Vomito e Emesis
17 min.

Introduzione

Qualsiasi malattia è una condizione che indica che il corpo non è in grado di curarsi da solo e segnala la necessità di un supporto esterno. Detto questo, una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato sono i due aspetti più importanti che devono essere presi in considerazione per la gestione della malattia.

Questo articolo mira a riunire i risultati delle ricerche e le conclusioni condotte sulla condizione della sindrome da iperemesi da cannabinoidi. 

Gli obiettivi di questo articolo di revisione sono due:

(1) cercare di fare il punto sugli studi pubblicati fino ad oggi

(2) discutere e presentare il gap di conoscenza prevalente sulla sindrome da iperemesi da cannabinoidi ai consumatori di cannabis e di marijuana medica.

Nozioni fondamentali 

Che cos’è la sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS)

In breve, la Sindrome da Iperemesi Cannabinoide è un vomito frequente o ciclico, associato all’uso pesante di Cannabis o Marijuana. 

Secondo un Medical Journal del 20111 “La sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS) è caratterizzata da vomito ciclico e disturbi intestinali in persone che fanno uso di cannabis su base giornaliera”.

Secondo una nota di uno studio condotto nel 20192 “La sindrome da iperemesi da cannabinoidi è una sindrome paradossale caratterizzata da iperemesi (vomito persistente), in contrasto con le più note proprietà antiemetiche dei cannabinoidi”.

Nella stessa ottica, un factsheet informativo sulla CHS afferma che la sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS) è una rara condizione causata da un uso regolare (giornaliero) e a lungo termine di marijuana. La sindrome è caratterizzata da ripetuti e gravi attacchi di vomito.

È chiaro che la sindrome da Iperemesi Cannabinoide è una condizione di grave vomito e nausea nei casi di consumatori cronici di cannabis e marijuana.

Epidemiologia 

Wikipedia riporta che la sindrome è stata descritta per la prima volta nel 2004 e che i criteri diagnostici semplificati sono stati pubblicati nel 2009.

Un punto di forza a questo punto è che, dato l’aumento delle legalizzazioni di Cannabis e Marijuana, e la depenalizzazione del possesso o dell’uso, hanno successivamente portato all’aumento dell’incidenza della sindrome da iperemesi da cannabinoidi. Le ospedalizzazioni, le visite ai reparti di emergenza sono amunetate poiché sempre più persone hanno iniziato ad abusare della cannabis.

Secondo la proposta di riforma della Cannabis del 2020, all’inizio del 2020, 11 stati americani hanno completamente legalizzato la cannabis. Si prevede che entro la fine del 2020 almeno 40 Stati raggiungeranno una qualche forma di legalizzazione.

Diversi studi evidenziano che “la cannabis è la droga illecita più comunemente usata negli Stati Uniti”.

Secondo un rapporto del 2011 dell’Istituto nazionale di ricerca sulla salute3

  • Nel 2009, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 16,7 milioni di consumatori di marijuana 
  • Maggior parte degli individui di età inferiore ai 19 anni, la prevalenza più alta scende nell’intervallo di 18-25 anni

The 2011 Medical Journal4 riporta che

  • I dati del 2008 rivelano 2,2 milioni di utenti di marijuana per la prima volta 
  • L’età degli utenti che rientrano nella categoria da 12 – 17 anni
  • Il 5,4% usa cannabis su base giornaliera.

Le stime da consumatori di cannabis in tutto il mondo dal 2010 al 2018 mostrano che attualmente ci sono oltre 250 milioni di consumatori. Il numero più alto di consumatori si trova in Asia, seguita dall’America e dall’Africa. Oltre alle politiche di legalizzazione, l’accelerazione dell’approvazione pubblica della marijuana medica potrebbe anche essere uno da fattori trainanti che è rimasto al di sopra del 77% dal 2011.

Sindrome del vomito ciclico (CVS)

La sindrome del vomito ciclico, o CVS, è un disturbo che causa attacchi improvvisi e ripetuti, chiamati episodi di nausea grave e vomito. Questa condizione può durare da poche ore a diversi giorni o periodi più lunghi senza sintomi.

La nota del caso del 20195 presenta un’altra prospettiva al CHS.

Essa riporta che la letteratura medica riconosce due sindromi – la sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS) e la sindrome del vomito ciclico (CVS) negli adulti – entrambe caratterizzate da episodi ricorrenti di forte nausea, vomito e relativo benessere tra un episodio e l’altro. 

Discussione 1.

La maggior parte degli studi sulla sindrome da iperemesi da cannabinoidi, riconosce ed evidenzia all’unanimità le lacune diagnostiche che prevalgono intorno al CHS e al CVS. Le possibili ragioni potrebbero essere:

  • I pazienti non dichiarano i sintomi a causa della paura di rivelare l’abuso di cannabis o di ignorare i sintomi 
  • La mancanza di un’anamnesi del paziente potrebbe indurre in errore gli operatori sanitari di base, portando a lacune diagnostiche e a trattamenti inadeguati o impropri.  
  • In CHS e CVS, la causa organica della condizione rimane apparentemente sconosciuta nelle fasi iniziali

Differenza tra la Sindrome da Iperemesi Cannabinoide e la Sindrome da Vomito Ciclico

Secondo il Medical Journal 20116 le cause della CVS rimangono poco chiare a causa delle quali l’implementazione delle procedure di diagnosi per la CHS è fonte di confusione.

Alcuni dei componenti della malattia e dei sintomi associati di CHS e CVS sono:

  • L’uso cronico di cannabis, i comportamenti compulsivi da bagno sono le ragioni distintive della CHS
  • Mentre nel caso del CVS, si nota una storia familiare di emicrania e di stress psicologico, che non sono associati al CHS
  •  I pazienti con CVS hanno di solito importanti comorbidità psicologiche, tra cui la depressione e l’ansia.

Cause della sindrome da iperemesi da cannabinoidi

Generalmente la causa principale della sindrome è l’uso cronico e prolungato di Marijuana. Detto questo, è degno di nota discutere brevemente la differenza tra Cannabis, Canapa e Marijuana per evitare confusione. Poiché la cannabis e la marijuana vengono generalmente usate in modo intercambiabile, ciò sta causando confusione a un insieme di popolazioni che cercano supporto medico dalle proprietà terapeutiche del farmaco.  

In generale, la cannabis, la canapa e la marijuana appartengono alla famiglia delle Cannabaceae. Il termine Cannabis è usato convenzionalmente per indicare sia le piante di canapa che quelle di marijuana. Anche se sono molto diverse.

Da un punto di vista più tecnico, le ricerche riferiscono che la canapa e la marijuana sono distinte in diversi modi:

(1) definizioni statutarie e vigilanza regolamentare,

2) composizioni chimiche e genetiche, e 

(3) pratiche di produzione e di utilizzo.

  • Le piante di marijuana sono usate come psicofarmaci a scopo medicinale o ricreativo. Il contenuto di THC (Tetraidrocannabinolo) il componente psicoattivo è elevato nelle piante di marijuana, che vanno dal 25-30%.
  • Mentre la composizione chimica della canapa contiene più di 60 cannabinoidi, tra cui il CBD e altri farmaci non psicoattivi, con meno dello 0,3% di THC. 

La canapa è utilizzata per produrre una vasta gamma di prodotti che includono alimenti e bevande, prodotti per la cura personale, integratori alimentari, tessuti e tessuti, carta, materiali da costruzione e altri beni manufatti e industriali. 

Pertanto, è chiaro che la principale componente psicoattiva del THC ad alto contenuto di marijuana è la causa principale della sindrome da iperemesi da cannabinoidi nei consumatori cronici o a lungo termine.

Inoltre, un ulteriore chiarimento delle cause della sindrome riassunte dalla letteratura e la scheda informativa 2020 per il paziente con CHS è il seguente:

I diversi principi attivi della marijuana si integrano con il sistema endocannabinoide attraverso il quale si lega al sistema nervoso centrale. Questo inturno colpisce le varie parti del corpo.

Per esempio, 

  • I composti psicoattivi influenzano il cervello e causano lo stato di “sballo” nel consumatore
  • Essi influenzano il modo in cui le molecole nell’intestino funzionano e possono alterare il tempo che lo stomaco impiega a digerire.
  •  La marijuana va a d agire anche sullo sfintere esofageo, che è la fascia stretta del muscolo che si apre e si chiude per far passare il cibo dall’esofago allo stomaco. 

Pertanto gli effetti della marijuana sull’apparato digerente potrebbero essere la causa principale da sintomi della CHS. 

Discussione 2

Un riferimento da uno studio del 20117 sarebbe utile per comprendere le proprietà antiemetiche positive dei cannabinoidi.

Infatti:

  • Ci sono prove ragionevoli per dimostrare che la manipolazione del sistema endocannabinoide regola la nausea e il vomito negli esseri umani e in altri animali.
  • Il composto primario non psicoattivo della cannabis, il cannabidiolo (CBD), sopprime anche la nausea e il vomito in un range di dosaggio limitato. 
  • La ricerca preclinica indica che i cannabinoidi, incluso il CBD, possono essere efficaci clinicamente per il trattamento sia della nausea che del vomito prodotto dalla chemioterapia o da altri trattamenti terapeutici.
  • Il THC, l’ingrediente principale della marijuana ha effetti anti-nausea (anti-malattia). Gli studi mostrano risultati positivi delle proprietà medicinali della marijuana nel trattamento della nausea causata dal trattamento chemioterapico. 
  • La CBD è stata utilizzata anche per aiutare a ridurre gli effetti della chemioterapia come la nausea per i pazienti affetti da cancro.

Sintomi della sindrome da iperemesi da cannabinoidi 

Studi89 presenta la sindrome di CHS in tre fasi.

Ogni fase è caratterizzata da sintomi da lievi a cronici. La seguente tabella descrive i sintomi.

1.Fase prodromica

2. Fase di iperemesi

3.Fase di recupero

Prevalenza di nausea, di solito senza emesi, dolori addominali e paura di vomitare.Pesante nausea, (cinque volte all’ora) vomito, forti dolori addominali Comparativamente privo di sintomi. 
Modelli alimentari normaliPerdita di appetito e perdita di pesoLa fame e l’assunzione per via orale tornano alla normalità.
Diversi anniDa 1 a 3 mesiGiorni, fino a mesi.
*Si prega di notare che la tabella è solo una presentazione generale dei sintomi. Si dovrebbe considerare una variazione da caso a caso.

Diagnosi per la sindrome da iperemesi da cannabinoidi

Lo studio del 201710 relazioni sul lavoro diagnostico intrapreso per il trattamento della CHS. Si tratta di procedure di laboratorio, radiografiche e di endoscopia.

Istituto Nazionale di Ricerca sulla Salute 201111 riporta i dettagli che le procedure diagnostiche intraprese per i pazienti del CHS sono ampie ed estese. CHS colpisce:

  • Il tratto gastrointestinale, 
  • La cavità peritoneale,
  • Sistema nervoso centrale 
  • Funzioni endocrine e metaboliche 

La diagnosi include:

  • Test di laboratorio che includono un emocromo completo e differenziale (per il test dell’anemia e delle infezioni), glucosio, pannello metabolico di base, enzimi pancreatici ed epatici, test di gravidanza, analisi delle urine (per lo screening dei farmaci), screening dei farmaci urinari,

  • Test per gli elettroliti
  • Radiografia addominale

  • Imaging per i risultati neurologici sul cervello e TAC addominale

  • Endoscopia, endoscopia superiore per visualizzare lo stomaco e l’esofago per possibili cause di vomito.

Trattamento della sindrome da iperemesi da cannabinoid

La scheda informativa per il CHS riassume le seguenti procedure di trattamento:

  • Sostituzione del fluido IV (endovenosa) per disidratazione 
  • Farmaci anti-malattia
  • Medicinali antidolorifici 
  • Inibitori della pompa protonica (per trattare l’infiammazione dello stomaco) 
  • Docce calde frequenti  
  • Crema alla capsaicina (per ridurre il dolore e la nausea)

La CHS è stata scoperta solo di recente. Questo è il motivo per cui non esiste un ‘unico’ metodo o un farmaco a prova di errore attualmente disponibile per la CHS. Esiste una carenza di conoscenze sulla sindrome per condurre una diagnosi corretta e tempestiva e fornire un trattamento appropriato.

Diversi studi raccomandano fortemente la completa cessazione del consumo di marijuana per il recupero, per evitare il ripetersi della fase di iperemesi.  

Prevalenza di un gap di conoscenza

Ora, affrontando la seconda parte di questo articolo di revisione. Citare il vuoto di conoscenza esistente su questa condizione medica per i consumatori di cannabis e di marijuana medica è doveroso. 

Lo studio del 201710 sottolinea che la diagnosi di sindrome da iperemesi da cannabinoidi è una “diagnosi di esclusione”. 

La diagnosi di esclusione viene raggiunta con un processo di eliminazione se la prevalenza di una condizione non può essere confermata con le consuete procedure diagnostiche come test, esami o anamnesi. Pertanto, l’eliminazione di altre ragionevoli possibilità diventa parte della diagnosi differenziale.

Le teorie affermano che tali circostanze sono tipiche in condizioni psichiatriche in cui il metodo scientifico di diagnosi di una malattia diventa complesso. 

Pertanto, quando l’approccio oggettivo per trovare una soluzione a un caso è limitato, gli approcci soggettivi potrebbero colmare il divario. Ad esempio, analizzando la letteratura medica per questo articolo, alcune note di caso hanno portato avanti studi di casi di pazienti che soffrivano di sindrome da Iperemesi Cannabinoide. Un cambiamento nell’approccio diagnostico ha portato a nuove dimensioni del trattamento.

La nota del caso del 20192 si riferisce a un signore caucasico di 22 anni che è stato ricoverato in ospedale con una storia di tre giorni di nausea acuta e vomito persistente.

Inoltre, il suo percorso terapeutico ha riguardato la sua storia personale fin dall’infanzia, la famiglia, l’educazione e la storia medica. Questa ricerca sul paziente ha rivelato una storia di autolesionismo, tentativi di suicidio, mancanza di vita sociale, situazione familiare separata e condizioni di depressione. E che è un consumatore di cannabis a lungo termine. 

I medici lo hanno sostenuto ammettendolo al ricovero psichiatrico, ai sensi della legge sulla salute mentale. L’intervento terapeutico ha mostrato notevoli miglioramenti e progressi nella sua salute mentale e fisica. Le sue abitudini hanno cominciato a stabilizzarsi e non ha avuto disturbi di vomito o nausea. 

Come nota conclusiva, questo rapporto vuole ricordare ai consumatori di marijuana medica di assumersi la responsabilità individuale nell’uso e nel possesso.

Conclusione

  1. I consumatori giornalieri cronici di marijuana ad alto contenuto di THC possono essere a più alto rischio di sviluppare la CHS
  2. Finora non ci sono stati rapporti che abbiano studiato l’associazione tra l’uso del CBD e la sindrome da Iperemesi Cannabinoide.
  3. Questa sindrome sta diventando sempre più comune poiché sempre più persone abusano di cannabis.
  4. La CHS potrebbe essere definita una malattia subclinica che manca di segni rilevabili, specialmente durante la fase prodromica. 
  5. La letteratura medica contiene un numero crescente di studi sui cannabinoidi, così come casi di studio e rapporti aneddotici che discutono il potenziale terapeutico delle piante di Cannabis. Allo stesso tempo, non si dovrebbe dare per scontato che si tratti di un metodo di una reazione all’abuso della cannabis. L’uso o l’abuso cronico di cannabis è nocivo a livello personale (fisico) e sociale.
  6. Le considerazioni sulla salute mentale sono della massima importanza per il trattamento dei pazienti affetti da CHS. I casi studio riferiscono di fattori sociali ed economici che giocano un ruolo nella vita delle persone che ricorrono all’abuso di cannabis. 
  7. È necessario coinvolgere psichiatri e medici per lavorare insieme e sviluppare un approccio integrato per curare i pazienti che soffrono di abuso di cannabis.

Riferimenti

  1. Wallace EA, Andrews SE, Garmany CL, Jelley MJ. Cannabinoid hyperemesis syndrome: literature review and proposed diagnosis and treatment algorithm. Southern Medical Journal. 2011 Sep;104(9):659-664. DOI: 10.1097/smj.0b013e3182297d57. []
  2. Rehman, A.‐U., Pervaiz, A., Narayan, M. and Saqib, S. (2019), Cannabinoid hyperemesis syndrome – recognition, diagnosis and treatment. Prog. Neurol. Psychiatry, 23: 13-15. doi:10.1002/pnp.524 [] []
  3. Galli JA, Sawaya RA, Friedenberg FK. Cannabinoid hyperemesis syndrome. Curr Drug Abuse Rev. 2011;4(4):241-249. doi:10.2174/1874473711104040241 []
  4. Wallace EA, Andrews SE, Garmany CL, Jelley MJ. Cannabinoid hyperemesis syndrome: literature review and proposed diagnosis and treatment algorithm. Southern Medical Journal. 2011 Sep;104(9):659-664. DOI: 10.1097/smj.0b013e3182297d57 []
  5. Rehman, A.‐U., Pervaiz, A., Narayan, M. and Saqib, S. (2019), Cannabinoid hyperemesis syndrome – recognition, diagnosis and treatment. Prog. Neurol. Psychiatry, 23: 13-15. doi:10.1002/pnp.524 []
  6. Wallace EA, Andrews SE, Garmany CL, Jelley MJ. Cannabinoid hyperemesis syndrome: literature review and proposed diagnosis and treatment algorithm. Southern Medical Journal. 2011 Sep;104(9):659-664. DOI: 10.1097/smj.0b013e3182297d57. []
  7. Parker LA, Rock EM, Limebeer CL. Regulation of nausea and vomiting by cannabinoidsBr J Pharmacol. 2011;163(7):1411-1422. doi:10.1111/j.1476-5381.2010.01176.x []
  8. Rehman, A.‐U., Pervaiz, A., Narayan, M. and Saqib, S. (2019), Cannabinoid hyperemesis syndrome – recognition, diagnosis and treatment. Prog. Neurol. Psychiatry, 23: 13-15. doi:10.1002/pnp.524 []
  9. Fleming JE, Lockwood S. Cannabinoid Hyperemesis Syndrome. Fed Pract. 2017;34(10):33-36. []
  10. Fleming JE, Lockwood S. Cannabinoid Hyperemesis Syndrome. Fed Pract. 2017;34,10:33-36. [] []
  11. Galli JA, Sawaya RA, Friedenberg FK. Cannabinoid hyperemesis syndromeCurr Drug Abuse Rev. 2011;4(4):241-249. doi:10.2174/1874473711104040241. []

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD
Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *