinici con soggetti umani per determinare se il CBD è in grado di alleviare veramente i sintomi della diarrea.

Come qualsiasi altro farmaco prescritto, gli utenti del CBD devono consultare un medico per prevenire eventuali problemi.

  1. Schiller LR, Pardi DS, Sellin JH. Diarrea cronica: diagnosi e gestione. Clin Gastroenterol Hepatol. 2017; 15 (2): 182-193.E3. doi: 10.1016/j.cgh.2016.07.028
  2. Hasenoehrl C, Storr M Schicho R, Hasenoehrl C. Cannabinoidi per il trattamento dei disturbi digestivi infiammatori dove siamo ora e dove dovremmo andare?. Expert Rev Gastroenterol Hepatol. 2017; 11 (4): 329-337. doi: 10.1080/17474124.2017.1292851
  3. De Filippis D, Esposito G, Cirillo C, et al. Il cannabidiolo riduce l’infiammazione intestinale attraverso il controllo dell’asse neuroimmune. Plos One. 2011; 6 (12): E28159. doi: 10.1371/journal.pone.0028159
  4. Capasso R, Borrelli F, Aviello G, et al. Il cannabidiolo, derivato dalla cannabis sativa, riduce selettivamente l’ipermotilità infiammatoria dei topi. Br J Pharmacol. 2008; 154 (5): 1001-1008. doi: 10.1038/bjp.2008.177
  5. Schiller LR. e. operazione. CIT.
  6. Mayo Clinic. Diarrea. Estratto da: https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/diarrhea/diagnosis-treatment/drc-20352246.
  7. Ibid.
  8. Crippa JA, Guimaraes FS, Campos AC, Zuardi AW. Indagine traslazionale sul potenziale terapeutico del cannabidiolo (CBD): verso una nuova era. Immunol anteriore. 2018; 9: 2009. Pubblicato 2018 il 21 settembre. DOI: 10.3389/FIMMU.2018.02009
  9. Aviram J, Samuelly-Leichtag G. Efficacia dei medicinali a base di cannabis per la gestione del dolore: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Pain Medician. 2017; 20 (6): E755-E796.
  10. McGuire P, Robson P, Cubala WJ, et al. Cannabidiolo (CBD) come terapia aggiuntiva nella schizofrenia: uno studio controllato randomizzato multicentrico. Sono J Psychiatry. 2018; 175 (3): 225-231. doi: 10.1176/apchi.ajp.2017.17030325
  11. Atalay S, Jarocka-Karpowicz I, Skrzydlewska E. Proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie del cannabidiolo. Antiossidanti (Basilea) . 2019; 9 (1): 21. Pubblicato il 25 dicembre 2019. doi: 10.3390/antiix9010021
  12. Hasenoehrl C. et al. operazione. CIT.
  13. Ibid.
  14. De Filippis D. et al. operazione. CIT.
  15. Esposito G, Filippis DD, Cirillo C, et al. Cannabidiolo per disturbi intestinali infiammatori una breve revisione. Phytother res. 2013; 27 (5): 633-636. doi: 10.1002/ptr.4781
  16. Capasso R. et al. operazione. CIT.
  17. De Filippis D, Iuvone T, D’Amico A, et al. L’effetto del cannabidiolo sui disturbi della motilità causati dalla sepsi nei topi sono coinvolti i recettori CB e l’ammide acido grasso idrolasi. Neurogastroenterol Motil. 2008; 20 (8): 919-927. doi: 10.1111/j.1365-2982.2008.01114.x
  18. De Filippis D. et al. operazione. CIT.
  19. Zou S, Kumar U. Recettori dei cannabinoidi e il sistema endocannabinoide: segnalazione e funzione nel sistema nervoso centrale. Int j Mol Sci. 2018; 19 (3): 833. Pubblicato il 13 marzo 2018. doi: 10.3390/IJMS19030833
  20. Izzo AA, Sharkey Ka. Cannabinoidi e salute intestinale Nuovi sviluppi e idee emergenti. Pharmacol Ther. 2010; 126 (1): 21-38. doi: 10.1016/j.pharmthera.2009.12.005
  21. Dipatrizio nv. Endocannabinoidi nell’intestino. Cannabis Cannabinoid Res. 2016; 1 (1): 67-77. doi: 10.1089/can.2016.0001
  22. Jamontt JM, Molleman A, Pertwee RG, Parsons ME. Gli effetti del delta-tetraidrocannabinolo e del cannabidiolo da soli e in combinazione su danni, infiammazione e disturbi della motilità in vitro nella colite del ratto. Br J Pharmacol. 2010; 160 (3): 712-723. doi: 10.1111/j.1476-5381.2010.00791.x
  23. Roohafza He, Bidaki Z, Hasanzadeh Keshteli, Daghaghzade H, Afshar H, Adibi P. Depressione, ansia e stress nella sindrome dell’intestino irritabile e i loro sottotipi: uno studio basato sulla popolazione. Studio di ricerca basato su una popolazione. Adv Biomed Res. 2016; 5: 183. Pubblicato il 28 novembre 2016. doi: 10.4103/2277-9175.190938
  24. Blessing Em, Steenkamp MM, Manzanares J, Marmar CR. Cannabidiolo come potenziale trattamento per i disturbi d’ansia. Neuroterapici. 2015; 12 (4): 825-836. doi: 10.1007/s13311-015-0387-1
  25. US Food and Drug Administration (2020, 11 marzo). Regolazione FDA di prodotti di cannabis e derivati dalla cannabis, tra cui cannabidiolo (CBD). Estratto da: https://www.fda.gov/news-events/public-health-focus/fda-regulation-cannabis-and-cannabis-derived-roducts-including-cannabidiol-cbd.
  26. US Food and Drug Administration (2020, 14 gennaio). FDA e cannabis: processo di ricerca e approvazione dei farmaci. Estratto da: https://www.fda.gov/news-events/public-health-focus/fda-and-cannabis-research-and-drug-approval-process.
  27. Bonn-Miller MO, Loflin MJE, Thomas BF, Marcu JP, Hyke T, Vandrey R. Accuratezza dell’etichettatura degli estratti di cannabidiolo venduti online. Jama. 2017; 318 (17): 1708-1709. doi: 10.1001/jama.2017.11909
  28. Grinspoon, P (2020, 15 aprile). Cannabidiolo (CBD): cosa sappiamo e cosa non lo sa. Estratto da: https://www.health.harvard.edu/blog/cannabidiol-cbd-what-we-what-what-we-dont-2018082414476.
  29. Guarino A, Guandalini S, Lo Vecchio A. Probiotici per la prevenzione e il trattamento della diarrea. J Clin Gastroenterol. 2015; 49 Suppl 1: S37-S45. doi: 10.1097/mcg.0000000000000349
  30. Kafil T.S., Nguyen T.M MacDonald JK Chande N. Cannabis per il trattamento della colite ulcerosa. Database Cochrane di revisioni sistematiche 2018, numero 11. Art. No.: CD012954. Doi: 10.1002/14651858.cd012954.pub2
  31. Picardo S, Kaplan GG, Sharkey KA, Seow Ch. Il significato della cannabis nel trattamento della malattia infiammatoria intestinale. Therap Adv Gastroenterol. 2019; 12: 1756284819870977. Pubblicato 2019 settembre 3. doi: 10.1177/1756284819870977
  32. Iffland K, Grotenhermen F. Un aggiornamento sulla sicurezza e gli effetti collaterali del cannabidiolo: una revisione dei dati clinici e studi sugli animali pertinenti. Cannabis Cannabinoid Res. 2017; 2 (1): 139-154. Pubblicato 2017 1 giugno DOI: 10.1089/CAN.2016.0034
  33. Organizzazione mondiale della sanità (2018 giugno). Rapporto sulla revisione critica del cannabidiolo (CBD). Estratto da: https://www.whho.int/medicines/access/controlled-substances/cannabidReview .pdf .
  34. Iffland K, Grotenhermen, F. O. Cit.
  35. Fondazione internazionale per disturbi gastrointestinali (2016, 24 novembre). Estratto da: https://www.aboutibs.org/facts-about-ibs.html .
  36. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Prevalenza infiammatoria della malattia intestinale (IBD) negli Stati Uniti. Estratto da: https://www.cdc.gov/ibd/data-statistics.htm.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sette + 7 =