11 min.

✓ Evidence Based


Rate post

Last updated on 24 Maggio 2022

Cos’è CBD

Il CBD è un composto cannabinoide. (CBD) è una sostanza chimica cannabinoide con la stessa struttura molecolare del tetraidrocannabinolo (THC) tuttavia, ha proprietà distinte e diverse. Il CBD fu scoperto per la prima volta nel 1940 attraverso Roger Adams e identificato chimicamente nel 1963 da Mechoulam e Shvo. Molte persone sono scioccate nello scoprire che la canapa non produce direttamente CBD. La pianta in realtà crea acidi di cannabidiolo (CBDA) che si converte in CBD lentamente a temperatura ambiente o rapidamente se esposta a temperature estreme.

Sebbene il CBD abbia molti degli effetti benefici come il suo cugino stretto come l’alleviamento del dolore, dell’ansia, delle convulsioni, dell’infiammazione e del vomito, queste due sostanze si comportano in modo molto diverso all’interno del corpo. Inoltre, e contrariamente al THC, il CBD non interferisce con la funzione fisica o mentale per la maggior parte degli utenti anche in dosi molto elevate.

Nel presente, il CBD è un’area entusiasmante della ricerca medica, nonché media e leggi popolari relative alla cannabis. Il CBD è ora uno spettacolo comune negli scaffali dei negozi di alimenti naturali e i risultati di ricerca sui motori di ricerca per una varietà di disturbi medici, ma sii scettico su tutto ciò che leggi. Sebbene il CBD sia un componente molto sano e sicuro che si trova nella cannabis, ha molte idee sbagliate e miti sul CBD.

È anche importante ricordare che la ricerca condotta da umani su questi cannabinoidi si sta sviluppando. A partire da ora, siamo ancora meno ben informati riguardo al CBDA rispetto al CBD. Ma la ricerca preliminare suggerisce che anche piccole quantità di CBDA potrebbero avere profondi effetti fisiologici.

Come funzionano CBD e CBDA con il cervello e il corpo

È difficile credere alle affermazioni del CBD che aiutano molti problemi diversi, ma i molti benefici del CBD sono in linea con la funzione cruciale che il sistema endogeno (sistema endocannabinoide o EC) sta giocando nella nostra salute generale. Oltre alla sua capacità di regolare la tua EC, agisce CBD sui recettori della serotonina, che probabilmente contribuirà ai suoi effetti positivi su ansia, umore e nausea, nonché la capsaicina (l’ingrediente attivo nei peperoncini caldi), che potrebbero contribuire ai suoi effetti sull’infiammazione e sul dolore. Questa attività poliedrica, insieme alla sua comprovata sicurezza, è la ragione principale per cui la canapa è in grado di beneficiare di numerose persone con diversi obiettivi di salute.

Ci sono molti aspetti ai quali la CBDA funziona in modo simile al CBD in molti modi e ha attività sulla serotonina e sui recettori della capsaicina. Contrariamente al CBD, il CBDA non ha dimostrato di influenzare i recettori dei cannabinoidi. È stato dimostrato che inibisce gli enzimi COX che causano infiammazione, che è un processo simile che viene utilizzato dai popolari farmaci antinfiammatori disponibili al banco.

Il CBDA ha una maggiore biodisponibilità, il che significa che viene assorbito in modo più efficace – tra 5 e 10 volte meglio rispetto al CBD sotto forma di capsule orali [11]. Ci sono prove basate sugli animali secondo cui il CBDA è più potente e potente di CBD e CBD, non solo perché il CBDA viene assorbito in modo più efficiente, ma anche perché si esibisce in modo più efficace. Ad esempio, gli studi sugli animali hanno dimostrato che il CBDA è 10 volte più potente del CBD nel modello di convulsioni [100x più potente in una simulazione di dolore infiammazione [100x più potente in una simulazione di nausea [4] e 50.000 volte più potente e più potente Modello d’ansia [55].

Informazioni sul sistema endocannabinoide

L’ECS è un organello che si trova in tutti gli animali e ci aiuta a gestire malattie e lesioni e a mantenere una salute sana. Gli endocannabinoidi e i loro recettori possono essere presenti in tutto il nostro corpo. Il CBD è un meccanismo che regola le attività dell’ECS e una varietà di altri organi nel corpo.

Il CBD colpisce gli EC riducendo l’assorbimento e la rottura dell’anandamide, una delle sostanze prodotte da noi che stimola i recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2) all’interno delle nostre cellule. L’anandamide può essere considerata come la versione della farmacia interna del corpo del THC. Riducendo il suo assorbimento e il CBD di rottura aumenta la quantità di anandamide accessibile. È inoltre dimostrato che il CBD regola le azioni sui recettori CB1. Ciò può aiutare in caso di attività di oltre CB1. CBDA non è attivo sul recettore CB1, come fa CBD.

Oltre al suo impatto sull’ECS, il CBD lavora in varie altre posizioni all’interno del corpo, che sono associate a benefici per la salute

  • Il CBD è uno stimolante per il suo “recettore della capsaicina” (canale TRPV1) noto per il suo effetto sull’infiammazione e sul dolore. Contrariamente alla capsaicina, che viene spesso utilizzata nelle formulazioni topiche, il CBD non provoca una spiacevole sensazione di bruciore né in bocca, né sulla superficie della pelle.
  • Il CBD aumenta i recettori della serotonina 5HT1A associati all’umore, all’ansia cognitiva, all’impostazione sessuale della socievolezza, alla nausea impulsività, al flusso sanguigno e all’eccitazione.
  • Si ritiene che il CBD stimoli il recettore A2 di adenosina, che è implicato nella neuroprotezione e nell’attività antinfiammatoria.

Ci sono differenze importanti tra CBD e CBDA

CBD e CBDA hanno una varietà di caratteristiche fisiologiche, tuttavia, hanno anche distinzioni significative. Questi sono i punti più importanti da tenere a mente:

  • Il CBDA viene più prontamente assunto e usato nel corpo umano quando viene preso attraverso la bocca, al contrario del CBD. CBDA e CBD possiedono entrambi proprietà antinfiammatorie, ma possono lavorare attraverso diversi meccanismi all’interno del corpo. Ad esempio, in contrasto con CBD, è stato dimostrato che CBDA bloccò l’enzima COX-2, che è un farmaco tipico usato per trattare l’infiammazione.
  • Il CBDA potrebbe essere più potente del CBD per alcune applicazioni nei modelli di roditori di nausea, stress e convulsioni correlate all’ansia. Non siamo sicuri che questi risultati si tradiscano in esseri umani, tuttavia è possibile che il CBDA possa essere più efficiente del CBD in dosaggi più bassi.
  • CBDA non sarà in grado di contrastare le conseguenze negative di THC la forma più comunemente usata di CBD. Molte persone sono entusiaste dagli effetti che provengono da CBD e THC, tuttavia, altri credono che il CBD riduca i benefici terapeutici del THC.

La differenza tra CBD e THC

Sebbene ogni CBD e THC sia entrambi in grado di influenzare i rispettivi EC, il CBD è molto più delicato e tollerante. Molti utenti del THC hanno un intervallo terapeutico limitato, il che significa che eccessivamente bassa o eccessiva della dose potrebbe non essere in grado di fornire un effetto positivo o innescare reazioni avverse o effetti avversi. Tuttavia, la maggior parte degli utenti del CBD può assumere dosi grandi senza effetti negativi laterali. Sebbene il CBD sia in grado di, in vari modi imitare gli effetti terapeutici del THC, tuttavia, non è in grado di sostituire i benefici terapeutici del THC.

I vantaggi della combinazione di CBD, CBDA e THC

Alcuni utenti del THC godono dei benefici medicinali, tuttavia, non apprezzano gli effetti psicoattivi che possono includere euforia, ansia e perdita di valore. La combinazione di CBD e THC generalmente impedisce effetti psicoattivi indesiderati e consente agli utenti di THC di assumere più dose, il che ha più benefici nel complesso.

Altri utenti THC godono dei suoi effetti psicoattivi che possono migliorare le attività creative, sociali e spirituali. È improbabile che il CBD fornisca questi vantaggi, ma può sicuramente aiutare le persone a sentirsi più concentrate, centrate e altamente performi. Se sei un fan dei vantaggi del CBD ma non vuoi ridurre la potenza che THC ha, CBDA può essere un’ottima opzione.

In quali condizioni possono aiutare CBD

Il sistema endocannabinoide del tuo corpo (ECS) ha funzionato dal momento in cui sei nato, per garantire l’equilibrio delle cellule e aiutare la guarigione da lesioni e malattie. È presente in tutti gli organi e i tessuti del corpo e degli organi, è che l’EC regola le funzioni dei sistemi cardiovascolari, immunitari e muscoloscheletrici ed è un importante influencer su tutti gli aspetti del nostro benessere.

CBD potrebbe migliorare:

  • Infiammazione
  • Ansia e umore
  • Sonno
  • Resilienza allo stress
  • Cognizione
  • Guarigione del sistema neurologico

CBD per ansia

Il CBD potrebbe essere utile per alcuni individui che soffrono di disturbi d’ansia. Il CBD potrebbe essere utile nell’aiutare le persone a ridurre l’ansia associata a frequenti situazioni che inducono lo stress.

Oltre all’effetto del CBD sull’ECS che probabilmente spiegherà alcune delle sue proprietà anti-ansia, CBD colpisce anche obiettivi non ECS. Ad esempio, il CBD è un agonista del recettore della serotonina. La serotonina è un neurotrasmettitore associato alla felicità e una sensazione di soddisfazione ed è un fattore chiave nell’ansia e nella nausea. Il CBD stimola questo recettore in modo simile alla serotonina, un neurotrasmettitore, un motivo aggiuntivo per cui il CBD è così utile nel ridurre l’ansia, la messa a fuoco e altre aree del benessere psicologico.

Il CBD è generalmente riconosciuto come più sicuro dei farmaci benzodiazepina come Ativan o Valium se è efficace, è probabile che inizi a funzionare molto più rapidamente agli antidepressivi SSRI. I pazienti che non rispondono pienamente ai prodotti a base di CBD potrebbero trovare più sollievo quando combinano CBD con THC.

  • Segnalazione del dolore
  • Funzione intestinale
  • Recupero dei tessuti dopo l’allenamento o un infortunio
  • La ricerca futura su umani e animali promette di scoprire ulteriormente …

CBD per dormire

Molti utenti hanno riportato un successo usando il CBD prima del letto e durante la notte e alcuni riferiscono che l’uso di CBD durante il giorno può aiutare le persone a dormire meglio e rilassarsi più profondamente di notte.

Ma il CBD può interrompere il sonno solo in poche persone se prese prima di andare a letto. il dottore. Davis consiglia di provare prima il CBD al mattino e a mezzogiorno per circa 3-5 giorni prima di provarlo prima di andare a letto per garantire un sonno restauro e regolare è fondamentale per riprendersi e mantenere una salute sana.

Sulla base dei commenti dei clienti e dei pazienti, CBDA potrebbe essere ancora più efficace nel migliorare il rilassamento rispetto al CBD.

CBD per dolore

Il CBD funge da antinfiammatorio, il che significa che riduce il dolore attraverso una varietà di meccanismi. Come abbiamo già detto, il CBD stimola il “recettore della capsaicina” (canale TRPV1) che è un bersaglio che è noto per il suo effetto sull’infiammazione e sul dolore. Contrariamente alla capsaicina, che viene spesso utilizzata nella preparazione di creme topiche per curare il dolore all’artrite, il CBD non crea una sensazione di bruciore e rende l’utilizzo più rilassante.

CBD per convulsioni

I cannabinoidi sono naturalmente neuroprotettivi in realtà il cervello produce cannabinoidi dopo lesioni per l’obiettivo di ridurre al minimo il danno e incoraggiare la guarigione. Rispetto alla maggior parte dei farmaci antiepilettici che hanno dimostrato di ostacolare la funzione e lo sviluppo del cervello, i cannabinoidi possiedono una prestazione di sicurezza superiori. Se l’utilizzo di cannabinoidi è in grado di ridurre la frequenza, la durata o l’intensità delle convulsioni, è certo incoraggiare lo sviluppo del cervello e non ostacolarlo.

Nel mezzo di una crescente indagine scientifica sui cannabinoidi non THC e non di coppia, l’interesse pubblico sul CBD è aumentato nel 2013 a seguito della premiere del primo documentario correlato alla cannabis della CNN “Weed”. Lo spettacolo ha raccontato la storia di una ragazza di quattro anni le cui convulsioni resistenti al trattamento sono state curate da un tipo di cannabis senza CBD e non di pittura. Il chemiovar in seguito fu nominato “Charlotte’s Web” dopo di lei.

I malati di epilessia con varie forme o convulsioni che stanno assumendo farmaci da prescrizione dovrebbero parlare di CBD con il proprio medico prima di iniziare. Il CBD può interferire in combinazione con farmaci come farmaci convulsivi come Clobazam e acido valproico, nonché altri farmaci che sono metabolizzati dagli enzimi epatici CYP3A4 e CYP2C19.

CBD e cancro

I cannabinoidi hanno dimostrato di influenzare e colpire le cellule tumorali in modo diverso in modo diverso rispetto alle cellule sane e normali. Per vari tipi di cancro, i cannabinoidi hanno dimostrato di fermare la crescita del tumore e causare la morte cellulare. Fermano anche la crescita dei vasi sanguigni che forniscono il tumore e bloccano la diffusione del cancro da un’area del corpo e poi alla successiva. Sebbene siamo ancora lungi dal conoscere il modo migliore per usare la cannabis per combattere diverse forme di cancro, si stabilisce che la cannabis può aiutare nel trattamento dei sintomi del cancro e gli effetti avversi del trattamento per il cancro e potrebbero aiutare a migliorare il Effetti antitumorali dei trattamenti standard.

Un’abbondanza di prove di ricerca fatte dalla ricerca sugli animali e dalla ricerca cellulare mostra i numerosi benefici dei cannabinoidi nella lotta contro il cancro come il CBD secondo il Dr. Davis ha commentato un articolo a foglia. In particolare, il CBD raramente provoca effetti avversi, ma può fornire un sollievo significativo da solo ed è particolarmente efficace come alternativa al THC.

I ricercatori stanno ora iniziando a scavare più a fondo nei modi in cui il CBD potrebbe lavorare in sinergia con farmaci chemioterapici che sono comunemente usati e i modi in cui questo potente cannabinoide potrebbe essere spostato dal laboratorio e in ambito clinico.

CBD e artrite

Poiché il CBD attiva il suo “recettore della capsaicina” (canale TRPV1) noto per il suo effetto sull’infiammazione e sul dolore, nonché altre azioni che riducono la segnalazione del dolore, il CBD può aiutare i malati di artrite. Contrariamente alla capsaicina, che viene ampiamente utilizzato nei tradizionali trattamenti topici, il CBD non causa una spiacevole sensazione di bruciore all’interno della bocca o persino sulla pelle. Il CBD è anche in grado di aiutare nella guarigione ossea e ridurre la formazione di cicatrici, il che è benefico per i malati di artrite.

Guida al dosaggio CBD

Come usare il CBD

Dopo aver osservato centinaia di pazienti che usano la cannabis da oltre 10 anni e mezzo, la dott.ssa Nicole Davis ha visto in prima persona il sollievo che il CBD può offrire per una varietà di disturbi. Sebbene possa sembrare troppo promettente per essere reale, il CBD è un trattamento incredibilmente flessibile e sicuro.

Man mano che la ricerca continua a scoprire maggiori informazioni sui meccanismi e gli effetti dell’azione dell’esperienza del Dr. Davis in clinica e nuove ricerche dimostrano che il CBD è una sostanza non tossica, non jurio e non acconciata che promuove benessere nei modi seguenti e altro ancora

  • Migliora la consapevolezza e il pensiero chiaro*
  • Aiuta a ridurre l’infiammazione e il dolore dopo l’attività fisica.
  • Migliorare l’umore, aumentare la resilienza allo stress e facilitare l’irritazione*
  • Può migliorare le prestazioni e il recupero dall’esercizio.

Quale è meglio per me? CBD o CBDA?

Si raccomanda di iniziare con un CBD affidabile a spettro completo, ad ampio spettro o ad ampio spettro che contiene flavonoidi, terpeni e altri composti essenziali a base vegetale, come CBDA se è possibile. Ma devi iniziare con il prodotto CBDA CBDA quando:

  • Sei consapevole di reagire più fortemente al CBDA piuttosto che al CBD
  • Hai provato CBD in precedenza in quantità basse o alte (25-50 mg) ma non sei soddisfatto dei risultati.
  • Stai utilizzando il THC e non desideri che il tuo prodotto di canapa modifichi gli effetti del THC.

Come si usano THC insieme a CBDA e CBDA per una salute migliore

Trova che il rapporto ottimale tra CBD e THC è estremamente efficace e ben tollerato, oltre che non dannoso. Prendi in considerazione quantità basse o moderate di CBD nel rapporto 1: 4 THC: CBD (1 mg THC a 4 mg di CBD o un rapporto più elevato in CBD).

Il Dr. Davis raccomanda di esplorare l’uso di THC e CBD sotto la supervisione da parte di professionisti medici.

Come usare l’olio di CBD

Il fattore più importante per raggiungere il successo con il CBD è utilizzare un dosaggio adattato ai requisiti specifici. Per raccogliere i massimi benefici dal CBD è essenziale determinare il tuo dosaggio ideale e la frequenza in cui dovresti prenderlo.

Il Dr. Davis raccomanda di iniziare con gocce di CBD che sono poste sotto la lingua. Una porzione di CBD e altri composti vegetali benefici vengono assorbiti direttamente nel flusso sanguigno attraverso i capillari che fiancheggiano la bocca, con conseguente rapido sollievo. Il resto viene assorbito attraverso la deglutizione per fornire un ritardo negli effetti. Inoltre, il consumo di CBD in questo modo consente la messa a punto necessaria per determinare il dosaggio più efficace per te.

Il consumo di gocce di CBD (o capsule o edibili) durante un pasto o uno spuntino che ha grassi può aumentare l’assorbimento cinque volte e renderlo più potente ed economico.

Come usare il CBD sotto la lingua

Se prendere le gocce di CBD sublingualmente (sotto la lingua) non è possibile aggiungerle al cibo o usare il CBD in Capsule Formcan, è altrettanto efficiente. I risultati potrebbero richiedere più tempo e potrebbe essere necessario consumare una quantità maggiore a causa del fatto che il CBD attraversa prima il tratto digestivo. Ciò influisce sull’inizio degli effetti e sulla sua potenza. Se i commestibili, le capsule o qualsiasi altra forma di CBD impiegano troppo tempo per iniziare a funzionare o non funzionano bene a dosi moderate o alte o per quelli con motivazione digestiva debole, considera di cambiare le gocce.

Come usare topici e lozioni CBD

Molte persone non sono consapevoli del fatto che le gocce di CBD possano essere applicate direttamente sulla pelle per trattarla come un’applicazione di topico. Loro, insieme a diverse lozioni, salve, balsami o preparati in gel sono in grado di essere utilizzati per alleviare spasmi muscolari, dolore, infiammazione e altri problemi della pelle, come l’eczema. Il gel topico CBD di canapa è un prodotto a base d’acqua, per farti sentire meno oleoso e asciutto più velocemente.

Come utilizzare i vape CBD

Per sintomi occasionali, le penne a vaporizzazione CBD possono offrire un rapido sollievo. Il rischio di conseguenze negative a lungo termine di una varietà di prodotti disponibili, che spesso contengono solventi tossici e metalli pesanti è maggiore dei vantaggi. I tipi più sicuri e più sicuri di CBD sono gocce, capsule e topici di società di fiducia. Se sei un fan di CBD Vapor, assicurati di chiedere informazioni su una terza parte che conferma che il prodotto è privo di contaminanti e altri additivi.

Il CBD è legale?

Nel 2018, la fattura agricola 2018 ha fatto enormi progressi nella legalizzazione dei prodotti CBD, poiché ha sollevato la canapa dalla legge sulle sostanze controllate. Le leggi statali differiscono, ma ora la canapa può essere coltivata legalmente nel suolo degli Stati Uniti.

Il CBD deriva dalla canapa e ha meno dello 0,3 per cento che il THC è legalmente legale in tutti gli stati e nei territori statunitensi. Tuttavia, le leggi di ogni stato e città differiscono per la vendita, la produzione e l’uso di prodotti CBD. Assicurati di verificare se i prodotti CBD sono legali nella tua zona. Prodotti CBD nell’area in cui risiedi.

Citazioni dell’articolo:

[1] Pellesi, Lanfranco, et al. “European Journal of Clinical Pharmacology 74.11 (2018): 1427-1436.

[2] Anderson, Lyndsey L., et al. Journal of Natural Products 82.11 (2019): 3047-3055.

[3] Rock, Erin M., et al. Psicofarmacologia 235.11 (2018): 3259-3271.

[4] Rock, E. M., et al. British Journal of Pharmacology 169.3 (2013): 685-692.

[5] Rock, Erin M., et al. Psychopharmacology 234.14 (2017): 2207-2217

Author

Integrative medicine specialist | View posts

Nicole Davis is a integrative medicine specialist who focuses on sleep and fatigue. She has extensively explored the therapeutic properties of cannabis, and provides specialized treatment plans according to personal symptoms. Dr. Davis is passionate about helping people feel their best, and believes that everyone deserves access to quality healthcare.

Connettiti su Facebook con altre persone che utilizzano il CBD

Vorresti conoscere l'esperienza di altri utenti di CBD? Hai domande sul CBD? C'è un gruppo CBD attivo su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

undici − 6 =