3 min.

✓ Evidence Based


Rate post

Last updated on 18 Maggio 2022

La sindrome di Tourette è un disturbo neurologico comune che è caratterizzato da tic vocali e motori cronici. Gli individui colpiti di solito hanno movimenti ripetitivi e stereotipati o vocalizzazioni come lampeggiare o annusare, movimenti facciali o tensione addominale.

Altre manifestazioni includono disturbo da deficit di attenzione-iperattività, disturbo ossessivo-compulsivo, scarso controllo degli impulsi e altri problemi comportamentali. I sintomi variano tra i pazienti e i tic non sono in genere i sintomi più limitanti di questo disturbo.

Il meccanismo alla base della sindrome di Tourette non è completamente compreso, tuttavia, gli studi suggeriscono che si tratta di un disturbo neurologico ereditabile che si sviluppa nel tempo. Il disturbo colpisce circa l’1 % della popolazione ed è cinque volte più diffuso nei maschi. I sintomi vanno da fastidioso al debilitante.

I pazienti che hanno voci forti o grandi movimenti sono soggetti a critiche significative o sono costretti a smettere di partecipare a numerose attività. La discriminazione negli ambienti scolastici e di lavoro non è raro. Le lesioni accidentali, come le ossa fratturate o la degenerazione articolare, possono verificarsi dopo anni di azioni semplici ma ripetitive. Gli incidenti non sono rari.

Gli attuali trattamenti per la sindrome di Tourette sono solo sintomatici. Non ci sono terapie curative o preventive sono disponibili. Ci sono stati farmaci usati per trattare i sintomi di TIC, ADHD, DOC e aggressività. Includono antipsicotici, agenti di esaurimento della dopamina, farmaci antiipertensivi come rilassanti del muscolo scheletrico, benzodiazepine, SSRI con una dose 3-4x di antidepressivi e iniezioni di Botox. La neurochirurgia è una procedura utilizzata in casi estremi. Ognuna di queste procedure comporta un rischio sostanziale e, purtroppo, offrono solo benefici limitati. Gli autori medici spesso consigliano ai medici di non trattare la sindrome di Tourette usando farmaci a meno che i sintomi non siano gravi.

Una vasta quantità di prove dalla scienza indica che le sostanze che si trovano nella cannabis possono aiutare ad alleviare i sintomi della sindrome di Tourette.

Gli studi sugli animali mostrano che i cannabinoidi hanno un effetto specifico sui gangli della base e su altre regioni cerebrali che sono implicate nella sindrome di Tourette.

Sono stati pubblicati numerosi casi di pazienti che usano la cannabis per ridurre o eliminare il comportamento ossessivo-compulsivo. Uno studio ha scoperto che la cannabis può migliorare l’efficacia dei farmaci antipsicotici per questo disturbo.

Lo studio a doppio cieco e randomizzato controllato con placebo è considerato lo studio clinico più affidabile per determinare l’efficacia del trattamento. Sono stati pubblicati due studi che hanno esaminato l’efficacia del THC per il trattamento della sindrome di Tourette. Il primo studio, che ha coinvolto 12 adulti, ha mostrato che 10 pazienti hanno subito un sostanziale miglioramento dei loro sintomi a seguito di una dose di THC che variava dal 20 al 90 % di riduzione della gravità dei sintomi. Un secondo studio di ricerca su 24 partecipanti ha mostrato risultati simili, ma senza un impatto negativo sulla cognizione. La memoria verbale era in realtà migliore all’interno del gruppo di utenti di cannabis.

Gli effetti avversi acuti causati dalla cannabis e dal THC sono ben documentati e sono considerati più sicuri della maggior parte dei farmaci che sono attualmente utilizzati per il trattamento della sindrome di Tourette. La dose che causa la morte dalla cannabis e dal THC per gli umani non è nota e non ci sono prove di morti direttamente causate dalla tossicità della cannabis.

Ho assistito personalmente alla cannabis come trattamento per i casi debilitanti di sindrome di Tourette, a seguito di altri trattamenti non avevano funzionato.

Riferimenti:

Medscape. “Sindrome di Tourette e altri disturbi Tic.” Accesso al 13/11/12. http://emedicine.medscape.com/article/1182258-overview

Muller-Vahl, Kirsten Muller-Vahl, Kirsten. “I cannabinoidi riducono i sintomi della sindrome di Tourette.” Opinione degli esperti sulla farmacoterapia 4.10 (2003): 1717-1725.

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 × 3 =